Morningstar: cose'è, come funziona, alternative

Agosto 26, 2019
|
Comments off
|

Quando si inizia a fare trading online, è normalissimo sentir parlare di diversi portali, come per esempio Morningstar. In queste settimane, ci stanno arrivando numerose richieste di informazioni in merito. La cosa non è strana: dopotutto il nostro sito è un punto di riferimento per tutti quelli che muovono i primi passi nel mondo degli investimenti.

morningstar

Per chiarire la situazione, abbiamo quindi deciso di scrivere un articolo approfondito. Leggendolo, avrai modo di scoprire tutta la verità su Morningstar, ma anche su broker come eToro e 24Option.

Come puoi vedere, prima della guida abbiamo inserito un indice per punti. Grazie ad esso, avrai modo di scegliere e approfondire gli argomenti che a tuo avviso sono più importanti.

Cos’è Morningstar?

Partiamo dalle basi, cercando di capire cos’è Morningstar. Quando lo si cita, si chiama in causa un portale di servizi finanziari fondato nel 1984 dal magnate Joe Mansueto. Nel settore degli investimenti, quando si cita Mornigstar si inquadra la prima società di servizi finanziari a mettere in primo piano un concetto di grande importanza tra gli investitori. Quale di preciso? Il fatto di valutare i rendimenti dei fondi devono essere valutati considerando i costi e il rischio a cui va incontro l’investitore.

Essenziale è ricordare anche che  l’opinione degli analisti dietro a Morningstar è considerata un parere molto autorevole. Il rating fornito ai fondi, espresso tramite stelle e frutto della professionalità di più di 100 analisti, si basa su quattro pilastri. Ecco quali:

  • Performance
  • Persone
  • Società
  • Prezzo

Per essere precisi, è bene ricordare che Morningstar fornisce diverse tipologie di rating. Si parla nello specifico del Morningstar Analyst Rating e del Morninstar Rating. Quello poco fa descritto, ossia il rating espresso tramite le stelle, è la seconda tipologia. Cosa è allora il Morningstar Analyst Rating? Il risultato di un’analisi di previsione sul fondo. Per formalizzarla, gli analisti possono assegnare le seguenti valutazioni:

  • Gold
  • Silver
  • Bronze
  • Valutazione Neutrale
  • Valutazione Negativa

Le valutazioni degli analisti possono essere visionate dagli investitori professionisti grazie al Morningstar Manager Research Service. Questi utenti devono ovviamente pagare delle commissioni, che vengono calcolate partendo dalle performance lorde dei fondi. Essenziale è considerare anche le commissioni d’ingresso del 5%, che valgono sia per i fondi azionari, sia per quelli bilanciati. Questo onere è inferiore nel caso dei fondi obbligazionari, ma comunque presente.

Intendiamoci: tutto questo è legale, ma ha dei contro, legati appunto alle commissioni. Se si ha intenzione di evitarle, si può fare riferimento a broker come eToro (clicca qui per accedere al sito), che non prevedono l’applicazione di alcuna commissione.

Morningstar vs eToro: altre informazioni importanti

Esistono altre differenze tra Morningstar ed eToro oltre alle commissioni. Tra queste, è possibile ricordare il livello di complessità. Morningstar mette a disposizione servizi finanziari di alto livello, che coinvolgono diverse tipologie di fondi, ma anche altri asset, come per esempio le azioni. Per scegliere quelli su cui puntare, conta molto l’attenzione al rating, che implica il fatto di familiarizzare con il lessico degli analisti.

morningstar

Questo può essere difficoltoso se si parte da zero. In casi del genere, può rivelarsi più congeniale il riferimento a eToro. Il broker in questione, legale e online dal 2007 (in Italia è invece disponibile dal 2010), viene infatti incontro a chi parte da zero mettendo a disposizione il Copy Trading. Questa tecnologia brevettata, unica nel suo genere, permette agli utenti di copiare in maniera automatica e gratuita le strategie di altri investitori (i guru) che, dati alla mano, hanno ottenuto successo.

Come essere sicuri dei loro risultati? Grazie alle bacheche che il broker mette a disposizione. Queste ultime sono molto simili a quelle di Facebook. Non è affatto un caso che, quando si parla di eToro, si tenda spesso a riferirsi a questo broker definendolo il social network del trading online.

I dati delle bacheche possono essere visionati anche tramite il conto demo. Grazie ad esso, è possibile investire senza rischiare il capitale, operando con denaro virtuale. Ovviamente non è il caso di considerarlo un’opzione perenne. Dopo un po’, infatti, bisogna passare al conto con denaro reale. Per attivarlo, è necessario un deposito minimo di 200 euro. Anche in questo caso, si ha a che fare con una differenza notevole rispetto a Morningstar, realtà che si rivolge a investitori professionisti con ingenti capitali a disposizione.

Stiamo parlando di una situazione ben diversa rispetto a quella di eToro che, come abbiamo appena visto, permette di cominciare a investire anche con poche centinaia di euro. Un altro punto fondamentale da specificare quando si parla di questo broker riguarda il fatto che il primo deposito non è un pagamento. Si tratta infatti di una cifra di proprietà dell’utente, che è libero di spenderla come preferisce sui mercati.

Clicca qui per iscriverti e per iniziare a copiare gratis gli investitori migliori del mondo

Attenzione: il fatto che investire su eToro sia oggettivamente meno complesso rispetto all’utilizzo di Morningstar non deve far pensare che questo broker sia una macchina da soldi. Per avere successo è infatti opportuno muoversi con metodo. Questo significa prima di tutto evitare di concentrarsi sulla strategia di un singolo guru. Farlo può sembrare allettante, ma non bisogna cadere in errore. Non dimentichiamo infatti che i guru sono comunque esseri umani, non certo macchine perfette.

Per evitare problemi, il consiglio è quindi quello di concentrarsi su almeno 6 o 7 investitori. Dopo averli selezionati – per questo scopo si può fare riferimento al motore di ricerca interno, che permette di sceglierli sulla base di diversi criteri, che vanno dall’asset di interesse fino al numro di copiatori – è essenziale monitorare le loro performance nel corso del tempo, facenosi trovare pronti a eliminare quelli che non risultano più profittevoli.

Se si applicano queste semplici regole in maniera costante, è possibile aprirsi molte più chances di successo su eToro (clicca qui per ottenere un conto gratis), un broker che non è affatto una truffa. Per rendersene conto, basta ricordare per esempio che i guru vengono remunerati sulla base del numero di persone che li seguono. Per questo motivo, hanno tutto l’interesse nel condividere con il resto della community degli spunti davvero efficaci.

Altre informazioni su Morningstar

Dopo questa parentesi dedicata ad eToro, torniamo un attimo a parlare dei servizi di Morningstar. Tra questi, è possibile includere anche i fondi pensione. Questi prodotti, allettanti anch’essi sul momento, possono rivelarsi rischiosi sul lungo periodo. Non si può infatti sapere nulla in merito al loro futuro e la perdita di valore non è certo un’alternativa auspicabile. Inoltre, non bisogna dimenticare che il rendimento si può apprezzare (eventualmente) solo sul lungo termine.

Se si punta a vedere frutti più immediati senza paura degli effetti della perdita di quota dell’asset, si può fare riferimento ai CFD (Contracts for Difference). Grazie a questi strumenti derivati, è possibile speculare sulle variazioni di prezzo nel breve periodo di aset come le azioni e le criptovalute. Un aspetto ancora più importante è la possibilità di guadagnare anche in caso di perdita di quota. Quello che conta è infatti azzeccare l’andamento dell’asset di riferimento scegliendo tra:

  1. Posizione long (acquisto), alternativa da considerare quando si prospetta una perdita di quota.
  2. Posizione short (vendita allo scoperto), da aprire invece in caso contrario.

Come è chiaro, si può guadagnare anche in caso di perdita di quota dell’asset su cui si sta investendo. Morningstar non offre la possibilità di utilizzare i CFD. Se si ha intenzione di provarli, si può fare riferimento a 24Option (clicca qui per accedere al sito). Anch’esso legale (è in possesso di licenza CySEC e di autorizzazione a operare da parte della CONSOB) e privo di commissioni come eToro, permette a chi pate da zero di imparare a investire grazie a una guida gratuita.

Questo ebook interattivo ha il vantaggio di essere estremamente semplice. Grazie ad esso, è possibile conoscere i migliori trucchi pratici per investire online. Questo libro non si perde infatti in complicate elucubrazioni teoriche: va dritto al sodo e con termini accessibili anche a chi non ha esperienza. Il modo migliore per studiare la borsa.

Come già detto, si tratta di una risorsa gratuita. Questo la differenzia notevolmente rispetto a molti corsi presenti online, che chiedono migliaia di euro senza insegnare nulla. Il motivo è che si focalizzano eccessivamente sulla teoria, importante ma non sufficiente quando si parla di trading online. Il motivo di questa poca attenzione alla pratica è presto spiegato: le guide in questione sono infatti compilate da persone che non conoscono il mondo degli investimenti. Si tratta infatti di esperti di marketing che puntano solo a monetizzare e non a dare valore.

morningstar

La guida di 24Option è diversa, in quanto, in maniera estremamente chiara, dà spazio soprattutto a consigli pratici immediatamente applicabile. Ha inoltre il pregio di essere accessibile anche a chi non è iscritto al broker. Per scaricarla, basta infatti cliccare qui e inserire la mail che si utilizza di più.

Un altro ausilio che questo broker mette a disposizione dei propri utenti sono i segnali di trading. Quando li si nomina, si inquadrano dei consigli forniti da investitori esperti e di successo che, tramite un’analisi del mercato in tempo reale e in prospettiva storica, danno indicazioni sulla posizione migliore da aprire.

I segnali di trading sono oggettivamente un servizio di grande valore. Non a caso, molti broker li mettono a disposizione solo a pagamento. Il caso di 24Option si distingue ancora una volta dalla massa. Gli utenti di questa piattaforma possono infatti provarli gratis. Per farlo, bisogna aprire un conto con denaro reale effettuando un deposito minimo di 250 euro.

Clicca qui per iscriverti e per iniziare subito a provare gratis i segnali di trading

Ovviamente se non ci si sente subito pronti si può fare riferimento anche in questo caso al conto demo, gratuito e illimitato. Dopo l’apertura del conto con denaro reale non bisogna comunque preoccuparsi in quanto, in caso di difficoltà, il broker mette a disposizione delle consulenze telefoniche personalizzate e gratuite fornite da esperti del suo staff.

Morningstar Italia: altre cose da sapere

Riprendiamo le fila parlando di Morningstar e di un altro aspetto degno di nota, ossia la presenza d una sezione di articoli e video incentrati sulle principali news dei mercati finanziari, dagli effetti dello scontro tra USA e Cina fino alle peculiarità degli emittenti degli ETF. Si tratta di risorse oggettivamente di ottimo livello, compilate da professionisti che sanno davvero il fatto proprio.

Torna però a galla una criticità sopra ricordata, ossia la complessità. La loro compresione può infatti essere immediata solo se a leggere è un investitore professionista o quasi. Per chi inizia da zero, leggere un articolo dedicato ai titoli a stelle nell’industria biotech può rivelarsi a dir poco ostico.

Per fortuna, oggi come oggi si può far fronte a questa situazione basandosi direttamente sulle scelte fatte da chi di trading ne sa. Questo, come già detto, è possibile grazie al Copy Trading, tecnica gratuita messa a dispozione da eToro (clicca qui per aprire un conto gratis).

Il meccanismo in questione è una sorta di trading automatico, che permette di operare pur partendo da zero. Dal momento che il rischio è sempre in agguato, si può fare riferimento alle tattiche della differenziazione e del monitoraggio, ma non solo. Molto utile è anche il Money Management. Questa tecnica prevede la divisione del capitale in più parti. Ciascuna di esse, va assegnata a una singola operazione. In linea di massima, di volta in volta bisognerebbe puntare non più del 5% del capitale a disposizione.

Conclusioni

Morningstar è un punto di riferimento di fama indiscussa quando si parla di servizi finaziari. Portale dedicato agli investitori professionisti, che possono perfezionare le proprie decisioni grazie al già citato rating, mette a disposizione lo strumento gratuito MyPortfolio, grazie al quale si ha modo di gestire la propria situazione patrimoniale, inserendo le operazioni di acquisto e di vendita.

Non bisogna dimenticare che esistono anche contesti dove pure chi non è professionista del mondo degli investimenti può investire. Stiamo parlando di broker come eToro e 24Option, che consentono di cominciare a fare trading anche senza conoscenze professionali e con poche centinaia di euro.

Ora che sei arrivato alla fine, ti chiediamo, se vuoi, di condividere l’articolo con i tuoi contatti Facebook e con quelli di altri social. In questo modo, permetterai anche ad altri nostri lettori di informarsi su cosa è Morningstar.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento