Ordini nel Forex

giugno 16, 2017
|
Comments off
|

In questa lezione parliamo degli ordini nel Forex, ovvero le tipologie di ordine che il trader può dare al broker tramite la piattaforma di negoziazione. Ricordiamo che tra le funzioni fondamentali delle piattaforme di trading online vi è proprio quella di effettuare ordini, oltre quella di visionare i grafici in tempo reale e di selezionare gli strumenti con cui negoziare. Qui di seguito vediamo in dettaglio le tipologie di ordini del Forex, che vi consentiranno di ottimizzare la vostra attività di trading sul mercato valutario online, rendendolo più professionale ma anche più sicuro.

Ordini di Mercato

Gli ordini di mercato, chiamati anche “al mercato”, “ordine condizionato” o in inglese “Market Order” o “At the Market”, sono quegli ordini nel Forex con cui il trader può aprire una posizione o chiuderla. In pratica, quando decidete di aprire una posizione al rialzo o al ribasso su un determinato strumento finanziario, state facendo un ordine al mercato (MKT). Questo può essere di tipo Long (al rialzo), Short (al ribasso).

Con l’ordine al mercato si decide di “firmare” un accordo in un determinato istante, nel quale lo strumento finanziario ha un determinato prezzo, detto “prezzo corrente”. Una volta effettuato l’ordine sulla piattaforma, occorre attendere qualche istante prima che venga verificato e accettato.

Ordini nel Forex di tipo condizionato

Agli ordini condizionati appartengono i vari ordini di Stop Loss, Stop Limit, Stop Operativo. Questi particolari ordini si dicono “condizionati”, perché per loro natura occorre che si verifichi una condizione prima che essi abbiano effetto. Ecco in cosa consistono:

  • Stop Loss: con l’ordine Stop Loss si ordina alla piattaforma di chiudere una posizione una volta raggiunto un determinato livello di perdita, deciso dall’utente. Esso si può impostare nel momento stesso in cui si apre la posizione, oppure successivamente, modificando l’ordine aggiungendo lo stop Loss con il livello desiderato.
  • Stop Limit o Limit Order: con l’ordine Limit si ordina alla piattaforma di chiudere una posizione una volta raggiunto un determinato livello di profitto, deciso dall’utente. Esso si può impostare nel momento stesso in cui si apre la posizione, oppure successivamente, modificando l’ordine aggiungendo lo stop Limit con il livello desiderato.
  • Trailing Stop o Stop Operativo: trailing significa “tenere traccia” e offre una buona sintesi della funzione di questo ordine. Si tratta di uno stop utilizzato in aggiunta allo Stop Loss o allo Stop Limit e che sposta automaticamente l’asticella dello stop impostato nel caso in cui il mercato si muova a favore dell’utente. In pratica, ottimizza l’utilizzo degli stop loss e degli stop limit.
*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento