Apertura di un conto Forex

dicembre 21, 2012
|
Comments off
|

Il percorso che porta ad aprire un conto forex non sempre è lineare. Ci sono persone che vivono l’apertura di un conto forex con entusiasmo, magari pensando che il forex le farà diventare ricche. Altre che vivono questo cammino con dubbi di varia natura, perplessità e paura. In effetti aprire un conto forex è un’attività decisiva se si vuole guadagnare e paradossalmente hanno ragione coloro che pongono attenzione e si avvicinano al forex con un po’ di paura.

Intendiamoci: il forex è sicuro, affidabile, è possibile guadagnare molti soldi. Ma la paura, quando ci si avvicina al forex, aiuta a fare la scelta giusta al momento giusto. E qual è la scelta che bisogna fare? Quella della piattaforma forex, ovviamente.

Questo articolo è una breve guida dedicata a coloro che hanno deciso di aprire un conto forex.

Conto demo forex

Per prima cosa, quando si apre un conto forex è sempre opportuno sperimentare il funzionamento della piattaforma con un conto demo forex. Ma allora, le demo del forex funzionano oppure non funzionano? Le demo possono essere utili per valutare bene il funzionamento di una piattaforma, per evitare brutte sorprese. Possono essere perfino utili a chi apre il primo conto forex per riuscire a capire a fondo i meccanismi alla base del forex trading. Ma si tratta di un simulatore forex , non di forex trading vero e proprio. E’ una differenza da tenere a mente. Non bisogna, insomma, abituarsi troppo alle demo perché si rischia di dimenticare che operare sul forex è rischioso. Con una demo, in fondo, non si perde mai.

Consigli forex

Chi ha deciso di procedere all’apertura di un conto dovrebbe valutare con attenzione il broker. In effetti esistono migliaia di broker disponibili online ma non sono tutti uguali. Ci sono broker eccellenti, broker che supportano il trader in ogni fase del processo e lo fanno guadagnare, e broker pessimi, che gli fanno perdere soldi. Siccome operiamo nel forex con l’obiettivo di guadagnare il massimo possibile, dobbiamo fare attenzione a scegliere i primi e non i secondi. Esistono online molti siti che si occupano di stilare classifiche dei migliori forex broker e ci sono anche tante pagine con consigli per la scelta del broker. Anche noi di TradingOnline.me, ovviamente, abbiamo dato il nostro contributo con questa pagina dedicata a come scegliere il broker.

Il nostro consiglio è di investire quanto più tempo possibile nella scelta della piattaforma di trading. Non si tratta di una perdita di tempo, come molti possono pensare, ma di un investimento dal rendimento altissimo.

Aprire il conto

Una volta scelta la piattaforma, bisogna passare ad aprire il conto. Per fare questo, di solito è sufficiente aprire il sito web del forex broker scelto e inserire i propri dati. Attenzione: i dati che si inseriscono devono essere rigorosamente corretti. Molto spesso chi apre un conto forex pensa che si tratti di un gioco. Si tratta invece di qualcosa di estremamente serio. Per dire, questi dati possono essere utilizzati anche a fini fiscali o per verifiche anti riciclaggio. Ancora più banalmente, inserire dati corretti serve anche a poter prelevare il proprio denaro. Molto spesso si tende ad aprire conti con dati falsi quando si pensa di operare solo in demo, quindi senza soldi veri.
Proprio per evitare problemi di questo tipo, i migliori forex broker, anche in ottemperanza a quanto richiesto dalle autorità europee, hanno cominciato a richiedere documenti identificativi (passaporto, carta di identità) ma anche prove di residenza effettiva (ad esempio, bollette intestate al proprietario del conto forex).

Depositare sul conto

Una volta scelto il broker e aperto il conto, è arrivato il momento di effettuare il primo deposito. E’ possibile trasferire il denaro sul conto forex con diverse modalità: bonifico, carta di credito, sistemi di pagamento elettronico come Skrill o Paypal. E’ importante ricordare, prima di effettuare il deposito, che di solito i broker fanno effettuare il prelevamento con la stessa modalità con cui è stato effettuato il deposito fino all’ammontare della somma depositata. Facciamo un esempio concreto. Se deposito 1.000 euro con carta di credito e guadagno 5.000 euro con il trading, avrò sul conto forex 6.000 euro. Se voglio prelevare tutto, potrò prelevare 1.000 euro con carta di credito (viene effettuato uno storno) e gli altri 5.000 con qualunque altro metodo a mio piacimento. Si tratta, purtroppo, di una regola imposta dalle normative antiriciclaggio europee e non può essere aggirata in nessun modo.

Il rispetto rigoroso di tutte le normative antiriciclaggio e antievasione da parte di un broker è visto con fastidio da parte di molti trader. Alcuni ritengono che si tratti di burocrazia inutile. Forse è vero. Tuttavia è anche una garanzia per il trader. Se il broker ci tiene tanto a rispettare la legge, vuol dire che è onesto e affidabile. E pazienza se c’è da mandare una bolletta per dimostrare la propria residenza. In ogni caso è sempre bene avere un canale di comunicazione aperto con le persone del supporto online: saranno loro a risolvere tutti i problemi che eventualmente si presenteranno nel cammino.

Ma in base a cosa scegliere la modalità di deposito? Ogni metodo di deposito, in effetti, ha i suoi pro e i suoi contro. Ad esempio, il bonifico bancario consente di depositare grosse somme di denaro (perfetto per i professionisti) ma può essere lento perché sappiamo bene quanto le banche italiane siano lente ed inefficienti. La carta di credito è rapida ma può comportare commissioni e inoltre non è possibile spostare grosse somme di denaro. I sistemi di pagamento elettronico come Paypal o Skrill hanno il vantaggio di essere immediati e di poter gestire, all’occorrenza, anche grosse somme di denaro. Sono anche sistemi che di solito non richiedono il pagamento di commissioni. Lo svantaggio, in questo caso, sta nel fatto che molti trader ancora non li conoscono bene. E’ uno svantaggio che però può essere facilmente superato proprio iniziando ad utilizzarli!

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento