Comprare Azioni Telecom: La Guida con i Migliori Trucchi

Febbraio 21, 2019
|
Comments off
|

Comprare azioni Telecom conviene? Quali sono gli strumenti migliori da utilizzare? Su quali piattaforme è meglio concrentrarsi? Domande di questo tipo, ci arrivano ogni giorno. Non c’è da sorprendersi se si considera la fama dell’azienda, leader nel campo delle telecomunicazioni, e l’autorevolezza del nostro sito. Per rispondere a tutti quelli che ci chiedono informazioni in merito, abbiamo deciso di redigere la guida che trovi qui sotto.

Approfondendola, avrai innanzitutto modo di scoprire non solo i trucchi migliori per investire in azioni Telecom, ma anche le caratteristiche e i vantaggi di un broker come 24Option, una delle migliori piattaforme per chi vuole operare in sicurezza non solo con le azioni Telecom, ma anche con asset come le criptovalute e il Forex.

Subito prima della guida, è presente un indice. Consultandolo, avrai la possibilità di scegliere e approfondire gli argomenti che più ti interessano.

comprare azioni telecom

Grafico tempo reale azioni Telecom

Azioni Telecom cosa fare: la storia dell’azienda

Cosa bisogna fare per comprare azioni Telecom? Fondamentale prima di qualsiasi scelta pratica è informarsi sulla storia dell’azienda. Il nome Telecom – per la precisione Telecom Italia – è entrato nelle nostre vite nel 1994, a seguito della fusione tra le società statali che operavano nel mondo della comunicazione. Tra queste spicca senza dubbio la SIP (Società Italiana per l’Esercizio Telefonico).

Nel 1997, durante il periodo di presidenza di Guido Rossi, Telecom è stata privatizzata. Nel medesimo anno è avvenuto la quotazione in Borsa, con un prezzo pari a poco più di 10.000 euro per singola azione. Nel 2005, nonostante una chiusura di bilancio netto non certo positiva, il gruppo Telecom Italia ha deciso di aumentare i dividendi staccati per gli azionisti.

Questa decisione non è stata priva di effetti. L’agenzia Fitch Ratings, ha infatti concretizzato un declassamento del gruppo, portandolo da A- a BBB+. Risale invece al 2015 il lancio dell’offerta pubblica per l’acquisto di TIM (Telecom Italia Mobile), della quale Telecom possedeva già, ai tempi, più del 50% delle quote. Con la suddetta operazione, si è concretizzata la fusione tra TIM e Telecom Italia.

Per quanto riguarda il biennio 2014 – 2016, degni di nota sono gli investimenti fatti dal gruppo con lo scopo specifico di implementare la rete. In questo caso specifico, è da citare l’investimento di 3 miliardi per lo sviluppo della fibra ottica e della rete 4G.

Al gennaio 2016 risale il rebranding caratterizzato dall’abbandono del marchio Telecom, sostituito da quello TIM e da un nuovo logo. In questo modo, sotto al cappello TIM è stato incluso anche il comparto della telefonia fissa. Con quasi 40 milioni di utenza tra fisso e mobile, TIM  si occupa anche di curare le infrastrutture per la digitalizzazione del Paese. Degna di nota è la sua presenza all’estero e in particolare in Brasile, dove si posiziona tra i gruppi di telecomunicazione più grandi del Paese.

In Italia occupa il primo posto ed è anche inclusa tra le 500 compagnie più redditizie del Paese dal punto di vista del fatturato.

Quotazione azioni Telecom

Le azioni Telecom sono quotate sul mercato della Borsa Italiana. Contribuiscono inoltre al calcolo del paniere borsistico FTSE MIB. Osservando i grafici, strumenti essenziali per fare trading, si nota una perdita di valore a partire dal 2013. Subito dopo questo trend, è arrivato invece un rialzo. Vediamo nelle prossime righe come gestire a proprio favore queste variazioni.

Andamento delle azioni di Telecom Italia

Per Telecom, il 2016 si è chiuso con una leggera flessione dei ricavi rispetto all’anno precedente. Più alto  risultato invece il margine operativo. Come era stato previsto dagli analisti, la crescita più consistente è stata vista nel terzo trimestre. In quegli anni è anche sorta la necessità di trovare delle leve per aggirare la concorrenza. Tra le strategie messe in atto, è possibile ricordare l’accordo con la RAI, che ha reso possibile l’accesso ai film del gruppo da parte della principale televisione italiana.

Un’altra strategia per trovare risorse economiche da impiegare per contastare la concorrenza è stata annunciata dall’Amministratore Delegato Flavio Cattaneo, che ha ufficializzato lo stop temporaneo della distribuzione dei dividendi relativi alle azioni ordinarie. Questa decisione è stata presa con lo scopo preciso di affrontare l’entrata sul mercato delle telecomunicazioni della realtà francese Iliad, subito finita al centro dell’attenzione per via dei suoi prezzi decisamente più bassi.

Pro e contro delle azioni Telecom

La scelta di comprare azioni Telecom presenta diversi pro. Innanzitutto, è il caso di ricordare che stiamo parlando di una società sempre sulla cresta dell’onda per quanto riguarda il numero di soluzioni proposte all’utenza finale.
Non bisogna dimenticare che, in molti casi, Telecom riesce addirittura ad anticipare le esigenze dei consumatori. Con in mano una consistente parte del mercato delle telecomunicazioni, il gruppo Telecom ha alle spalle un’ampia esperienza nel settore. In virtù di questo aspetto, gode anche di un posizionamento e di una notorietà di brand che poche altre aziende possono vantare.

Da citare sono anche gli utili operativi in crescita da un po’ di anni a questa parte, caratteristica che rende le azioni del gruppo Telecom oggettivamente interessanti sul piano finanziario. Quali sono, invece, i principali contro? In questo caso bisogna citare la scarsa presenza a livello mondiale. Nome di spicco in Italia, Telecom non occupa la medesima posizione a livello internazionale. Il motivo è legato alle mosse di altre compagnie, che hanno iniziato prima a concretizzare una strategia espansionistica.

Tornando un attimo al contesto nazionale, è il caso di ricordare che Telecom è bersagliata da una concorrenza a dir poco agguerrita che gioca molto sia sui servizi, ma anche sull’aspetto dei prezzi. Con queste informazioni in mano, è possibile partire con le proprie operazioni di trading. Seguici nelle prossime righe per scoprire quali sono le migliori strategie da mettere in atto.

Come comprare azioni Telecom

Vuoi comprare azioni Telecom? Le strade possibili sono due. La prima, come sicuramente già saprai, prevede l’acquisto concreto di un pacchetto di titoli. Soluzione che di per sé non ha nulla di sbagliato, è però caratterizzata da alcuni contro da considerare se si intende investire con rapidità e sicurezza. Prima di tutto, procedere all’acquisto concreto delle azioni è oneroso dal punto di vista economico. Da non dimenticare è poi che, facendo questa scelta, ci si trova notevolmente esposti alla volatilità dei titoli, con forti rischi per il capitale.

Un modo per evitare questi problemi esiste e prevede la scelta dei CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, disponibili da una ventina d’anni circa ma diventati famosi solo dopo l’esplosione del trading online, permettono di investire replicando l’andamento degli asset e senza la necessità di effettuare acquisti concreti. Il loro principale vantaggio riguarda la possibilità di guadagnare anche se l’azione perde quota. Per ottenere profitto, infatti, bisogna semplicemente azzeccare l’andamento dell’asset. Se si pensa che possa essere in rialzo, bisogna aprire la posizione long (acquisto). In caso di previsione contraria, invece, è da aprire la posizione short, ossia di vendita allo scoperto.

Semplicissimi da gestire e con ordini che richiedono pochi secondi per essere eseguiti, i CFD non sono esenti da rischi. Quando si inizia a comprare azioni Telecom è infatti fondamentale considerare il rischio della leva finanziaria. Di cosa si tratta? Di un moltiplicatore che permette al singolo trader di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella del deposito iniziale. Questo ha due effetti. Prima di tutto, amplifica i guadagni. In secondo luogo, fa lo stesso anche con le perdite.

Mettere totalmente da parte il rischio della leva è impossibile. Si può però affrontare con i giusti strumenti. Il principale è il Money Management, tecnica che basa la sua efficacia sulla divisione del capitale in tante piccole parti. Ciascuna di esse, va assegnata a un singolo asset, ma anche a una specifica operazione. Per ottimizzare la diversificazione del rischio, è bene non puntare più del 5% ogni volta.

Anche i broker offrono degli ottimi strumenti per contenere i danni della leva. Il principale è lo Stop Loss, ossia il segnale che indica il momento esatto per arrestare le perdite. Dato che li abbiamo appena nominati, iniziamo a parlare dei broker. Prima di entrare nel vivo di quello che abbiamo scelto di approfondire, ti presentiamo una panoramica dei più importanti, giusto per farti capire cosa offre il mercato.

  • Piattaforma: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec
    • Social Trading (Copia i migliori)
    • Semplice ed intuitivo
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: 24option
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi di trading gratis
    • Indicatori e segnali gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Piattaforma professionale
    • Demo gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Iqoption
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec
    • Demo Gratuita Illimitata
    • Deposito minimo basso
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply

Tutti questi broker sono diversi tra loro. Nonostante ciò, hanno dei tratti comuni che è bene conoscere. Innanzitutto sono legali, ossia caratterizzati dalla licenza CySEC e dall’autorizzazione a operare da parte della Consob. Non si tratta di dettagli da trascurare. Quando mancano, infatti, viene a cadere qualsiasi garanzia di tutela dei propri capitali, motivo per cui è opportuno cambiare piattaforma il prima possibile.

I broker che puoi vedere nella tabella sono anche gratuiti. Non prevedono infatti l’applicazione di commissioni, ma guadagnano solo dallo spread, ossia la differenza tra il valore di apertura e quello di chiusura di una determinata posizione. Tra questi, abbiamo deciso di approfondire con particolare attenzione 24Option. Per quale motivo? Per il semplice fatto he si tratta di una piattaforma adatta sia a chi è alle prime armi, sia a chi ha già un po’ di esperienza. Seguici nelle prossime righe per scoprire i suoi vantaggi.

Perché comprare azioni Telecom con 24Option?

La scelta di comprare azioni Telecom con 24Option può rivelarsi vantaggiosa per numerosi motivi. Il primo riguarda la legalità e la fama della piattaforma. Apprezzata da investitori di fama internazionale, è anche sponsor della Juventus F.C. Per scoprire la vera essenza di 24Option bisogna però andare oltre a questo aspetto. Come già detto, il broker si presta perfettamente alle esigenze di chi inizia a fare trading online (non importa che voglia comprare azioni Telecom, fare Forex o investire in Bitcoin).

I principianti possono infatti formarsi grazie a un corso di ottima qualità. Si tratta nello specifico di un ebook gratuito che, senza troppi inutili giri di parole, mette in primo piano i concetti pratici del trading online. Se vuoi iniziare a guardarlo, puoi scaricarlo gratis cliccando qui.

I vantaggi di 24Option riguardno anche la possibilità di accedere a consulenze telefoniche personalizzate e gratuite, ma soprattutto i segnali di trading. Questi consigli di investimento, messi a punto da trader di fama internazionale, sono un indiscusso valore aggiunto per il broker. Alcuni portali li mettono a disposizione a pagamento. La situazione di 24Option è ben diversa: la piattaforma che stiamo analizzando consente infatti di accedere gratuitamente ai segnali di trading. Se vuoi iniziare a provarli, devi cliccare qui.

comprare azioni telecom

Essenziale è ricordare anche il vantaggio del conto demo. Questo strumento permette di esercitarsi con il trading sulle azioni Telecom senza rischiare il capitale. La sua caratteristica principale riguarda infatti la presenza di denaro virtuale.
Per il resto, l’ambiente di trading è in tutto e per tutto uguale a quello del conto con denaro reale. Il conto demo ha anche il vantaggio di essere illimitato. Per questo motivo, può essere utilizzato quanto si vuole per esercitarsi. Non appena ci si sente pronti, è però il caso di aprire quello con denaro reale. Per farlo, è sufficiente depositare una cifra assolutamente accessibile, pari a soli 100 euro. Chi vuole, può effettuare comodamente il deposito con carta di credito o Paypal.

Clicca qui per iscriverti subito sul sito ufficiale e iniziare a comprare azioni Telecom

Conclusioni

Comprare azioni Telecom vuol dire puntare sui titoli di uno dei gruppi aziendali che hanno fatto la storia italiana e che ancora oggi dominano il mondo delle telecomunicazioni. Per ottenere risultati, però, bisogna mettersi nell’ottica di un impegno costante. Non si può certo guadagnare da un giorno all’altro. Scegliendo un broker come 24Option, che mette bene in chiaro il rischio del trading CFD, si è però già a buon punto.

Importantissimo è poi lo sviluppo di un atteggiamento di equilibrio tra la naturalissima voglia di guadagnare – se non ci fosse, non si inizierebbe neppure a fare trading – e la paura di perdere. Cosa pensi di questi consigli? Ti hanno fornito delle basi utili per iniziare a comprare azioni Telecom? Se sì, ti chiediamo di condividerli con i tuoi contatti Facebook e con quelli di altri social, così da aiutare molte più persone a puntare sui titoli di uno dei gruppi di telecomunicazioni più famosi!

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento