Quotazioni nel Trading Online: Cosa Sono e Come Leggerle

dicembre 22, 2018
|
Comments off
|

Quando si inizia a investire online, è necessario familiarizzare con alcune espressioni. Tra queste c’è il termine “quotazioni”. Di quotazioni nel trading online avrai sicuramente già sentito parlare. Se sei qui, significa che vuoi saperne di più. Perfetto! Lo scopo della guida che abbiamo creato è proprio quello di spiegarti n maniera semplice cosa sono, a cosa servono e come leggerle. Inoltre, per rendere più semplice il tuo approccio al mondo del trading online, abbiamo scelto di parlare anche di broker come Plus500 e 24Option, piattaforme ideali per investire in maniera legale e sicura.

Come puoi vedere qui sotto, abbiamo preparato anche un indice. Grazie ad esso, potrai scegliere e approfondire gli aspetti che ti interessano di più. Adesso non ti rimane che leggere e scoprire tutti i dettagli in merito.

quotazioni nel trading online

Quotazioni: che cosa sono di preciso?

Quando si parla di quotazioni nel trading online, si inquadra il valore di un asset, ossia il prezzo che è necessario pagare per acquistarlo. Questo ragionamento si può fare in diversi casi, che vanno dalle criptovalute, alle azioni, fino alle valute Forex e alle materie prime. Facendo l’esempio specifico delle azioni, ricordiamo che le si tratta di società che hanno la loro quotazione su una determinata Borsa valori. Il prezzo di ogni singola azione è stabilito, come vedremo tra poco, dal libero mercato, ossia dalla domanda e dall’offerta. Nel caso delle quotazioni Forex, si segue il medesimo approccio. In questo specifico frangente si ha a che fare con due prezzi, ossia il prezzo bid e il prezzo ask (ne parleremo nel dettaglio nelle prossime righe.

L’approccio delle quotazioni nel trading online si può applicare anche alle materie prime. In questo caso, le quotazioni più famose sono quelle dell’oro e del petrolo. Nello specifico, le quotazioni petrolifere sono due:

  1. Brent
  2. WTI

La prima è riferita al petrolio estratto dal Mare del Nord. La seconda, invece, al West Texas Intermediate, ossia il petrolio greggio americano prodotto in Texas. Entrambe le quotazioni sono espress in dollari USA. Il Brent, però, è quotato sulla Borsa di Londra.

Cosa dire sulla quotazione dell’Oro? Che anche in questo caso il principale riferimento è la Borsa di Londra. La quotazione di questa materia prima riveste una grande importanza per chi investe. Il motivo è legato al fatto che, esattamente come l’Euro, ha una correlazione inversa rispetto al dollaro. Non a caso l’oro e l’Euro hanno quotazioni che, molto spesso, si muovono nella medesima direzione.

Come si formano le quotazioni? Abbiamo già detto che che sono il frutto dell’incontro tra domanda e offerta. Non dimentichiamo infatti che ci troviamo in un’economia di mercato, un contesto dove è necessario considerare questo aspetto. Di conseguenza, più sale la domanda, più aumenta la quotazione di un asset. Se la domanda cala, invece, la quotazione diminuisce.

Cosa sapere su prezzo bid e prezzo ask

Per comprendere al meglio tutto quello che riguarda le quotazioni nel trading online, bisogna prendere in considerazione anche le definizioni di prezzo bid e prezzo ask. Il primo, conosciuto anche come prezzo lettera, è la domanda. In poche parole, si tratta del prezzo che il singolo venditore chiede per la cessione del proprio bene. Il prezzo ask, in italiano chiamato in causa con l’espressione “denaro”, rappresenta invece l’offerta. Si tratta della cifra richiesta dall’acquirente per comprare un determinato asset finanziario.

La differenza tra bid e ask è costituita dallo spread. Nei contesti di forte liquidità, lo spread risulta più basso. Quando la liquidità è più bassa, lo spread si alza. Per chi investe, lo spread costituisce un costo, dal momento che, ogni volta che si apre una posizione, questa risulterà necessariamente in perdita.

Per entrare maggiormente nel dettaglio, ricordiamo che un utente che investe compra al prezzo ask, ma vende al prezzo bid. Il differenziale è una voce sempre esistente, motivo per cui, quando si inizia a investire, si fa di tutto per risparmiare e si opta spesso per broker con spread bassi.

I concetti di bid e ask sono più facili da comprendere se si pensa ai CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, diffusi da un ventina d’anni ma diventati famosi solo quando il mondo degli investimenti è diventato accessibile più o meno a tutti, consentono di operare senza bisogno di acquistare concretamente l’asset. In questo modo, è possibile tutelarsi dalla volatilità. In secondo luogo, si ha modo di guadagnare anche quando l’asset perde quota, quello che conta è aprire la posizione giusta tra long (acquisto) e short (vendita).

Tornando un attimo ai concetti di bid e ask, ricordiamo che possiamo chiamare in causa il prezzo ask quando definiamo il prezzo a cui apriamo una posizione long. Il prezzo a cui si apre una posizione short, invece, altro non è che il bid.

Le quotazioni sono uguali per tutti i broker?

Esistono quotazioni di mercato in tempo reale uniche ma… le quotazioni non sono uguali per tutti i broker! Come mai succede questo? Per un motivo molto semplice, ossia il fatto che alcuni intermediari sono broker market maker. In poche parole, significa che fanno loro il prezzo di mercato.

I broker market maker sono contraddistinti dalla presenza di quotazioni che non sono molto lontane da quelle reali. A volte, la differenza è così minima da non risultare percepibile. L’unica eccezione a questa situazione riguarda il caso di chi investe considerando cambiamenti di prezzo molto ravvicinati (scalping). In tali frangenti, la differenza si nota e non sempre i broker market maker rappresentano la scelta preferita dagli investitori.

L’alternativa in situazioni come quella appena descritta è data dai broker ECN, acronimo per Electronic Communications Network. Questi broker, a differenza dei market maker, non fanno il prezzo di mercato (tecnicamente si dice che non effettuano riquotazioni). Il prezzo che si trova sulle suddette piattaforme corrisponde esattamente a quello di mercato.

A questo punto, ti starai chiedendo perché scegliere un broker market maker piuttosto che un broker ECN. I primi, come già ricordato, effettuano le riquotazioni. Questo è un vantaggio prima di tutto perché, avvenendo un rimodellamento dello spread, agli utenti che investono non vengono applicate commissioni. I broker ECN hanno spread più bassi, ma prevedono l’applicazione di commissioni sull’eseguito.

Oggi come oggi, pagare commissioni quando si investe online non vale davvero la pena. Per questo motivo, è il caso di optare per i broker market maker. Qui sotto, puoi vedere una tabella con l’elenco dei più importanti.

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
etoro
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
200 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
  • Demo Gratuita
  • Gruppo Whatsapp
N/A Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
24option
  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis
250 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
10 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
plus500
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
100 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)

Spinti dalle richeste dei nostri lettori, abbiamo scelto di approfondire in particolare le caratteristiche di Plus500 e 24Option, due piattaforme di livello professionale che permettono anche a chi è alle prime armi di investire in maniera sicura.

Plus500: vantaggi e come aprire un conto

Chi inizia a investire, può trovare in Plus500 un ottimo punto di riferimento. Questo broker è infatti legale e approvato a livello internazionale. Risulta infatti dotato di licenza CySEC e autorizzazione da parte della Consob. Questi aspetti sono fondamentali. La loro presenza è una sicurezza per chi investe. I broker legali, infatti, garantiscono la tutela dei soldi degli utenti, proteggendoli da qualsiasi tipo di truffa. Chi utilizza questi broker, è al sicuro anche da eventuali furti di dati.

Entrando nello specifico di Plus500, è il caso di dire che si tratta di un broker sicuro anche per via della sua esperienza. Il portale è infatti online da ben 10 anni ed è sponsor di una squadra di primaria importanza come l’Atletico Madrid.

Permette di investire su diversi asset, dalle criptovalute, alle azioni, agli indici di Borsa, fino alle valute Forex. Chi è totalmente alle prime armi con il mondo degli investimenti, può impratichirsi aprendo un conto demo. Si tratta di uno strumento molto importante, che consente di esercitarsi senza rischiare subito il proprio capitale. Quando ci si sente pronti, si può aprire il conto con denaro reale. Prima di entrare nel merito di questa alternativa, vediamo come esercitarsi con il conto demo.

La prima cosa da fare consiste nell’accedere a Plus500.it. Successivamente, è necessario cliccare sul pulsante “Inizia a fare trading adesso”. Nella pagina che si apre – e che consente anche di scaricare l’app dedicata del broker – bisogna scegliere l’opzione conto demo.

A questo punto, ci si ritrova direttamente nell’ambiente del conto senza denaro reale. Ricordiamo che è in tutto e per tutto uguale a quello del conto con denaro reale. L’unica differenza riguarda il fatto che è caratterizzato dalla presenza di denaro virtuale. Il conto con denaro demo di Plus500 è gratuito e illimitato. Come già detto, dopo qualche ora di utilizzo è il caso di fare il salto di qualità e di passare a quello con denaro reale.

Per riuscirci, è necessario effettuare un deposito di almeno 100 euro. Le modalità possibili sono diverse e vanno dalla carta di credito al portafoglio elettronico Paypal. I soldi del deposito di Plus500 vengono custoditi su conti diversi rispetto a quello principale del broker. In tal modo, è possibile tutelare i soldi degli utenti anche in caso di problemi che possono coinvolgere direttamente il broker.

Non c’è che dire: quando si inizia a investire e si ha intenzione di familiarizzare al meglio con le quotazioni nel trading online, Plus500 è un’ottima alternativa. Le informazioni in merito sono infatti visibili anche dal conto demo. Sempre dalla sua schermata è possibile accedere al dettaglio relativo alle scelte degli altri investitori in merito all’apertura delle posizioni, il che aiuta molto a ottimizzare le previsioni sull’andamento delle quotazioni degli asset.

Prova ora la piattaforma ufficiale di Plus500

Come fare trading con 24Option

Un’altra alternativa per chi vuole familiarizzare con la lettura delle quotazioni nel trading online è 24Option. Parliamo di un altro broker molto famoso, regolarmente dotato di licenza CySEC e autorizzazione da parte della Consob. In questo caso, trattiamo sempre una piattaforma di ottima qualità, caratterizzata da un livello professionale ma accessibile anche a chi non ha molta dimestichezza con il mondo degli investimenti.

Per impratichirsi, si può aprire il conto demo. Anche in questo caso i passaggi da seguire sono molto semplici. Si parte dalla home page del sito. Qui, bisogna cliccare sul pulsante “Registrati”. Ci si trova davanti a una schermata come quella che puoi vedere qui sotto.

quotazioni nel trading online

Se si ha intenzione di esercitarsi con le caratteristiche dell’asset, è necessario optare per la dicitura “Demo” e inserire i dati. Anche nel caso di 24Option, si parla di un’opzione esattamente uguale, fatta eccezione per l’accredito di denaro virtuale, al conto con denaro reale. Non esiste un limite da seguire per quanto riguarda l’utilizzo del conto demo. Tutto dipende dal buon senso della singola persona. Diciamo che, dopo 2/3 ore, è opportuno fare il salto di qualità.

Esattamente come con Plus500, anche nel caso di questo broker è necessario un deposito di 100 euro, effettuabile con carta di credito o portafoglio elettronico. Fino a qui, sembra tutto uguale a Plus500. Beh, non è così! 24Option ha infatti una particolarità che lo rende unico, ossia i segnali di trading. Di cosa si tratta? Di indicazioni che consentono di ottimizzare la gestione delle posizioni quando si opera. Messi a punto in seguito all’analisi di dati in tempo reale e di informazioni storiche, a differenza di quello che accade in altri casi sono gratuite.

24Option, inoltre, consente di accedere a corsi e webinar, ma anche di usufruire delle consulenze telefoniche gratuite di un account manager, che si dedica esclusivamente alle esigenze del singolo utente. In poche parole, questo broker mette a disposizione tantissimi ausili per chi vuole investire in sicurezza. Bastano un po’ di buona volontà e di voglia di imparare e si possono davvero sfruttare al massimo le potenzialità di 24Option!

Prova ora la piattaforma accedendo al sito ufficiale

Conclusioni

Chi vuole investire in maniera efficace, deve per forza familiarizzare con la questione delle quotazioni nel trading online. Prendendo come esempio le azioni, ricordiamo che, quando si leggono le quotazioni, si possono trovare queste informazioni:

  1. Nome dell’azione;
  2. Ultimo prezzo sul mercato;
  3. Variazione di prezzo espressa in percentuale. In questo caso, viene indicato l’andamento dell’asset;
  4. Volume di denaro scambiato;
  5. Prezzo Bid;
  6. Prezzo Ask;
  7. Prezzo di apertura

Ovviamente per gestire al meglio il tutto è necesario considerare solo broker legali come Plus500 e 24Option. Queste piattaforme consentono di operare con tutte le informazioni tecniche del caso e con la consapevolezza di essere tutelati. Attenzione: questo non vuol dire che tutte le operazioni si chiudano in positivo. I broker CFD, infatti, hanno un livello di rischio ineliminabile, che può essere tenuto sotto controllo sia evitando di investire cifre che non ci si può permettere di perdere, sia dividendo il capitale in più parti e destinandone ciascuna a una singola operazione.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento