Trading EOS: strumenti e broker migliori

trading eos
maggio 8, 2018
|
Comments off
|

Negli ultimi tempi, è cresciuto notevolmente l’interesse nei confronti del trading EOS. La cosa non deve sorprendere, dal momento che si parla di una delle prime dieci criptovalute per capitalizzazione di mercato.
Se vuoi sapere come sfruttarne le potenzialità di trading, seguici nelle prossime righe.
Abbiamo creato una guida con trucchi pratici e informazioni sui broker migliori per operare, tra i quali spicca Plus500 (per iniziare a scoprirne le caratteristiche aprendo un conto demo, puoi cliccare qui). Per agevolarti nella consultazione, abbiamo messo a punto anche un indice. Grazie ad esso, potrai approfondire i temi che davvero ti interessano.

EOS coin: ecco cosa sapere

Prima di parlare dei trucchi di trading EOS, vediamo assieme qualche informazione sulla criptovaluta. EOS, ideata a metà del 2017, è una valuta digitale che si contraddistingue per il fatto di essere basata su una nuova tipologia di blockchain, con vantaggi molto importanti per gli utenti finali e gli sviluppatori.
Tra i più rilevanti, è da citare senza dubbio la possibilità di effettuare un alto numero di transazioni al secondo e quella di non pagare commissioni. Tra le singole transazioni, trascorrono massimo dieci secondi, un tempo di latenza decisamente più basso rispetto a quello di altre criptovalute.

La blockchain di EOS si basa su due concetti specifici: la flessibilità e la sicurezza. Il team di sviluppo ha puntato tantissimo sulla trasparenza della suddetta catena di blocchi e, soprattutto, sulla sua immutabilità.

Per comprendere le peculiarità della valuta digitale e della sua blockchain è impossibile non fare riferimento all’algoritmo, noto come  DPoS (Delegated Proof of Stake). Grazie ad esso, la blockchain di EOS si contraddistingue per la presenza di una composizione di archivi sia condivisi, sia immutabili.

Perché è importante ricordare questo aspetto? Perché, grazie all’algoritmo, i possessori della criptovaluta EOS hanno diritto di voto in caso di consultazioni sullo sviluppo della valuta digitale stessa. L’algoritmo, nello specifico, rende possibili le seguenti cose:

  1. Immutabilità delle singole transazioni
  2. Scalabiltà totale del network

Questo quadro, si presta perfettamente alla crescita della domanda riguardante la criptovaluta. Secondo diversi trader, le peculiarità appena ricordate rendono EOS una valuta digitale molto più funzionale rispetto ad altre, in primis Ethereum. La valuta digitale ideata dal giovane programmatore Vitalik Buterin ha rappresentato un riferimento d’ispirazione molto importante. EOS, al pari di Ethereum, permette infatti di effettuare transazioni a costi molto bassi.

Quando si parla di EOS coin è basilare ricordare anche che, secondo il progetto degli sviluppatori, la piattaforma dovrà essere in grado di sviluppare dapps. Cosa sono? Applicazioni decentralizzate destinate a rappresentare un importante valore aggiunto per la piattaforma. Ci penserà il sistema stesso, grazie alla sua scalabilità sia verticale sia orizzontale, a renderle stabili.

Tutto il sistema di EOS ruota attorno al progetto block.one, il cui finanziamento è mirato alla creazione di una piattaforma blockchain accessibile a tutte le realtà imprenditoriali. Alla base di tutto questo c’è un team molto solido, guidato da Daniel Larimer. Il suo nome è fondamentale per il mondo delle criptovalute. A lui, infatti, dobbiamo l’invenzione del concetto di DAO (Data Access Object), un pattern architetturale che ha come obiettivo la separazione tra le logiche di business e quelle di accesso ai dati.
Fare trading EOS significa anche ricordare che questa criptovaluta non può essere minata. Verrà però distribuita per 341 giorni, sotto forma di un miliardo di token.

I fondi incassati dalla vendita appena citata vengono gestiti tramite uno smart contract. Il suddetto contratto intelligente, è stato creato sulla piattaforma Ethereum. Per concludere, è bene fare un cenno al White Paper EOS. Questo documento è diviso in due parti, complementari tra di loro. Nello specifico, si parla di:

  1. Technical White Paper, caratterizzato dall’approfondimento delle peculiarità tecniche. Il target principale sono gli sviluppatori.
  2. Philosophical White Paper, documento dedicato agli investitori con informazioni sul contesto economico e sugli obiettivi del progetto.

Buy EOS: è possibile acquistare la criptovaluta?

Veniamo ora a un aspetto fondamentale per chiunque si interessi di trading EOS. Nonostante l’ICO non sia ancora terminata – l’ultimo giorno è il 1° giugno 2018 – è già possibile operare. Quali sono le soluzioni più utili al proposito? C’è chi sceglie di acquistare effettivamente la suddetta valuta, prendendo come riferimento gli Exchange. Si tratta di un’opzione sicura? Dipende. Di Exchange, infatti, ce ne sono tanti online. Portali come Coinbase sono controllati e legali, mentre altri, invece, non forniscono sufficienti garanzie di sicurezza e, in alcuni casi, chiudono da un giorno all’altro sparendo con i soldi degli utenti.

In tutti i frangenti, anche quando si ha a che fare con gli Exchange sicuri, bisogna pagare commissioni. La cosa si può evitare? Assolutamente sì! In che modo? Facendo trading con i CFD. Questi strumenti derivati, il cui nome completo è Contracts for Difference, permettono di operare sul mercato senza bisogno di acquistare l’asset. Chi li sceglie, infatti, replica l’andamento dell’asset stesso, guadagnando sia in caso di aumento di valore, sia in caso di perdita di quota.

I CFD sono molto semplici da utilizzare e soprattutto economici. L’unico onere da considerare, infatti, è lo spread, ossia la differenza tra bid e ask. Bisogna però prendere in considerazione anche i contro. Il principale è la leva finanzaria. Di cosa si tratta? Di un moltiplicatore che consente, a prescindere dall’asset scelto, di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto al deposito iniziale.
Per fare un esempio molto semplice, ricordiamo che, in caso di leva 1:10, chi inizia con un investimento di 1.000 euro può operare come se in realtà ne avesse 10.000. Il pro riguarda la possibilità di amplificare i guadagni, il contro, invece, quello di amplificare le perdite.
Per questo motivo, chi vuole operare con i CFD, dovrebbe conoscere in maniera molto approfondita i meccanismi di stop loss, ovvero le indicazioni da dare al broker per impostare un limite oltre il quale non andare in caso di perdita.

Detto questo, entriamo nel vivo delle caratteristiche dei broker che consentono di fare trading con EOS.

Plus500

Plus500 (clicca qui per aprire un conto demo) è un broker online dal 2008, marchio registrato legato a diverse consociate quotate sulla Borsa di Londra. Considerato uno dei migliori fornitori di CFD al mondo, è dotato di licenza CySEC, la 250/14, e permette di fare trading su diversi asset. Tra questi, è possibile ricordare anche la criptovaluta EOS. Quali sono i passaggi da seguire per fare trading? Ecco i principali:

  1. Accesso alla piattaforma Plus500
  2. Clic sul pulsante che presenta la scritta “Inizia a fare trading adesso”

Una volta arrivati qui, è possibile scegliere tra conto demo e conto con denaro reale. La prima opzione rappresenta la soluzione più adatta per chi è alle prime armi con il trading EOS. Attenzione! Non bisogna considerare il conto demo come una soluzione perenne. Dopo aver preso la mano con le operazioni, infatti, è il caso di passare al conto con denaro reale, caratterizzato da un livello di rischio ineliminabile. Per affrontarlo, è consigliabile ricorrere a strategie come il Money Management. In cosa consiste? Nella divisione del capitale in diverse parti. Ciascuna di esse, va dedicata a un asset o a un’operazione specifica, puntando di volta in volta il 5% del capitale. In questo modo, si minimizza il rischio di trovarsi, da un giorno all’altro, con il conto vuoto per via delle operazioni poco felici.

Grazie a Plus500, è possibile visionare in maniera molto rapida le informazioni sull’asset di interesse. Dalla pagina dedicata alle cripto, infatti, si ha modo di avere le idee chiare su dati come il sentiment del mercato su EOS.
Fondamentale, inoltre, è rammentare la possibilità di visionare il grafico con l’andamento in tempo reale della criptovaluta. Questo strumento, che può essere arricchito con indicatori di analisi tecnica, fornisce la prospettiva fino alla settimana precedente.

Plus500, broker controllato a livello internazionale, è inoltre caratterizzato dalla presenza di un’app dedicata, che consente di fare trading in mobilità.

buy eos

Plus500 è un’ottima soluzione per fare trading EOS

eToro

Un’altra soluzione per fare trading EOS è eToro (clicca qui per aprire un conto demo su questo broker). La criptovaluta in questione è disponibile sul broker, anch’esso regolamentato CySEC e dotato di licenza, da poco tempo.
La sua inclusione, ha rappresentato l’ennesimo traguardo di una piattaforma che, dal 2007 ad oggi, ha rivoluzionato il trading online. eToro, infatti, è caratterizzato dalla possibilità di operare in ottica social. Cosa significa? Che ogni iscritto modo di condividere le proprie strategie attraverso un profilo gratuito. Fondamentali sono però i risultati. Chi ottiene i migliori, ha la possibilità di essere seguito in maniera automatica da altri trader che, a loro volta, migliorano il proprio approccio grazie al copy trading.

buy eos

Grazie a eToro, è possibile fare trading di EOS replicando le strategie dei migliori

Dopo questa premessa iniziale, possiamo parlare in maniera specifica di come fare trading EOS. La soluzione migliore per esercitarsi con le operazioni tramite i CFD è il conto demo (clicca qui per aprirlo). Cosa bisogna fare per attivarlo? Ecco i passi da seguire:

  1. Accesso alla piattaforma
  2. Clic sul pulsante verde “Iscriviti subito”

A questo punto è possibile scegliere tra l’inserimento della mail e della password e la registrazione tramite account Facebook o Google. A questo punto, il conto demo è aperto. Dalla schermata principale, è possibile visionare l’andamento di diversi asset, tra i quali compare anche la criptovaluta EOS. Digitandone il nome nell’apposito record “Ricerca”, è possibile arrivare su una pagina che contiene informazioni riguardanti

  1. L’andamento
  2. Le scelte dei trader migliori, i cosidetti guru

Fondamentale è ricordare che, grazie al conto demo eToro (per aprirlo, puoi da iniziare qui), è possibile non solo operare senza rischiare denaro reale, ma anche visionare le schede dei suddetti guru, che vengono classificati a seconda dei mercati presi in considerazione, della posizione geografica e del profilo di rischio.

 

 

 

 

 

 

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento