Azioni e obbligazioni: differenze tra i due strumenti di investimento

azioni obbligazioni
November 1, 2016
|
Comments off
|

Azioni e obbligazioni sono accomunati dall’obiettivo dell’investitore di trarre profitti. Ma azioni e obbligazioni sono 2 strumenti finanziari molto differenti per peculiarità e rischi. Gli italiani amano entrambe ma spesso non si comprende a fondo quali siano le differenze. Conoscerle aiuta ad orientare le proprie strategie di investimento.

Le azioni

Le azioni sono una quota del capitale di una data società. L’acquisto di azioni porta ad essere soci dell’azienda emittente compartecipando a vantaggi e rischi. Le obbligazioni sono una quota del capitale prestato ad una società. Sottoscrivendo obbligazioni non si è socio ma creditore verso la società emittente.

Azioni: ordinarie, privilegiate e di risparmio

Le azioni ordinarie e quelle le privilegiate abilitano al diritto di voto in assemblea con l’opportunità di incidere sulla direzione che la società assume. Le azioni di risparmio non fanno accedere al diritto di voto ma a benefici di tipo patrimoniale.

Le obbligazioni

Le obbligazioni possono essere suddivise in 8 tipologie differenti. Tra i prestiti obbligazionari di distingue tra bond a tasso fisso e bond a tasso variabile.

Alle 2 categorie si aggiungono le obbligazioni zero coupon per le quali il pagamento avviene solo alla scadenza del prestito senza possibilità di ricevere gli interessi periodici.

Diffuse sono le obbligazioni subordinate che offrono una remunerazione più alta ma sono più rischiose. Se fallisce l’ente emittente, il possessore viene pagato dopo i creditori chirografari e quelli privilegiati. Si potrebbe incorrere nella perdita del capitale investito senza alcun indennizzo.

Meno rischiose sono le obbligazioni strutturate il cui rendimento è collegato ad un’attività sottostante.

La durata delle obbligazioni

Le obbligazioni si classificano anche per durata: perpetue, convertibili e collable. Nei bond perpetui si ha il riconoscimento di interessi periodici e senza limiti di tempo ma non c’è il diritto di vedersi restituire il capitale investito. Nei bond convertibili il possessore può stabilire se, alla scadenza, vuole ricevere un rimborso in denaro o in altri titoli. I bond collable consentono alla società emittente di potere decidere un rimborso prima della scadenza naturale del bond.

Azioni e obbligazioni: i guadagni

Gli azionisti guadagnano dai dividendi distribuiti a conclusione di ciascun esercizio. Attenzione però. La società può anche decidere di non distribuire i dividendi in presenza di perdite o di una strategia che prevede un diverso utilizzo degli utili. In questo caso non ci sarà guadagno.

Gli obbligazionisti vantano il diritto a ricevere gli interessi sulla somma prestata, corrisposti con cedole periodiche o, nel caso delle obbligazioni zero coupon, alla scadenza insieme alla restituzione del capitale investito.

Obbligazioni e azioni: rischi

Le azioni sono quelle che mettono di fronte a maggiori rischi. Il loro andamento è collegato all’andamento economico e del business della società emittente. Gli azionisti non hanno garanzia del rendimento.

Per le obbligazioni, la remunerazione è garantita dal pagamento degli interessi a meno che non si verifichi il dissesto economico della società. Anche in caso di scioglimento della società per fallimento, gli obbligazionisti risultano favoriti, dal momento che gli azionisti vengono rimborsati solo dopo che tutti i creditori esistenti (tra cui gli obbligazionisti) sono stati soddisfatti.

Azioni e obbligazioni: dove comprarle

Il canale distributivo tradizionale di azioni e obbligazioni è la Banca che funziona da collocatore di questi strumenti finanziari. L’avvento del web ha semplificato l’accesso. Si possono inviare gli ordini di acquisto, infatti, con l’online banking e comprare azioni e obbligazioni senza recarsi fisicamente in Banca.

Negli ultimi anni si sono affermate piattaforme di trading che offrono condizioni estremamente migliori rispetto a quelle bancarie. Queste piattaforme garantiscono l’assenza di commissioni, facilità d’uso ed elevati bonus di benvenuto. Abbiamo riassunto le principali caratteristiche delle migliori piattaforme per comprare azioni nella tabella sottostante:

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
IQ option
  • Piattaforma intuitiva
  • Conto demo gratis
10€ Inizia
*Terms and Conditions apply
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
*Your capital is at risk
24option
  • Tutti gli strumenti di trading
  • Segnali di trading affidabili gratis
250€ Inizia
trade.com
  • Spread più bassi
  • Piattaforma molto intuitiva
250€ Inizia
bdswiss
  • Rendimento medio Opzioni: 85 %
  • Facilità d'uso
100€ Inizia
avatrade
  • Bonus gratis fino a 10000€
  • Leva fino a 400
250€ Inizia

Obbligazioni: criteri per chi compra

La regola base è quella di verificare l’affidabilità dell’ente emittente sia che si tratti di uno Stato sovrano o di una società. In aggiunta vanno valutate la durata ed il rischio di cambio. L’affidabilità è un parametro oggettivo misurabile attraverso i rating, giudizi sullo stato di salute dell’emittente e sulla sua capacità a rimborsare il prestito. Specialiste del rating sono: Standard and Poor’s, Moody’e e Fitch. Rendono note in modo periodico le valutazioni sull’ente emittente e sul bond emesso per dare all’investitore un parametro di valutazione. Si tratta di giudizi oggettivi e indipendenti anche se, trattandosi di previsioni, hanno un margine di incertezza.

Ci sono poi valutazioni soggettive, che differiscono in base alle caratteristiche dell’investitore e dell’investimento. Maggiore è la durata del bond più alto è il rendimento. Parimenti maggiore è anche il rischio a cui ci si espone. Per la scelta del bond da acquistare si deve partire dalle proprie esigenze. Se l’investitore necessità di liquidità certa, ma contenuta, è consigliabile orientarsi sui bond a breve durata.

Il rischio di cambio ha impatto sulle obbligazioni estere che, in quanto in valuta straniera, sono anche legate all’andamento del cambio. Una doppia variabile che determina la remunerazione dell’investitore che deve prestare attenzione non solo ai movimenti del bond in quanto tale ma anche al cambio. Il rischio è doppio. Se si ricercano obbligazioni sicure bisogna puntare su quelle in euro.

Obbligazioni: calcolare il rendimento

Il rendimento delle obbligazioni si può calcolare in anticipo solo per le obbligazioni a tasso fisso e quelle zero coupon. Per le obbligazioni a tasso variabile o il cui rendimento dipende da un sottostante, non è possibile.

Azioni: criteri per chi compra

Per le azioni bisogna conoscere i market mover e le previsioni sul dividendo e quelle sui risultati trimestrali (guidance o outlook). Parametri utili in un posizionamento sul breve periodo. La valutazione in verità può basarsi sull’analisi fondamentale (bilanci, politiche sui dividendi, posizionamento rispetto alla concorrenza, sviluppo del settore di riferimento) e sull’analisi tecnica (studio di grafici in cui è annotato il comportamento passato del titolo, la periodicità di eventuali fluttuazioni, l’esistenza di segnali rotture). Le 2 analisi non solo non si escludono ma sono per certi versi complementari. Per scegliere le azioni su cui investire è consigliabile fare sia uno studio dal punto di vista dell’analisi tecnica che uno studio del punto di vista dell’analisi fondamentale.

Obbligazioni: fare trading

Anche sui bond si può fare trading online e guadagnare. Le obbligazioni sono come le azioni, come il Forex, le materie prime e gli ETF e consentono di ottenere buoni profitti. Il trading sulle obbligazioni è il meno noto. Le piattaforme che consentono di comprare bond facendo trading sono poche. Esistono però delle piattaforme abilitate al trading online sulle obbligazioni ma si tratta di broker che sono esclusi dal mercato italiano come KeyStock, un intermediario finanziario con autorizzazione delle autorità greche che consente di comprare buoni del Tesoro USA, obbligazioni societarie e prestiti obbligazionari emessi da enti locali con basse commissioni di trading e la possibilità di fare ricorso ad una leva finanziaria fino a 100:1 per sostenere la propria strategia.

Azioni: fare trading online

Il trading sulle azioni è molto conosciuto e praticato. Tutte le piattaforme consentono di fare trading azionario usando le opzioni binarie e i CFD e usufruendo di una consistente leva finanziaria per supportare la propria strategia di investimento. Tra i broker più noti e affidabili citiamo: Plus500, eToro, 24Option e Iqoption. Fare trading online sulle azioni non porta ad avere il possesso fisico delle azioni. Acquistare azioni e fare trading azionario sono 2 concetti differenti. Il trading punta a fare guadagnare con le azioni senza comprare i titoli in quanto l’acquisto trasformerebbe il trader in un azionista.

Fare trading sulle azioni è semplice. Non serve una laurea in economia. E’ possibile fare pratica e prendere confidenza con le diverse piattaforme aprendo un conto demo che simula la normale attività con il denaro reale. Trattandosi di investimenti bisogna tenere conto di possibili perdite. Adottando una serie di accorgimenti i rischi possono essere limitati.

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
IQ option
  • Piattaforma intuitiva
  • Conto demo gratis
10€ Inizia
*Terms and Conditions apply
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
*Your capital is at risk
24option
  • Tutti gli strumenti di trading
  • Segnali di trading affidabili gratis
250€ Inizia
trade.com
  • Spread più bassi
  • Piattaforma molto intuitiva
250€ Inizia
bdswiss
  • Rendimento medio Opzioni: 85 %
  • Facilità d'uso
100€ Inizia
avatrade
  • Bonus gratis fino a 10000€
  • Leva fino a 400
250€ Inizia

La tabella qui sopra riassume le caratteristiche principali delle migliori piattaforme per fare trading di azioni.

Diversificazione del portafoglio

Un investimento profittevole in azioni o obbligazioni deve fare riferimento alla regola base della diversificazione del portafoglio. E’ meglio acquistare sia obbligazioni che azioni. E’ profittevole comprare obbligazioni di diversi emittenti e azioni di differenti società.

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice