Investire in Materie Prime: Una guida pratica

investire in materie prime
Settembre 20, 2019
|
Comments off
|

Questo articolo spiega nel dettaglio come investire in materie prime. Molti investitori optano proprio sulle materie prime per diversificare il portafoglio oppure per effettuare operazioni di Hedging (Copertura). Si tratta di una delle più valide scelte alternative all’investimento su azioni o nel mercato Forex.

Con il termine materie prime si identificano i materiali e prodotti usati per produrre altre tipologie di beni. L’investimento su di esse costituisce uno degli strumenti finanziari più importanti per il trader. Vi sono materie prime premiate da chi opera sui mercati finanziari: il petrolio, l’oro e l’argento. Queste sono solo le più note al grande pubblico.

In generale, le soluzioni di investimento attraverso le materie prime sono piuttosto ampie e variegate. Il termine “Commodity” è quello utilizzato dagli economisti per identificare le materie prime da investimento.

Spiegheremo nel dettaglio questi concetti nel corso dell’articolo. Parleremo anche delle migliori piattaforme come eToro per investire senza rischi e senza pagare commissioni sulle materie prime.

Materie Prime: Le migliori sulle quali investire

Di Commodity ne abbiamo una grande varietà e si possono fare decine di investimenti diversi. Tuttavia, alcune sono considerate di nicchia, per via del fatto che solo gli addetti ai lavori tendono a negoziarle. Al contrario, ne abbiamo diverse che ormai sono entrate nel portafoglio titoli di moltissimi Trader. Analizziamo le più negoziate.

Oro

La commodity più scambiata è l’oro, classificato anche tra i beni rifugio. Il suo valore, di norma, accresce nelle fasi di crisi politica o economica. Rimane costante durante i periodi di crescita o stabilità. Sono tantissimi gli investitori che scelgono l’investimento in oro proprio per le garanzie offerte dal metallo prezioso.

Diversi trader classificano l’oro non come un investimento ma bensì come uno strumento di protezione delle somme possedute. Sull’oro si può investire attraverso contratti finanziari o comprando materialmente l’oro fisico e custodirlo con tutti gli oneri e i rischi legati al possesso di oro.

I prezzi dell’oro sono influenzati da politiche monetarie, geopolitiche, catastrofi naturali e dollaro americano. Il rischio geopolitico è un fattore determinante per l’oro. In periodi caratterizzati da incertezza, i prezzi dell’oro tenderanno a salire. Ad esempio, in caso di una delicata questione politica, di referendum, guerra civile o di scarsa fiducia in un funzionario eletto, l’impatto potrà essere riscontrato nelle variazioni del prezzo dell’oro.

Dal momento che i prezzi dell’oro sono generalmente quotati in dollari americani, un dollaro debole causerà l’aumento dei prezzi mentre un dollaro forte ne determinerà la diminuzione.

Petrolio

Il petrolio rappresenta la materia prima al centro degli interessi maggiori degli investitori e di tutti gli attori economici che ruotano intorno al greggio, dalle Nazioni alle compagnie petrolifere. Intorno al petrolio girano cifre imponenti con volumi di scambi giganteschi. La gran parte delle transazioni vengono effettuate dagli speculatori. Come materia prima è abbastanza volatile. La sua quotazione varia quotidianamente e in alcuni periodi scende in maniera esponenziale. In altri la tendenza è spiccata verso la risalita.

In generale, il petrolio è una commodity molto seguita dai trader, soprattutto per i rimbalzi di prezzo. Le cause? Da un lato le politiche OPEC tese a contenere l’estrazione, dall’altro la produzione in forte crescita di petrolio di scisto. Investire in petrolio può essere fonte di ottimi guadagni a patto, per l’appunto, di tenersi aggiornati con costanza sulle manovre dei Paesi dell’OPEC. In generale, su tutti i Paesi che estraggono e raffinano l’oro nero. Oltre a ciò, per una buona strategia di trading occorre l’analisi dei fondamentali macro-economici e dei flussi di investimento.

Il mercato petrolifero negli ultimi tempi è divenuto molto volatile, con una tendenza al ribasso. Ciò ha favorito gli investitori che hanno potuto conseguire elevati profitti operando con CFD Short. Il petrolio rappresenta una fonte di ricchezza non indifferente e attorno agli interessi petroliferi ruotano dinamiche geopolitiche fondamentali.

Insomma, chi sceglie di investire in questa materia prima si trova di fronte ad un alto dinamismo con possibilità di guadagnare cifre interessanti.


Grafico che mostra le quotazioni in tempo reale del petrolio

Argento

L’argento attira un numero crescente di trader soprattutto gli investitori che dispongono di piccoli capitali e lo ritengono uno dei più sicuri. Negli ultimi 10 anni l’argento si è deprezzato in modo consistente, scendendo a valori inferiori di oltre la metà rispetto al passato.

Molto più volatile dell’oro, l’argento è un investimento molto popolare, adatto a qualsiasi budget. Come molti metalli preziosi, l’argento può essere utilizzato per la copertura nei confronti dell’inflazione, della deflazione o della svalutazione.

Gas Naturale

Il Gas Naturale è una materia prima oggetto di scambio con molte applicazioni industriali e commerciali. Essendo un combustibile fossile per definizione, passa attraverso i processi di liquefazione e filtraggio per poter rimuovere le altre sostanze prima di essere trasformato in un valido prodotto commerciale.

Il gas naturale è anche considerato il più pulito tra i combustibili fossili, incoraggiando l’adeguamento tecnologico per garantire modi migliori di acquisizione e distribuzione. Si tratta di una commodity difficile da gestire. Infatti, i prezzi oscillano quotidianamente in modo estremamente volatile, ed è facile trovarsi in perdita così come ottenere un buon rendimento già nel breve termine.

Caffé

Le commodities agricole vanno sempre tenute in considerazione, ed il caffè rappresenta la materia prima principale di questo settore. Il caffè è oggetto di grandi speculazioni finanziarie che innalzano o abbassano il suo prezzo attraverso dei meccanismi che prescindono dal reale andamento della produzione. I produttori non partecipano a questo “gioco”, in quanto non hanno alcun potere contrattuale nella determinazione del prezzo.

Essi subiscono pesantemente gli effetti negativi della caduta dei prezzi, ma non traggono alcun beneficio dal loro aumento, a causa dei molti intermediari, chiamati Coyotes, che acquistano il caffè dai piccoli produttori a prezzi bassissimi per rivenderlo alle grosse multinazionali del caffè. Vendere il caffè ai Coyotes rappresenta spesso l’unico modo di sopravvivere per molti piccoli contadini che dipendono totalmente dalla coltivazione del caffè e non hanno altre vie d’accesso al mercato. Per via di queste forti speculazioni, anche questa commodity ha una volatilità abbastanza alta.

Investire in Materie Prime: Lo strumento più adatto

Abbiamo già specificato che investire in materie prime è di solito una scelta vincente. Ovviamente chi investe in materie prime non acquista materialmente il bene ma lo negozia per mezzo dei contratti futures nei mercati più noti. Ad esempio, il New York Mercantile Exchange, il Chicago Board of Trade ed il London Metal Exchange.

Si può investire in commodity ricorrendo a specifici fondi. Si tratta di una strategia utilizzata dagli investitori che puntano a differenziare il proprio portafoglio. Tuttavia, una delle maniere più intelligenti per investire in materie prime è costituita dai CFD (Contratti per Differenza). Si tratta di contratti finanziari, particolarmente semplici da capire e da utilizzare, che consentono di speculare su un qualunque altro titolo, detto sottostante.

Con un CFD avente come sottostante una materia prima è possibile eseguire due operazioni:

  • Comprare per guadagnare con l’aumento del prezzo
  • Vendere allo scoperto per guadagnare con la diminuzione del prezzo. La vendita allo scoperto è un’operazione speculativa che genera un profitto quando il prezzo di un titolo finanziario scende. Non è necessario aver acquistato prima di vendere allo scoperto (appunto per questo si parla di vendita allo scoperto).

Il vantaggio principale di utilizzare i CFD è quello di poter ottenere un profitto sia quando il valore della commodity scende sia quando sale. Questo profitto è proporzionale alla differenza di prezzo tra il momento in cui si apre l’operazione e quella in cui si chiude (per questo si chiamano contratti per differenza). Il profitto può essere ulteriormente moltiplicato con l’applicazione della leva finanziaria.

Investire in Materie Prime: Le Piattaforme migliori

Fino a questo momento abbiamo analizzato solo in teoria gli investimenti in materie prime. Passiamo adesso ad esaminare l’aspetto pratico. Quali sono le migliori piattaforme CFD per speculare sulle commodities?

Abbiamo fatto un’accurata selezione, scegliendo tra quelle autorizzate e regolamentate (quindi sicure) quelle senza commissioni e facili da usare. Qui sotto il nostro elenco:

  • Piattaforma: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec
    • Social Trading (Copia i migliori)
    • Semplice ed intuitivo
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: 24option
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi di trading gratis
    • Indicatori e segnali gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Trade.com
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec
    • Corsi gratuiti
    • Demo gratis
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply
  • Piattaforma: Iqoption
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec
    • Demo Gratuita Illimitata
    • Deposito minimo basso
    ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Terms and conditions apply

eToro

eToro è una delle migliori piattaforme per investire sulle materie prime: è la scelta preferita di molti principianti ma anche di molti esperti.

Qual è il vantaggio principale di eToro? Oltre a essere semplice, intuitiva e senza commissioni, eToro è l’unica piattaforma per investire online che offre anche la possibilità di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno gli investitori più bravi. eToro è ancora molto di più: è il più grande social network degli investitori al mondo.

In pratica, i principianti possono trovare gli investitori che nel passato hanno ottenuto i migliori risultati e li possono selezionare per la copia automatica. In questo modo ottengono risultati da subito e possono anche imparare a investire osservando quello che fanno i migliori.

Che cosa ci guadagnano gli investitori esperti che accettano di farsi copiare? Semplice, eToro li paga (molto bene)  in base al numero di follower che li copiano in automatico. Per questo motivo, gli investitori esperti non solo hanno tutto l’interesse a dare l’autorizzazione a farsi copiare ma sono anche estremamente disponibili con i meno esperti, fornendo ogni sorta di consigli e di indicazioni. Non lo fanno perché sono buoni, lo fanno perché così guadagnano di più.

Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

24option

24option è l’altra grande piattaforma dedicata ai principianti che vogliono cominciare a investire in materie prime senza commettere errori. La piattaforma è estremamente semplice ed intuitiva, anche un vero principiante riesce a operare senza difficoltà.

Tutti gli iscritti ricevono immediatamente l’assistenza telefonica di un vero esperto di investimenti e materie prime che fornisce consigli e indicazioni precise.

Chi vuole approfondire il tema degli investimenti speculativi ha la possibilità di scaricare gratis questo ebook. E’ fatto veramente bene e infatti ha avuto un successo strepitoso, con centinaia di migliaia di download in pochi mesi.

Qual è il segreto di questo ebook? E’ gratuito al 100% (altri corsi purtroppo sono a pagamento e sono anche piuttosto cari), è molto semplice da leggere anche per chi parte da zero e soprattutto spiega la pratica, cioè come guadagnare con gli investimenti, non la teoria.

Puoi scaricare gratis l'ebook di 24option cliccando qui.

Tra gli altri vantaggi di 24option c’è anche la possibilità di utilizzare un ottimo conto demo che consente di investire denaro virtuale. In questo modo si possono simulare gli investimenti per accumulare preziosa esperienza senza nessun rischio.

Puoi iscriverti gratis su 24option cliccando qui.

Fondi di investimento sulle Materie Prime

Chi investe sulle materie prime può anche valutare la sottoscrizione di fondi comuni di investimento specializzati in commodities. L’investimento sul prodotto, in questo caso, non sarà diretto ma indiretto. Tuttavia, con questa sottoscrizione si va incontro a commissioni abbastanza onerose. I guadagni sono legati all’abilità del gestore del fondo e alla sua possibilità di andare anche al ribasso sui mercati.

Al contrario, con una piattaforma CFD è semplice scegliere di andare al rialzo o al ribasso e trarre profitti sia quando i prezzi salgono sia quando scendono. I fondi di investimento, per questioni di carattere normativo, non possono guadagnare quando i prezzi scendono. Per loro è vietato andare al ribasso. Le performance dei fondi di investimenti in materie prime, negli ultimi anni, si sono rivelate al di sotto delle aspettative.

Chi investe in materie prime sfruttando i fondi commodity risparmia in termini di tempo. Se si investe con una piattaforma CFD è necessario gestire direttamente il proprio investimento. Non è poi così difficile ma richiede del tempo.

ETF materie prime globali

Gli ETF sulle materie prime sono diventati molto popolari. In generale, possiamo dire che sono dei fondi che replicano un indice sulle materie prime ed effettuano negoziazioni sulla borsa valori. Sono, insomma, contratti finanziari che ci consentono un’esposizione sul mercato delle commodities senza la necessità di possedere fisicamente ettolitri di petrolio o migliaia di lingotti d’oro.

La scelta di ETF è davvero molto ampia: possiamo scegliere fondi che escludano alcune materie prime che non sono di nostro interesse. Oppure, optare per un ETF, come quello di Bloomberg, che tenga in considerazioni parametri come la liquidità, il potenziale di diversificazione e l’importanza economica delle società presenti. Oppure, ancora, puntare su indici privilegino future a breve o a lunga scadenza.

Insomma, gli ETF in materie prime rappresentano un’ottima opportunità perché sono un buon metodo per rendere più diversificato il proprio portafoglio investimenti. Il fatto che investire negli ETF permetta di portare il capitale all’interno di un paniere più vasto che non un singolo asset, è una sorta di garanzia di avere di fronte un basso rischio. A patto, ovviamente, di saper leggere i segnali di mercato.

Ad oggi, il più grande ETF sulle materie prime in base è il Fondo “Invesco Bloomberg Commodity UCITS ETF Acc“. Questo fondo ha la bellezza di $907 milioni di Dollari di denaro in gestione.

Materie Prime: Conclusioni

Investire in Materie Prime può essere una scelta vincente ma è necessario operare in maniera intelligente, scegliendo solo piattaforme sicure e affidabili. Non ci stancheremo mai di ripetere che un Trading profittevole parte proprio dalla scelta di una piattaforma certificata e regolamentata. La sicurezza dei nostri fondi deve sempre essere al primo posto.

Inoltre, è importante capire che per ottenere i migliori risultati è fondamentale investire sia al rialzo che al ribasso, utilizzando i CFD. La quotazione delle materie prime, in molti contesti, può essere volatile e bisogna quindi essere in grado di guadagnare in qualunque condizione di mercato. Inoltre, occorrerà prestare attenzione alle cosiddette Commodity Currencies per un Trading ancora più profittevole.

Altre modalità di investimento, come Fondi comuni o ETF rappresentano soluzioni interessano ma presentano costi di gestione elevati e la possibilità di guadagnare solo in caso di rialzo dei prezzi. Per questo motivo, in definitiva, l’investimento fatto su piattaforme come eToro e 24option rappresenta la scelta migliore per Trader di ogni esperienza.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento