Comprare Azioni Apple: Guida Passo Passo

comprare azioni apple
ottobre 19, 2018
|
Comments off
|

Sono tanti i trader che decidono di comprare azioni Apple. Non potrebbe essere altrimenti dato che parliamo di una società che ha rivoluzionato il mondo e che si contraddistingue per la capitalizzazione più alta a livello globale. Puntare sulle azioni Apple può garantire soddisfazioni interessanti. Quello che conta per porre le basi necessarie a ottenere risultati è prima di tutto non improvvisarsi. Fondamentale è formarsi e, una volta acquisita la giusta confidenza, operare su broker sicuri, come per esempio Plus500.

Dopo questa doverosa premessa non possiamo che invitarti a leggere la guida che abbiamo preparato per chi, come te, vuole cominciare a comprare azioni Apple. Come puoi vedere, qui sotto c’è anche un indice, grazie al quale potrai individuare e approfondire gli argomenti che ti interessano maggiormente.

Azioni Apple quotazione in tempo reale


Il grafico qui sopra mostra le quotazioni in tempo reale delle azioni Apple.

Azioni Apple Borsa: panoramica generale della società

Prima di entrare nel vivo dei consigli pratici per comprare azioni Apple, parliamo delle caratteristiche principali della società. Apple Inc., inizialmente conosciuta come Apple Computer, è una società fondata nel 1976 da Steve Jobs e Steve Wozniak. Il gruppo, specializzato nella produzione e commercializzazione di computer, ha rivoluzionato il mondo dell’informatica prima e la cultura in generale dopo.

Ad Apple dobbiamo per esempio il leggendario computer Macintosh. In anni più recenti, il gruppo di Cupertino ha cambiato il volto del modo di lavorare e comunicare con device come l’iPod, l’iPhone e l’iPad.

Oggi come oggi, Apple ha più di 6000 dipendenti nel mondo e propone i suoi prodotti anche grazie agli Apple Store, che sono più di 300 in tutto il mondo e si trovano in 12 Paesi. Il successo della mela morsicata è innegabile. Allo stesso modo è impossibile non riconoscere la presenza di concorrenti molto agguerriti, che minacciano la sua indiscussa posizione di leadership. In questo novero è possibile includere senza dubbio Samsung, un player di indiscussa importanza nel settore degli smartphone. Negli ultimissimi tempi, si sono fatti strada anche altri colossi, come per esempio HTC e Huawei.

Per quanto riguarda i computer, tra i principali concorrenti di Apple è possibile includere indubbiamente Microsoft. L’azienda fondata da Bill Gates, infatti, propone al mercato il sistema operativo Windows, concorrente diretto del Mac.

Degne di citazione sono anche le numerose partnership che, nel corso degli anni, il gruppo di Cupertino ha stipulato con diverse realtà nel mondo della tecnologia. In questo novero è possibile includere Cisco, un colosso con il quale l’azienda fondata da Steve Jobs ha stipulato una partnership con lo scopo di sviluppare delle soluzioni d’impresa. Per le soluzioni di impresa mobile, invece, Apple ha siglato un accordo con IBM.

In entrambi i casi l’obiettivo è stato quello di consolidare la presenza del brand della mela in ambito business, un comparto nel quale ha ancora bisogno di prendere terreno rispetto ad altri marchi tecnologici.

Azioni Apple Nasdaq: consigli per trattarle

Quando si parla di consigli dedicati a chi vuole comprare azioni Apple, è il caso di dire che puntare su questa società rappresenta una buona idea. Il volume di affari di Apple, i cui titoli sono quotati sul Nasdaq (ci muoviamo in ambito tecnologico non dimentichiamolo), è infatti in continua crescita.

Per capire meglio come vanno le cose si possono prendere in considerazione strumenti di grande importanza, ossia i grafici. Osservandoli si può notare che, dal 2005 ad oggi, il titolo Apple è stato interessato da una crescita costante estremamente volatile. Non esiste un caso simile in tutto il mercato borsistico. Le azioni della società fondata da Steve Jobs sono state coinvolte da micromovimenti sia al rialzo, sia al ribasso. Il primo picco è arrivato nel 2007. Dal 2013, invece, la crescita è stabile e costante al rialzo.

Società con la maggior capitalizzazione borsistica al mondo, Apple ha anche dei contro per gli investitori che vogliono acquistare i titoli. Prima di tutto è il caso di ricordare che si tratta di titoli molto richiesti dai trader, motivo per cui è facile che diventino estremamente speculativi.

Molto reattivi alle configurazioni grafiche, possono essere coinvolti in cambiamenti anche importanti nel breve periodo. Un altro aspetto degno di nota riguarda la dipendenza dai prodotti di punta, ossia iPhone e iPad. La Apple ha un successo mai visto nel mercato, ma è tutto concentrato attorno a questi prodotti. In molti casi, infatti, si è parlato dell’opportunità di una strategia di diversificazione e di una innovazione che, da qualche anno a questa parte, fa fatica a emergere soprattutto nel comparto telefonia, quello maggiormente al centro dell’attenzione degli utenti.

Un altro aspetto indubbiamente critico riguarda la fascia di prezzi molto ristretta e alta. Apple, a differenza di altri concorrenti, intercetta quindi solo un segmento di mercato e fa non poca fatica a posizionarsi in fascia media e bassa. Tutto questo va assolutamente considerato se si vuole avere una panoramica completa e consapevole. Tra gli altri consigli da considerare troviamo l’importanza di tenere sotto controllo l’offerta ai professionisti, un comparto che Apple deve ancora consolidare.

Altrettanto rilevante è osservare la capacità di penetrare il mercato di gamma media, per non parlare dei Paesi ancora difficili da raggiungere per via della forte concorrenza di prezzo. Essenziale è pure prendere in esame i possibili scandali legati alla strategia di marketing eccessivamente aggressiva, per alcuni ai limiti della mancanza di etica.

Quanto appena descritto è fondamentale in quanto permette di gettare basi utili per capire l’andamento dei titoli, essenziale per operare con i CFD. I Contracts for Difference sono strumenti derivati che consentono di operare senza acquistare l’asset, ma considerando il suo andamento. Vediamo meglio i dettagli nelle prossime righe.

comprare azioni apple

Azioni Apple CFD: come fare trading

I CFD, come già detto, permettono di fare trading con le azioni Apple senza bisogno di acquistarle. Il trader che li sceglie, guadagna sulla differenza di prezzo tra l’apertura e la chiusura di una posizione. Ovviamente si tratta di differenza di prezzo del Contratto per Differenza, motivo per cui, prima di tutto, si risulta tutelati dalla volatilità.

In secondo luogo, è il caso di ricordare che, con i CFD, è possibile trarre profitto anche in caso di perdita di quota da parte dell’asset. Quello che conta, infatti, è aprire la posizione giusta tra long (acquisto) e short (vendita). Utilizzando questi strumenti, si elimina quindi il problema delle perdite in caso di situazione negativa di un asset.

Fondamentale è ricordare anche il fatto che i CFD sono estremamente economici. L’unico onere di cui tenere conto è infatti lo spread, ossia la differenza tra bid e ask. Hanno però anche un rovescio della medaglia non indifferente, ossia la leva finanziaria. Questo moltiplicatore permette infatti di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella effettiva del deposito. In questo modo si riescono ad amplificare i guadagni, ma vale lo stesso anche per le perdite.

Per questo motivo è essenziale familiarizzare al meglio con i meccanismi di Stop Loss, che indicano al broker il momento preciso per arrestare le perdite.

In ogni caso i CFD rappresentano una valida soluzione per fare trading sui titoli di un’azienda come Apple che, come abbiamo appena visto, è caratterizzata da numerosi punti forti ma anche da punti deboli che possono mettere a rischio il valore delle azioni.

Sono strumenti legali e semplici da utilizzare, che devono però essere considerati nell’ambito di contesti come i broker online, portali legali e controllati grazie ai quali è possibile tradurre in pratica le proprie strategie di trading online. Vediamo nelle prossime righe perché è il caso di sceglierle e, nello specifico, quali sono le peculiarità di Plus500.

Come comprare azioni Apple su Plus500: guida passo passo

Comprare azioni Apple su Plus500 è un’ottima idea in quanto si parla di un broker assolutamente legale. Elencare le sue caratteristiche è molto utile per capire come orientarsi nella scelta dei vari broker.

Prima di tutto, è il caso di ricordare che Plus500 è un broker assolutamente legale. Dotato di licenza Cysec e autorizzazione da parte della Consob, è controllato a livello internazionale e risponde alle normative che, da una decina d’anni, regolamentano il trading online.

Attenzione! Questo non significa che chi opera su questo broker sia immune da perdite. Il vantaggio consiste nell’essere tutelati da truffe e da possibili furti dei dati.

Un’altra caratteristica interessante e fondamentale per un broker sicuro è la gratuità. Plus500 non richiede commissioni, ma guadagna solo dallo spread, ossia la differenza tra bid e ask. Questo broker, come tutti gli altri del medesimo livello e che considerano con la stessa attenzione l’aspetto legale, permette di aprire un conto demo. Questo è importantissimo. Grazie al conto senza denaro reale, è infatti possibile esercitarsi senza mettere a rischio il proprio capitale e acquisire la giusta confidenza con la piattaforma e l’asset.

Dopo 2/3 ore di utilizzo, però, è altamente consigliabile abbandonare il conto demo e fare il salto di qualità. Solo con il conto con denaro reale è infatti possibile interfacciarsi con il vero volto del trading online, fatto da un rischio che è impossibile eliminare ma che bisogna imparare ad affrontare.

Detto questo, possiamo entrare nel vivo dei passi da seguire per aprire il conto demo, la soluzione indubbiamente migliore per iniziare.

Plus500 demo: come aprirlo per iniziare a fare trading con le azioni Apple

Entriamo nel vivo dei consigli pratici per comprare azioni Apple parlando di come aprire il conto demo. Si inizia cliccando sul pulsante “Inizia a fare trading adesso”. A questo punto si apre una pagina che permette di scegliere la modalità di conto e di scaricare l’app dedicata.

Una volta scelta la modalità demo, basta confermare i propri dati e trovarsi davanti a una schermata come quella che puoi vedere qui sotto:

comprare azioni apple

Come puoi vedere, aprire e chiudere le posizioni è molto semplice. Lo stesso vale per la visione degli ordini e delle posizioni aperte e chiuse. Ribadiamo che dopo qualche ora è il caso di aprire il conto con denaro reale. Per farlo, è sufficiente effettuare un deposito minimo di 100 euro, in quanto Plus500 è un broker market maker.

I soldi in questione vengono custoditi su conti ad hoc, in modo da tutelare i fondi degli utenti in caso di problemi al broker.

Tenendo conto di queste indicazioni è possibile cominciare a comprare azioni Apple (la terminologia non è delle più corrette ma dopo aver parlato dei CFD le cose sono chiare). Per farlo è utile mettere in atto alcune strategie, come per esempio il Money Management. In cosa consiste? Nella divisione del capitale in più parti, ciascuna delle quali va assegnata a un asset o a una singola operazione. In generale, si dovrebbe evitare di puntare più del 5% ogni volta.

Non c’è che dire: le opportunità per fare trading con le azioni Apple sono molto interessanti. Quello che conta, ribadiamo, è scegliere broker legali e ricordare che, sia quando si decide di comprare azioni Apple sia quando si opera con altri asset, il trading online non garantisce in alcun modo guadagni certi e che chi dice il contrario mente sapendo di mentire.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento