Take Profit: Cos'è e Come Impostarlo

take profit
Luglio 19, 2019
|
Comments off
|

Quando si fa trading online, è naturale imbattersi in espressioni tecniche di cui è bene conoscere il significato. Una di queste è Take Profit. Se sei qui, significa che vuoi sapere cosa significa. Per aiutarti a rispondere a questa domanda, abbiamo preparato la guida che puoi vedere qui sotto. Si tratta di un articolo in cui puoi trovare le spiegazioni dettagliate relative non solo a cosa è il Take Profit, ma anche a come impostarlo. Ricordati che studiare la Borsa è fondamentale se vuoi ottenere sempre i risultati migliori.

Inoltre, abbiamo deciso di andare ulteriormente a fondo con i consigli per fare trading online, presentandoti i vantaggi di due broker, ossia eToro e 24Option, che ti permettono di operare con efficacia senza dover star dietro ai dettagli tecnici e di approfondirli se invece ti interessano.

Come vedi, prima della guida abbiamo inserito un indice per punti. Lo abbiamo messo sperando di aiutarti a scegliere e ad approfondire a dovere gli argomenti che ritieni più interessanti.

take profit

Cos’è il Take Profit?

Quando si parla di Take Profit, si inquadra un ordine inviato al mercato e finalizzato a chiudere un’operazione aperta nel momento in cui questa raggiunge un determinato livello di guadagno. La funzione del Take Profit è opposta a quello dello Stop Loss. Quest’ultimo, permette invece di limitare le perdite.

Perché è importante? Il motivo è molto semplice: impostando il Take Profit, l’utente evita (o almeno abbassa fortemente il rischio) di perdere quanto guadagnato a causa di un’inversione della tendenza di mercato. Questo significa che, qualora il mercato dovesse mantenere la medesima direzione, l’investitore vedrebbe limitato il suo guadagno. Questo punto non deve essere considerato un ostacolo, ma anzi un aspetto positivo in grado di agire limitando l’avidità del trader, un sentimento naturale con il quale è bene imparare a fare pace se si ha intenzione di approcciarsi in maniera equilibrata al mondo degli investimenti online.

Il Take Profit è molto importante perché, quando le operazioni cominciano ad andare particolarmente bene, è naturale che chi investe voglia provare a tenere la posizione aperta per un tempo il più lungo possibile. In questi casi, alla base c’è l’illusione di un mercato che non cambia mai la sua direzione, continuando a giocare a favore di chi sta investendo.

Chiariti questi aspetti fondamentali, vediamo di comprendere cosa bisogna fare per impostare in maniera efficace questo limite.

Come impostare il Take Profit

Per capire come impostare il Take Profit, è necessario inquadrare due possibili casi. Il primo è la presenza di una figura grafica. Il secondo, invece, chiama in causa la scelta di impostare il Take Profit in corrispondenza di un supporto o di una resistenza.

Nel primo dei due casi, abbiamo a che fare con i cosiddetti pattern grafici, ossia figure che si formano nei grafici di trading e che permettono di avere il polso della situazione non solo sui movimenti di mercato del momento, ma anche e soprattutto su quelli futuri. Il motivo per cui questi pattern grafici sono considerati una fonte affidabile riguarda il fatto che il mercato tende spesso a replicarsi.

Chi sceglie di impostare il Take Profit in questo modo, deve posizionarlo sul livello appena precedente all’inizio della candela. Quando si parla di questo approccio, è fondamentale ricordare che può essere utilizzato solo se ci si trova davanti a un pattern, pur se accennato.

Come già detto, la seconda alternativa prevede il fatto di impostare il Take Profit in corrispondenza di un supporto o di una resistenza. Nel caso in cui si apre una posizione long (o di acquisto), si deve optare per il Take Profit in corrispondenza della resistenza. Va invece posizionato a livello di un supporto in caso di posizione short (o di vendita). Questa scelta si basa sull’ipotesi che il raggiungimento di un supporto o di una resistenza possa essere il preambolo di un rimbalzo e, di conseguenza, di un break out.

Questi dettagli tecnici sono importanti, su questo non ci piove. Se però si è alle primissime armi con il trading online, può essere difficile starci dietro. Per riuscire a impostare in maniera efficace le proprie operazioni, esistono soluzioni semplici come il broker eToro (clicca qui per visitare il sito).

Questa piattaforma legale permette di basarsi sulle scelte che altri investitori hanno fatto in merito a Take Profit e Stop Loss, copiando automaticamente le loro strategie. Il meccanismo appena descritto è noto come Copy Trading. Si tratta di un sistema brevettato e unico nel suo genere, che rende eToro il broker perfetto per chi inizia da zero a investire online.

Viene da chiedersi per quale motivo valga la pena fidarsi degli investitori migliori, ossia i guru. Il motivo è molto semplice: questi trader, vengono ricompensati economicamente sulla base del numero di persone che li seguono. Questo li rende consapevoli del vantaggio di condividere solo informazioni effettivamente utili.

Cosa bisogna fare per trovarli? In questo caso, il principale punto di riferimento è il motore di ricerca interno. Grazie ad esso, è possibile selezionare i guru sulla base dell’asset scelto – criptovalute, azioni, materie prime etc – ma anche a seconda del profilo di rischio, del Paese di provenienza e del numero di copiatori.

Un vantaggio innegabile di eToro (clicca qui per iscriverti) riguarda la possibilità di utilizzare un conto demo. Grazie ad esso, è possibile esercitarsi con denaro virtuale, ossia senza rischiare il capitale. Dopo qualche ora – non esistono parametri definiti – è però il caso di aprire il conto con denaro reale. Solo così è infatti possibile iniziare davvero a guadagnare. Nel caso di eToro, per attivarlo viene richiesto un deposito di soli 200 euro.

Clicca qui per iscriverti e per cominciare a copiare gratis i migliori trader del mondo

Altri consigli per migliorare la strategia di Take Profit

Proseguendo con gli aspetti tecnici relativi al Take Profit, ricordiamo alcuni consigli per ottimizzare la strategia. In primo luogo, suggeriamo di mantenere una certa coerenza. In generale, bisognerebbe modificare il piano solo se si dispone di dati sufficienti per giustificare il cambiamento.

Ribadiamo inoltre l’importanza di affidarsi a un metodo valido e non a un giudizio arbitrario. Per quanto riguarda i primi, un’altra strategia utile per impostare il Take Profit è il cosiddetto metodo 50/50. Cosa prevede? Il fatto di definire due punti di Take Profit, in modo da liquidare metà della posizione con il primo e l’altra con il secondo. Questa strategia di uscita ha il vantaggio di essere precisa, ma il contro di distorcere un po’ il rapporto rischio – beneficio.

Chi vuole approfondire questi aspetti, può farlo in maniera assolutamente gratuita grazie alla guida di ottima qualità messa a disposizione da 24Option. Questo broker, legale come eToro, permette ai propri utenti – ma anche a chi non è iscritto – di scaricare una guida sul trading online che, pur approfondendo nel dettaglio gli aspetti tecnici, non si perde in chiacchiere.

Ha infatti il vantaggio di dedicare il giusto spazio alla teoria, ma di focalizzarsi soprattutto sulla pratica. Senza le nozioni in merito, non si va infatti da nessuna parte. I vantaggi di questa guida non finiscono certo qui! Come già detto, si tratta di un contenuto gratuito e questo è fondamentale. Sul web esistono infatti numerosi corsi di trading onliner che, per spiegare poco o niente, chiedono cifre altissime, pari anche a diverse migliaia di euro. Per fortuna il caso di 24Option si differenzia. Chi vuole, infatti, può scoprire tutti i segreti del Take Profit senza spendere nulla. Ah, come già detto, la guida è disponibile anche a chi non è iscritto al broker. Per scaricarla, basta infatti inserire la propria mail (clicca qui per cominciare).

Anche nel caso di questo broker, è possibile basarsi sui consigli strategici di altri investitori. Stiamo parlando dei segnali di trading, consigli sulle posizioni migliori da aprire sul mercato forniti da investitori di fama internazionale. Il servizio in questione, di grandissimo valore, viene messo a disposizione a pagamento da altre piattaforme. Il caso di 24Option (clicca qui per iscriverti) è diverso.

Questo broker permette infatti ai suoi utenti di utilizzarli gratis. Per provarli, è necessario iscriversi al broker e aprire un conto con denaro reale. Per la sua attivazione, è richiesto un deposito minimo di 250 euro, somma tranquillamente versabile con carta di credito.

Clicca qui per iscriverti e per iniziare subito a provare i segnali di trading

Take Profit parziale o intermedio: di cosa si tratta?

Un altro aspetto tecnico che vale la pena approfondire riguarda la natura del Take Profit parziale o intermedio. Ricordiamo che si tratta di un concetto di livello tecnico avanzato. Per questo motivo, se li si ritiene troppo difficoltosi, è consigliabile utilizzare eToro e il suo Copy Trading (clicca qui per iscriverti al broker).

Nel caso del Take Profit parziale, si intende un ordine caratterizzato da diversi livelli di Take Profit, tutti identificati testando sia le resistenze, sia i supporti. La scelta in questione comporta numerosi vantaggi. Da un lato, permette di assicurare parte delle proprie sostanze economiche. Nel caso in cui i prezzi non dovessero muoversi nella direzione prevista,

Fondamentale è specificare che, in questo caso, ci si focalizza soprattutto sulla protezione del guadagno piuttosto che sul suo aumento. Per stabilire il Take Profit parziale esistono diversi metodi. Abbiamo già citato la strategia 50/50, ma è bene ricordare anche la tecnica della tripla scala. Si tratta di un metodo molto simile alla tecnica 50/50, fatta eccezione per il fatto che il trader utilizza tre punti di Take Profit, procedendo alla divisione della posizione in 3 lotti.

Una volta raggiunto il primo Take Profit, si procede alla liquidazione del lotto iniziale. Lo stesso discorso si può fare con il secondo lotto, liquidato una volta che il prezzo di mercato è arrivato al livello del secondo Take Profit. Lo schema si ripete anche con il terzo Take Profit. La metodologia in questione ha il duplice vantaggio di consentire il monitoraggio del mercato e la possibilità di garantire i guadagni.

Ci rendiamo conto che, per chi inizia, questi concetti possano risultare complessi. Come abbiamo già detto, per eliminare il problema si può ricorrere al Copy Trading di eToro (clicca qui per iscriverti gratis).

take profit

Le scelte in merito al Take Profit e allo Stop Loss sono già state prese dai guru, che condividono i propri risultati tramite bacheche simili a quella del social network Facebook. Non a caso, quando ci si riferisce a eToro capita spesso di chiamarlo “social network del trading online“.

La possibilità di utilizzare il Copy Trading non toglie nulla all’importanza concettuale del Take Profit, che rimane comunque uno strumento essenziale per limitare l’avidità del trader. L’atteggiamento psicologico è infatti importantissimo se si ha intenzione di investire online. Avere voglia di guadagnare è normale, ma questo sentimento va calibrato, in quanto l’avidità è un’acerrima nemica del trader.

In ogni caso, per esercitarsi e acquisire confidenza tecnica con la piattaforma è possibile prendere come punto di riferimento il conto demo, grazie al quale si ha modo di allenarsi senza rischiare nulla (si opera con denaro virtuale).

Conclusioni

Il Take Profit è un segnale di grande rilevanza per chi investe online e, come già detto, consente di calibrare la propria naturale avidità evitando di fidarsi eccessivamente del mercato. Conoscerne le caratteristiche è importante ma, se non si ha intenzione di dedicare troppo tempo al suo posizionamento, è possibile basarsi sulle scelte fatte da altri. Questa è l’essenza del Copy Trading, meccanismo che ha reso il broker eToro (clicca qui per ottenere un conto gratis) famoso in tutto il mondo. Grazie ad esso, è possibile copiare automaticamente e gratuitamente la strategia di altri trader online.

Se poi si ha intenzione di rimanere comunque sul pezzo dal punto di vista tecnico, con la guida di 24Option (clicca qui per scaricarla) è possibile comunque documentarsi al meglio e farlo gratuitamente (grandissimo vantaggio).

Sperando che queste informazioni ti siano state utili, concludiamo con un ultimo consiglio, ossia il ricorso alla strategia del Money Management. Questa tecnica prevede la divisione del capitale in più parti, ciascuna delle quali deve essere assegnata a una singola operazione, cercando di non puntare di volta in volta più del 5%.

Qui sotto, la tabella con il riepilogo delle caratteristiche dei migliori broker per fare trading online:

  • Piattaforma: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec
    • Social Trading (Copia i migliori)
    • Semplice ed intuitivo
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: 24option
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi di trading gratis
    • Indicatori e segnali gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Piattaforma professionale
    • Demo gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Iqoption
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec
    • Demo Gratuita Illimitata
    • Deposito minimo basso
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply

Ora che sei arrivato alla fine della lettura, se ti va, ti chiediamo di condividere l’articolo con i tuoi contatti su Facebook e non solo. In questo modo, permetterai ad altri utenti nella tua stessa situazione di documentarsi su aspetti molto importanti per investire online.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento