Investire in maniera intelligente: i tipi di investitore

investire in modo intelligente
December 15, 2016
|
Comments off
|

L’essere umano ha come sua caratteristica distintiva la capacità di pensare. E’ un elemento che accomuna tutti senza distinzione alcuna. Ognuno di noi ha una sua indole. C’è la persona passiva e quella intraprendente. Entrambi possono essere dei buoni investitori. Tutti e 2 devono investire in maniera intelligente.

L’investimento è un’operazione che consente di salvaguardare il capitale investito e di avere anche un adeguato ritorno (ROI). Si distingue tra 2 tipologie di trader: l’investitore difensivo (o passivo); l’investitore intraprendente.

L’investitore difensivo impegna la metà del capitale che hai a disposizione in azioni e l’altra parte in obbligazioni. Punta sempre ad acquistare mantenendo un margine di sicurezza.

Piattaforme per investire in maniera intelligente

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
IQ option
  • Piattaforma intuitiva
  • Conto demo gratis
10€ Inizia
*Terms and Conditions apply
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
*Your capital is at risk
24option
  • Tutti gli strumenti di trading
  • Segnali di trading affidabili gratis
250€ Inizia
trade.com
  • Spread più bassi
  • Piattaforma molto intuitiva
250€ Inizia
bdswiss
  • Rendimento medio Opzioni: 85 %
  • Facilità d'uso
100€ Inizia
avatrade
  • Bonus gratis fino a 10000€
  • Leva fino a 400
250€ Inizia

La tabella qui sopra contiene i dati principali di tutte le migliori piattaforme, quelle che conviene selezionare se si vuole investire in maniera intelligente.

Strategia d’investimento

Tutte le operazioni che non puntano alla conservazione del capitale e a un adeguato ritorno, sono considerate speculazioni e hanno un elevato rischio. Gli strumenti d’investimento sono le azioni e le obbligazioni.

  • Azioni: Quando si registra un incremento dell’inflazione con aumento complessivo dei prezzi, si hanno maggiori guadagni per le società quotate. E’ questo il momento migliore per investire in azioni.
  • Obbligazioni: Investire su obbligazioni a tasso fisso porterebbe alla riscossione periodica (di norma ogni 6 mesi) di una cedola che rimane fissa a prescindere dall’aumento dell’inflazione. Per l’investimento in obbligazioni vale il principio che all’aumentare dell’inflazione diminuisce il potere d’acquisto.
  • Investitori: L’investitore difensivo ha sempre davanti l’obiettivo di non incorrere in errori. Questo trader non mira ad un ROI elevato. Per lui è fondamentale non rimettere del denaro. L’investitore intraprendente, al contrario, vuole ottenere prestazioni elevate. Il trader intraprendente seleziona con cura i titoli su cui investire e va alla ricerca di quelli sottovalutati che gli consentono di far implementare il ROI delle sue operazioni.

Più rischi più guadagni

Più si investe su titoli e strumenti finanziari ad elevato rischio, più elevato sarà il rendimento da attendersi. Non è detto che sia esattamente così. ll ROI più elevato viene conseguito da colui che lavora tanto mettendo passione, tempo e determinazione nella scelta dei titoli su cui investire.

Diversificazione del portafoglio

Chi investe in azioni deve diversificare il portafoglio con investimenti su almeno 10 titoli diversi. E’ preferibile scegliere società di grandi dimensioni con capitalizzazione di mercato di almeno 10 miliardi di euro. Guardare ad aziende importanti che sono annoverate nel 25% delle società più grandi nel loro settore.

Growth stocks

Prestare attenzione alla società su cui si va ad investire. Deve avere distribuito dividendi in modo consecutivo da almeno un decennio. Ogni titolo acquistato dovrà avere un costo massimo non superiore alla media degli utili generati da quel titolo negli ultimi 7 anni moltiplicata per 25 e alla media degli utili prodotti da quel titolo negli ultimi 12 mesi moltiplicata per 20. Sono sconsigliati i Growth Stocks in quanto incerti e rischiosi.

Portafoglio dell’investitore intraprendete

L’investitore intraprendente acquisterà azioni e obbligazioni con un rating elevato. Potrebbe ipotizzare l’acquisto di strumenti più rischiosi per conseguire profitti superiori rispetto a quelli dell’investitore difensivo. Ma è sempre preferibile evitare strumenti finanziari che hanno obbligazioni con un rating basso. Titoli di Stato di Paesi esteri. Titoli poco conosciuti. La commissione riconosciuta ai broker sulla vendita di titoli nuovi è più alta rispetto a quella che guadagnano vendendo titoli già in commercio. Gli intermediari meno affidabili saranno orientati a collocare sul mercato i titoli nuovi tralasciando la qualità del prodotto.

Selezionare gli strumenti finanziari

Il trader intraprendente selezionerà gli strumenti finanziari su cui investire con una strategia basata su concretezza e razionalità. L’investitore dinamico guarderà all’acquisto di azioni di grandi società in parte poco note e “titoli-affare”, titoli che hanno un valore di mercato molto superiore rispetto al suo prezzo di vendita. Per essere un affare, il valore di mercato del titolo deve essere superiore al suo prezzo di vendita del 50%. I titoli-affare sono di 2 tipi. Uno il cui prezzo è precipitato in quanto genera pochi utili. Questi titoli sono rischiosi. Prima di acquistare bisogna verificare la solidità e la liquidità della società. Vi sono sul mercato titoli venduti ad un prezzo inferiore rispetto al Capitale Circolante netto della società.

Book Value

Chi compra un titolo azionario deve guardare al valore di libro, il book value. Il costo di ogni titolo acquistato non dovrà mai superare il suo valore di libro incrementato di un terzo. La decisione di comprare un titolo deve essere fatta sulle prestazioni della società, sulla condizione finanziaria e sull’ammontare dei dividendi distribuiti.

La qualità di un’obbligazione viene misurata dal rapporto tra gli utili prodotti dalla società e gli interessi totali pagati ai creditori.
La convenienza dell’acquisto di un’azione si fonda sul confronto del prezzo attualizzato del titolo con una valutazione dello stesso fondata sulla previsione degli utili che la società genererà nell’immediato futuro, moltiplicati per un fattore di capitalizzazione. Quest’ultimo cambia in base alla società. Due aziende con gli stessi utili prospettici possono ricevere due valutazioni diverse. Il fattore di capitalizzazione di una società dipende dalle previsioni a lungo termine sull’azienda; il management societario; la stabilità finanziaria e struttura del capitale; la costanza nella distribuzione dei dividendi; la percentuale degli utili distribuiti.

Margine di sicurezza

Alla base di ogni scelta effettuata dall’investitore intelligente c’è il margine di sicurezza. Bisogna sempre accertarsi di fare un acquisto ad un prezzo che garantisca un margine di sicurezza per stare al riparo da eventuali imprevisti o crolli del prezzo del titolo o del business sottostante.

La sicurezza dell’investimento aumenta se si diversifica il portafoglio, acquistando titoli (obbligazionari e azionari) in grado di garantirti singolarmente un margine di sicurezza adeguato. Il margine di sicurezza per l’investimento azionario corrisponde alla differenza tra i profitti potenziali che il titolo è portato a conseguire in futuro e l’interesse pagato dalla stessa società sulle sue obbligazioni.

L’investitore Intelligente

Bisogna avere chiari 4 principi base del business ogni volta che si investe del capitale nei mercati finanziari per conseguire dei profitti. Bisogna investire soltanto su società di cui si conosce il mercato ed il settore in cui operano. Non demandare l’investimento del capitale ad altre persone a meno che non si riponga estrema fiducia in una persona terza della grande professionalità. Bisogna operare sulla base di calcoli che abbiano come risultato alte probabilità di generare un profitto ragionevole. Evitare operazioni si ha tanto da rischiare e poco da guadagnare.

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice