Ripple: cos'è e come fare trading

Chi si interessa di criptovalute, in questo periodo ha senza dubbio sentito parlare di Ripple. Di cosa si tratta? Come funziona? Per rispondere a queste e ad altre domande, abbiamo creato una guida completa che contiene anche consigli su come investire in tutta sicurezza senza perdere il capitale.

Ripple: cos’è e come funziona

Ripple (XRP) è una criptovaluta sul mercato dal 2013. Secondo gli appassionati e i professionisti del settore, rappresenta uno dei player più interessanti accanto al bitcoin e all’Ethereum. Esattamente come negli altri casi, anche in questo si ha a che fare con una criptomoneta non controllabile esternamente e basata su una rete peer to peer. L’obiettivo iniziale dei creatori di Ripple è stato quello di superare alcune delle principali criticità del bitcoin, abbattendo i costi delle transazioni.

Prima di entrare nel vivo del funzionamento di Ripple, ricordiamo che con questo nome si inquadra sia la moneta, sia la rete. Quest’ultima, a differenza di quanto accade in Bitcoin, è caratterizzata dall’assenza di registri di transazioni conosciuti con il nome di Ledger. Il loro scopo è quello di effettuare un monitoraggio sugli scambi e di velocizzare le transazioni stesse. La rete si compone di

  • Network di pagamenti
  • Borsa
  • Valuta effettiva

Per capirne il funzionamento, è utile figurarsi in testa il lavoro degli intermediari finanziari. Il funzionamento di Ripple è una versione più moderna del loro compito. La rete, infatti, si fonda su un meccanismo di fiducia. Punto di riferimento essenziale del suddetto sono i crediti IOU (I Owe You). Questi rappresentano le valute reali e vengono convertiti in gateway Ripple. Da ricordare, inoltre, è che tutte le transazioni, oltre che essere istantanee, sono anche gratuite e irreversibili.

A tal proposito va specificato che, quando si parla di Ripple, si inquadra una rete dove le transazioni possono avvenire senza continuità di forma. Ciò significa che è possibile trasferire dollari a un destinatario che, invece, riceverà euro. Divisibile fino a sei decimale, Ripple è l’unità di misura principale per lo scambio di IOU e funziona solo all’interno della rete omonima.

L’unità più piccola esistente di questa valuta è chiamata drop. Un milione di drop fanno un Ripple. Una differenza con il bitcoin riguarda il fatto che i Ripple sono già stati creati tutti raggiungendo il numero di 100 miliardi. Un altro aspetto distintivo riguarda il fatto che non vengono minati, ma distribuiti tramite OneCoin.

Ripple: storia

ripple cryptocurrency plus500

RIpple è una delle criptovalute che si stanno affermando maggiormente

Come ribadito nel paragrafo precedente, Ripple è una criptovaluta in circolazione dal 2013. Il protocollo originario è stato fondato da Chris Larsen e Jed McCaled. Adottata da numerose banche e istituzioni finanziarie dal 2013 ad oggi, Ripple è una criptovaluta che si contraddistingue per vantaggi tecnici molto interessanti.

Da considerare come un vero e proprio sistema creato per il mondo bancario, è un terreno d’investimenti che merita attenzione.

Ripple: come fare trading

Quali sono i consigli per chi vuole fare trading Ripple? La prima cosa da considerare è la prudenza. Quando si ha a che fare con le criptovalute, infatti, si prende in considerazione un asset molto volatile. Si può guadagnare molto, ma perdere altrettanto. Per evitare problemi, il consiglio iniziale è quello di formarsi e, in seguito, di mettersi alla prova con un broker online.

I migliori broker online per il trading Ripple

Quali sono i migliori broker online per il trading Ripple? In questo novero spicca senza dubbio Plus500. Piattaforma conosciuta in tutto il mondo, è caratterizzata da una semplicità d’uso che permette anche a chi è alle prime armi con il trading online di destreggiarsi al meglio. Non appena si entra, si può scegliere se iniziare con denaro reale o se aprire un conto demo. L’ultima alternativa è considerata la soluzione migliore per chi non ha molta dimestichezza con il trading online.

Plus500 broker ripple

Per negoziare Ripple, una scelta sicura è quella di affidarsi a Plus500

Fare trading online Ripple con Plus500 è vantaggioso anche perché la piattaforma guadagna solo sugli spread e non applica commissioni. La sicurezza e la serietà sono amplificate dal fatto che parliamo di un broker online legato a società quotate sulla Borsa di Londra. Da citare nell’ambito dei broker online degni di interesse sono anche Markets.com, famoso per la qualità del customer care e per i sussidi formativi (molto utili i webinar), così come eΤoro. Quest’ultimo è noto nel panorama del trading online per via dell’approccio social. Chi lo sceglie, infatti, ha la possibilità di migliorare il proprio approccio strategico interagendo con altri investitori e replicando le tattiche degli altri trader.

Anche questi broker guadagnano grazie agli spread e non applicano commissioni.

Gli strumenti per il trading online Ripple

Ora vediamo, in concreto, come fare trading Ripple. La prima cosa da dire è che per operare non è necessario acquistare la criptomoneta. Esistono infatti i CFD (Contratti per Differenza), strumenti derivati che consentono di fare trading senza bisogno di possedere effettivamente l’asset sottostante. Da ricordare quando li si sceglie per fare trading online Plus500 è che prevedono l’applicazione della leva finanziaria.

Puoi aprire un conto gratis con Plus500 cliccando qui.

Per concludere, ricordaimo che il Ripple è stato interessato da un movimento rialzista che è andato di pari passo con quello del bitcoin, partendo da aprile 2017. Gli investimenti sono senza dubbio da valutare ma, come appena specificato, è bene sceglierli se si hanno gli strumenti giusti a disposizione e buone cognizioni di Money Managament.

Ripple: grafico e quotazione in tempo reale

Per la gioia di chi vuole iniziare a fare trading online Ripple, riportiamo il grafico aggiornato in tempo reale (fonte Plus500).

Chi ha dimestichezza con l’analisi tecnica può aggiungere ulteriori indicatori. In questo modo è possibile completare ulteriormente il quadro e rendere ancora più chiare le informazioni quando si inizia a fare trading.

 

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice