Markets.com è una truffa?

markets.com è una truffa
novembre 23, 2017
|
Comments off
|

Markets.com è una truffa? Rispondere a questa domanda è fondamentale, dal momento che si tratta di un broker online molto utilizzato in Italia e non solo. La prima cosa da dire al proposito è che la risposta è negativa. Markets.com non è una truffa, ma uno dei broker più validi che ci siano sul web. Chi lo vuole utilizzare, quindi, può andare sul sicuro.

Se stai pensando di provarlo e vuoi sapere qualcosa di più, seguici nelle prossime righe e scopri anche qualche consiglio per fare trading in maniera efficace e sicuro.

markets.com è una truffa

Markets.com: perché è un broker da prendere in considerazione

Perché la risposta alla domanda “Markets.com è una truffa?” è negativa? Prima di tutto perché si tratta di un broker autorizzato e regolamentato dalla CySEC, ossia l’organo di controllo finanziario di Cipro. Ricordiamo che la maggior parte dei broker online ha sede sull’isola per motivi fiscali.

La CySEC, negli ultimi anni, ha rafforzato notevolmente le misure di controllo nei confronti dei broker online. Per fare un esempio dello scrupolo dimostrato, è possibile ricordare che la CySEC ha messo fuori legge i bonus, in quanto alcuni broker online, applicandoli, mettevano in primo piano condizioni non sufficientemente chiare.

Questo aiuta a capire quanto Markets.com sia un riferimento serio per chi vuole fare trading con sicurezza. Da ricordare, inoltre, è che questo broker online è garantito dal Fondo di Indennizzo degli Investitori per i clienti di società d’investimento nella Repubblica di Cipro, che copre fino a 20.000 euro.

Puoi aprire un conto di trading con Markets.com cliccando qui >>

Come operare su Markets.com

I vantaggi di Markets.com non riguardano solo la sicurezza. Questo broker consente anche di operare con i CFD. Cosa sono? La prima cosa da dire è che si tratta dell’acronimo di Contract for Difference. A livello concreto si tratta di strumenti derivati, che consentono di replicare le variazioni di prezzo di un asset senza bisogno di acquistare il prodotto, sia esso un’azione o una criptomoneta.

Molto interessante dal punto di vista pratico è la funzione “segui il trend dei traders”. Questo indicatore consente di avere una visione più specifica dei trend seguiti dai trader sui vari asset.

 

signals

Da specificare, inoltre, è che abbiamo a che fare con una piattaforma gratuita. Markets.com non è una truffa anche perché guadagna con gli spread, molto più competitivi rispetto a quelli proposti da altre piattaforme, e non applica commissioni sull’eseguito.

Quando lo si sceglie, però, bisogna prendere in considerazione anche la leva. Di cosa si tratta? Di un moltiplicatore che consente di esporsi sul mercato con una cifra più alta rispetto al capitale investito.

La leva finanziaria – quella di Markets.com è predefinita e pari a 1:50 – è un’arma a doppio taglio. Se da un lato amplifica i guadagni, dall’altro amplifica le perdite, dal momento che, se le cose vanno male, la perdita va calcolata sulla base del volume tradato.

I rischi legati all’utilizzo della leva finanziaria su Markets.com e su altri broker sono da tenere in conto non appena si inizia a fare trading. Padroneggiando i meccanismi di stop loss si riesce a minimizzare il rischio. Fondamentale per evitare i problemi è dare spazio anche al Money Management. Questa strategia prevede di dividere il capitale in più parti, destinandone ciascuna a una singola operazione.

Non c’è che dire: mettendo in primo piano le giuste cautele, con Markets.com è possibile fare trading in maniera sicura su diversi asset, dalle criptovalute, agli indici, alle azioni. Attenzione: il rischio non è ineliminabile! Fa parte del gioco e con l’approccio psicologico giusto è possibile affrontarlo.

A rendere il contesto molto interessante ci pensano anche diverse peculiarità uniche di questo broker. Qualche esempio? La presenza di diversi sezioni utili alla strategia, come per esempio un calendario economico, che fornisce aggiornamenti sugli eventi più rilevanti.

Fondamentale è anche la sezione dedicata alla formazione. Chi si chiede se Markets.com è una truffa dovrebbe analizzarla, dal momento che è di altissima qualità. Sono presenti ottimi webinar gratuiti, ma anche informazioni relative ai più importanti eventi economici.

markets.com è una truffa

Markets.com è uno dei migliori broker per il trading CFD

Come evitare le vere truffe nel trading

Markets.com è una truffa? Come abbiamo visto la risposta è negativa. Le vere truffe del trading sono altre. Per fare un esempio purtroppo frequente, bisogna ricordare i casi di chi promette soldi facili e sicuri in poco tempo. I broker online seri come Markets.com fanno presente fin da subito che il trading comporta dei rischi.

Certo c’è chi facendo trading online con Markets.com ha guadagnato tanto in poco tempo, ma si tratta di casi molto rari e, come abbiamo già detto, spesso di persone che non hanno seguito metodi legali.

Come affrontare le perdite nel trading

Per concludere queste righe dedicate a chi si domanda “Markets.com è una truffa?“, ricordiamo che le perdite nel trading non sono un raggiro. In molti casi, infatti, i trader alle prime o primissime armi pensano che le perdite siano un riflesso del comportamento poco corretto del broker.

Niente di più falso. Esattamente come il rischio, fanno parte del gioco. Nessun trader, anche quelli che hanno accumulato fortune da capogiro, è in grado di eliminarle completamente.

Quello che conta per evitare problemi seri, è che le operazioni che si chiudono in positivo siano superiori a quelle che, invece, si chiudono in negativo.

Per concretizzare tutto questo si può ricorrere al Money Management, ma anche prendere in considerazione solo una piccola porzione di capitale, come per esempio il 5%.

Come già detto, conta tantissimo anche l’approccio psicologico. Padroneggiare gli stop loss e le altre strategie è fondamentale, ma se ci si lascia dominare dalla paura o dall’avidità i problemi arrivano e non risparmiano i soldi del deposito.

A tal proposito, bisogna specificare che non rappresentano un pagamento al broker e neppure un investimento. A livello concreto, si possono definire come una somma di denaro fermata sul conto deposito del trader.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento