I 6 trucchi per minimizzare i rischi del trading online

rischi trading online
settembre 15, 2018
|
Comments off
|

Quando si parla di trading online, è impossibile e soprattutto sbagliato guardare solo ai possibili guadagni. I rischi trading online sono infatti sempre in agguato e non possono essere eliminati. Come fare allora? La cosa principale da ricordare riguarda il fatto che i rischi appena citati possono essere tenuti sotto controllo e minimizzati.

Se ti stai chiedendo in che modo, abbiamo creato una guida proprio per rispondere alla tua domanda. Si tratta di una rassegna di 6 semplici trucchi, grazie ai quali potrai minimizzare i rischi trading online e conoscere le caratteristiche di broker come Plus500 (apri qui il conto demo), ideali per operare con sicurezza e in assoluta legalità.

Come puoi vedere subito qui sotto, abbiamo creato anche un indice, che potrai usare per scegliere gli argomenti che ti interessano di più e approfondirli.

Trading online come funziona: l’importanza degli strumenti giusti

Analizzare i rischi trading online e i trucchi utili per minimizzarli significa considerare innanzitutto gli strumenti giusti per operare, ossia i CFD (Contracts for Difference). Strumenti derivati diffusi da circa 20 anni, consentono di operare replicando l’andamento dell’asset. Rappresentano il trucco più efficace per minimizzare il rischio della volatilità, che caratterizza praticamente tutti gli asset disponibili sui broker.

Grazie ad essi, infatti, è possibile guadagnare a prescindere dal loro andamento e ottenere profitti anche in caso di perdita di quota. Quello che conta, infatti, è aprire la posizione giusta tra long (acquisto) e short (vendita), azzeccando l’andamento di volta in volta.

I CFD sono indubbiamente molto vantaggiosi quando si tratta di fare trading: semplici da gestire, prevedono lo spread come unico onere economico (non ci sono commissioni). Bisogna però considerare che si tratta di prodotti a leva. Ciò significa che amplificano sia i guadagni, sia le perdite. In questo caso, riveste una grande importanza l’ottimo livello di confidenza con i meccanismi di stop loss, grazie ai quali è possibile indicare al broker il momento giusto per arrestare le perdite.

Anche se si parla spesso di acquisto di criptovalute e azioni, i CFD rappresentano la soluzione migliore per gestire questi asset. Per aiutarti a capire l’importanza dei Contracts for Difference, ti facciamo l’esempio del 2017, anno d’oro delle criptovalute. Quest’anno le cose sono un po’ cambiate e questo ha fatto gridare alla fine dell’asset. Con i CFD, è stato possibile ovviare alla perdita di quota, che ha coinvolto molte persone che avevano scelto di acquistare.

Trading online sicuro: i vantaggi del Money Management

Ribadiamo: quando si fa trading online, bisogna mettersi nell’ottica che alcune operazioni potranno essere in perdita. Anche i trader più bravi hanno a che fare con questo aspetto e lo affrontano con un trucco tanto semplice, quanto importante: il Money Management.

Quando si nomina questo approccio strategico, è necessario individuare diversi step. Ecco quali sono:

  • Punto della situazione sul capitale disponibile.
  • Assegnazione del 2/3% del capitale complessivo a ogni singola operazione.
  • Ricorso allo stop loss dopo aver aperto la posizione.

Una volta completati questi step – come puoi vedere sono molto semplici – bisogna considerare il drawdown, ossia il rischio massimo del portafoglio. In tale fase, il trader deve considerare l’eventualità che scattino tutti gli stop loss impostati. In questi frangenti, chi fa trading deve trovarsi con un capitale sufficiente a continuare a operare.

In questo modo, è possibile gestire la situazione e tenere sotto controllo gli effetti negativi di diverse operazioni poco felici.

Al di là dei numeri e delle percentuali, esistono anche alcune regole pratiche universali. Ecco quali sono:

  1. Evitare le spese troppo pretenziose.
  2. Scegliere, quando possibile, l’alternativa più vantaggiosa dal punto vista economico.
  3. Aumentare le spese sul fronte più fruttifero.
  4. Inquadrare i benefici attesi di ogni spesa desiderata.

Assieme a quanto appena ricordato, nel Money Management sono importanti due formule, ossia quella di Kelly e quella di Larry Williams.

La formula di Kelly, nata nell’ambito del gioco d’azzardo, è stata utilizzata nel trading online per capire bene quanto destinare a ogni singola operazione. La formula di Kelly è la seguente:

F=W-(1-W)/R

Vediamo ciascun elemento partendo dalla F, che indica la singola operazione di trading online. La W, invece, rappresenta la probabilità che il singolo risultato sia positivo. R, invece, è il valore medio delle azioni chiuse in positivo e di quelle chiuse in negativo.

La formula di Larry Williams è invece una sua evoluzione. Grazie ad essa, è possibile calcolare la probabilità che le azioni effettuate sul mercato vadano in una direzione diversa rispetto a quella prevista.

La formula è la seguente: F = (Capitale x Rischio%) / massimo drawdown.

F è sempre la singola operazione, mentre il drawdown la somma che si è disposti a perdere. I risultati in merito possono rivelarsi molto aleatori, motivo per cui il trader non deve considerarli come eccessivamente vincolanti.

Trading online recensioni: attenzione ai forum!

Quando si tratta di minimizzare i rischi trading online, è il caso di ricordare l’importanza di fare attenzione alle recensioni presenti sui forum. Questi spazi, infatti, sono il ricettacolo degli sfoghi di trader falliti.

Il peggio però riguarda un altro aspetto. Sui forum, infatti, molto spesso vengono pubblicizzati sistemi truffaldini che promettono guadagni stratosferici da un giorno all’altro. Chi non ha esperienza con il trading online può farsi allettare da queste promesse, ma non bisogna cadere in tentazione.

Qualunque sito/sistema affermi la possibilità di guadagnare dall’oggi al domani senza rischi, è una truffa bella e buona perpetrata da parte di hacker che spariscono con i soldi. Come vedremo tra poco, i broker seri esplicitano subito che il trading online con denaro reale è caratterizzato da rischi ineliminabili.

Rischi e vantaggi del trading online: il conto demo

I rischi trading online, ripetiamo, esistono ma possono essere tenuti sotto controllo fin da quando si inizia a operare. Un trucco molto utile al proposito consiste nell‘aprire il conto demo. Approfondiremo meglio i suoi vantaggi nelle prossime righe. Per ora, ci limitiamo a ricordare che il conto demo, come dice la parola stessa, è un conto senza denaro reale illimitato e gratuito.

Tutti i broker seri consentono di aprirlo, permettendo a chi è alle primissime armi con il trading online di familiarizzare sia con la piattaforma, sia con l’asset specifico. Quando si parla di conto demo, inoltre, è bene specificare che chi lo apre non è in alcun modo obbligato a procedere con il conto con denaro reale.

Trading conviene o no: la diversificazione del portafoglio

Un altro trucco dedicato a chi vuole minimizzare i rischi trading online riguarda la diversificazione del portafoglio. D’accordo che con i CFD è possibile guadagnare anche se l’asset perde quota, ma è bene ricordare che, in ogni caso, gli asset sono diversi ed è consigliabile distribuire il capitale in maniera mirata, ricordando la già citata regola del Money Management.

Per quanto riguarda la diversificazione, è bene ricordare che ci sono sempre mercati emergenti e che questi mercati sono un’ottima occasione per il trader. Nel corso del 2017 il mercato emergente è stato quello delle criptovalute. Nel 2018, invece, il mercato più promettente è stato quello dei titoli azionari legati alla Cannabis.

In generale, ogni anno ci sono dei trend di mercato fortissimi che si possono seguire per accumulare velocemente elevati profitti finanziari.

Trading online serio: i broker affidabili

Il sesto e forse più importante trucco per tenere sotto controllo e minimizzare i rischi trading online riguarda la scelta del broker su cui operare. Come già detto, le piattaforme affidabili sono caratterizzate da chiarezza estrema per quanto riguarda il livello di rischio del trading online.

Un altro aspetto importante riguarda la legalità. Quando si parla di broker seri, infatti, è il caso di includere solo le piattaforme caratterizzate dalla presenza della licenza Cysec e dell’autorizzazione da parte della Consob o della FCA.
Su quest’ultimo aspetto è il caso di fasre molta attenzione. Se quando ci si trova davanti a una piattaforma per il trading online non si nota nulla di quanto appena detto, è il caso di chiudere e rivolgersi altrove.

In virtù dei succitati aspetti legali, chi opera su broker affidabili ha tutte le garanzie di non essere truffato. Ciò non significa che, automaticamente, tutte le operazioni saranno di successo. C’è però, ribadiamo, la sicurezza di aver affidato i propri soldi a una società seria, che risponde a regole internazionali e che tutela fin dal primo deposito le sostanze degli iscritti.

I broker degni di considerazione, inoltre, consentono di aprire il conto demo e di iniziare a operare senza denaro reale. Le alternative disponibili sono numerose e, ciascuna di esse, è caratterizzata da peculiarità ben precise, che stiamo per analizzare prendendo in esame tre broker.

Plus500: come funziona, asset, conto demo

Chi vuole tenere sotto controllo i rischi trading online, come abbiamo appena visto, dovrebbe prendere in considerazione solo piattaforme legalmente autorizzate. Tra queste è possibile includere Plus500 (apri qui il conto demo).

Online dal 2008, questo broker è legato a diverse controllate quotate sulla Borsa di Londra, il che rappresenta una garanzia ulteriore per la sicurezza dell’utente. Considerato il miglior fornitore di CFD al mondo, Plus500 consente di operare su diversi asset.

Tra questi è possibile ricordare:

  1. Indici di Borsa
  2. Valute Forex
  3. Materie Prime
  4. Criptovalute
  5. Titoli Azioni
  6. ETF

Come già ricordato, chi utilizza Plus500 può esercitarsi con il conto senza denaro reale (clicca qui per attivarlo). Grazie ad esso, si ha modo di impratichirsi su diversi aspetti. L’apertura del conto demo su Plus500 è molto semplice. Si inizia accedendo alla home del sito e si procede cliccando sul pulsante con la scritta “Inizia a fare trading adesso”.

Dopo aver confermato il tutto, ci si trova davanti a una schermata non molto diversa da quella che puoi vedere qui sotto e che si contraddistingue per un’estrema immediatezza nella gestione dei CFD.

rischi trading online

 

Dopo un paio d’ore di utilizzo del conto demo, è il caso di aprire quello con denaro reale. Solo così, infatti, è possibile fronteggiare i veri rischi trading online. Nel caso di Plus500, per aprire il conto con denaro reale è sufficiente un deposito minimo di 100 euro. Non dimentichiamo infatti che parliamo di un broker market maker, che consente quindni di iniziare con una somma di denaro contenuta.

Per effettuarlo è possibile fare riferimento a metodi diversi, che vanno dal bonifico, alla carta di credito/debito, ai portafogli elettronici Paypal e Skrill. Molto importante è ricordare che le somme in questione vengono custodite su conti diversi rispetto a quelli principali del broker. In questo modo, è possibile tutelare gli utenti in caso di eventuali problemi a carico della società a cui è legata la piattaforma.

24Option

Un’altra piattaforma degna di considerazione da parte di chi vuole minimizzare i rischi trading online è 24Option (apri qui il conto demo). Parliamo sempre di un broker caratterizzato da licenza Cysec e autorizzazione da parte della Consob. Le sue caratteristiche distintive sono la possibilità di accedere ai segnali di trading gratuiti e quella di ricevere consulenze telefoniche mirate e gratuite.

Cosa sono i segnali di trading? Linee guida, frutto di analisi storiche e di monitoraggi in tempo reale, che permettono ai trader di ottimizzare le decisioni relative alle operazioni. Messi a disposione gratuitamente da parte della società Trading Central, prendono in esame più di 8000 asset.

Oltre alle consulenze telefoniche gratuite, è il caso di ricordare la possibilità di accedere a un fitto calendario di webinar gratuiti.

Concludiamo ricordando che chi sceglie 24Option (apri qui il conto demo) ha a disposizione anche diversi tipi di conti. Si parte da quello basic, che si contraddistingue per la possibilità di effettuare un deposito compreso tra 100 e 2500 euro, e si arriva ai conti platinum e diamond, accessibili a chi deposita fino a 250.000 e grazie ai quali è possibile usufruire di corsi permanenti sulla piattaforma MT4, di informazioni sull’analisi fondamentale e, tra le varie cose, anche di un account manager senior dedicato.

eToro

eToro è un broker unico nel suo genere. Si tratta di un’ottima soluzione per chi vuole tenere sotto controllo i rischi trading online fin dai primi momenti di approccio. Questo è possibile non solo grazie al conto demo in sé, ma anche all’approccio social che contraddistingue il broker.

eToro (apri qui il conto demo) è infatti famoso per il social trading. Di cosa si tratta? Come dice la parola stessa, di una forma di trading automatico che si basa sulla possibilità di condividere, tramite un profilo gratuito,contenuti relativi alla propria strategia e ai risultati ottenuti tramite la stessa.

Chi ottiene i migliori, può essere seguito automaticamente e guadagnare. Chi segue, invece, può imparare a fare trading partendo da risultati concreti. Come già detto, il social trading è una forma di trading automatico. Approcciarsi alle sue caratteristiche vuol dire ricordare che non è il caso di “sedersi” sulla possibilità di copiare automaticamente l’approccio strategico di altri trader.

Bisogna infatti saperli scegliere, considerando criteri come i mercati di interesse, il profilo di rischio, i mesi di maggiore attività, il numero di copiatori.

Per impratichirsi con gli aspetti appena ricordati, anche in questo caso è utile aprire il conto demo (clicca qui per attivarlo). Come vedremo, grazie ad esso è possibile familiarizzare anche con la sezione dedicata ai guru.

Prima di entrare nei dettagli di questo processo, ricordiamo che eToro consente di fare trading su diversi asset. Tra questi è possibile includere le criptovalute, le azioni, gli ETF, le materie prime, gli indici di Borsa.

eToro demo: come aprirlo

Aprire il conto demo eToro (clicca qui per attivarlo) è questione di pochi minuti. Si parte accedendo alla home del sito e scrollandola fino a quando non ci si trova davanti al pulsante “Iscriviti subito”. Cliccandoci su, ci si ritrova in una pagina che consente di scegliere tra:

  1. Accredito tramite l’inserimento di email, nome utente e password.
  2. Inserimento delle credenziali dell’account Google o Facebook

Una volta confermata la scelta, ci si trova davanti a una schermata molto simile a quella che puoi vedere qui sotto.

rischi trading online

La gestione dei CFD e delle conseguenti posizioni è molto semplice. Lo stesso vale per quella delle schede dei guru, che possono essere visionate cliccando su “Persone”. Qui sotto, puoi vedere la pagina principale della sezione dedicata alla scelta dei guru.

rischi trading online

 

Nella parte alta della pagina, puoi vedere i criteri di scelta più basici. Cliccando sull’imbuto, puoi accedere a quelli avanzati. Cosa comprendono? Aspetti come il periodo di attività, lo Stato, la nazionalità, l’immagine e il nome, il numero di copiatori, le prestazioni.

Per ottenere buoni risultati, si consiglia di seguire una decina di guru. Affezionarsi alla strategia di un singolo è infatti molto rischioso e non permette di gestire la situazione in caso di problemi.

Tutto questo può essere visionato tramite il conto demo (clicca qui per aprirlo). Dopo averlo utilizzato e aver acquisito sufficiente sicurezza, è il caso di aprire quello con denaro reale.

eToro richiede un deposito minimo di 200 euro, che può essere effettuato in diversi modi. Il percorso per effettuarlo è molto semplice. Ecco i passi da seguire:

  1. Accesso al proprio account.
  2. Click sul pulsante con la scritta “Deposita fondi”.
  3. Inserimento dell’importo a cui si è interessati e selezione della valuta.
  4. Selezione finale del metodo di deposito preferito.

I depositi effettuati su eToro sono assolutamente sicuri. Il broker, come già detto, li conserva su conti diversi rispetto a quelli principali. Ricordiamo anche che tutti i dati sono protetti con protocolli di sicurezza come la tecnologia Secure Socket Layer (SSL).

Conclusioni

I rischi trading online sono sempre in agguato. Eliminarli non è possibile ma, come appena visto, si riesce a tenerli sotto controllo. I punti indicati all’inizio della nostra guida sono fortemente legati alla scelta della piattaforma.

Solo scegliendo broker come Plus500 (apri qui il conto demo), 24Option (inizia qui la tua esperienza di trading) ed eToro (clicca qui per attivare il conto demo) è infatti possibile mettere in pratica gli altri aspetti, operando con sicurezza e consapevolezza della situazione.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento