Insider Trading: Di Cosa Si Tratta e Principali Alternative

insider trading
Aprile 23, 2019
|
Comments off
|

Da un po’ di tempo a questa parte, ci stanno arrivando domande di utenti interessati a scoprire cos’è l’Insider Trading. Iniziamo a dire che, quando si chiama in causa questa definizione nel suo senso più letterale, si inquadra una pratica illecita che si basa sul fatto di ottenere profitti nel trading online grazie a informazioni riservate.

Se ci si ferma a questo significato, si parla di una pratica vietata dalla legge. Se si intende invece la possibilità di investire e di ottenere profitti a partire da informazioni di alto valore (come per esempio quelle disponibili sul broker eToro o quelle ottenibili grazie ai segnali di trading di 24Option), non c’è assolutamente nulla di illegale.

insider trading

In ogni caso, alla luce delle numerose richieste che ci sono arrivate, abbiamo comunque deciso di approfondire il significato letterale dell’espressione, così da permetterti di capire bene le alternative legali disponibili. Troverai tutto nella guida qui sotto che, come vedi, è preceduta da un indice, grazie al quale potrai scegliere e approfondire gli argomenti che consideri più interessanti.

Cos’è l’Insider Trading e principali alternative

L‘Insider Trading è una pratica che, letteralmente, significa “fare trading dall’interno”. Quando la si nomina, si possono considerare due categorie di approccio:

  1. Investire e trarre profitto ricorrendo a informazioni privilegiate, ottenute spesso in maniera illecita agendo all’interno di una determinata organizzazione;
  2. Investire sui titoli azionari di una società presso la quale si lavora o a cui si è in qualche modo collegati.

Il primo punto rappresenta un reato in tantissime giurisdizioni. Il secondo, invece, non è considerato un illecito ma può essere soggetto a restrizioni. In alcuni casi è infatti necessario effettuare una comunicazione alla Consob.

Come mai è così facile ottenere profitti con l’Insider Trading? Come sa bene come funziona la Borsa, alla base di tutto ci sono le informazioni. Se si è per esempio consci della situazione negativa che sta attraversando una determinata società quotata in Borsa, dovuta per esempio a una forte diminuzione delle vendite dei prodotti o dei servizi (capita spesso che eventi del genere non vengano comunicati al mercato nell’immediato), è possibile aprire una posizione al ribasso e, una volta che la comunicazione sarà effettuata, ottenere profitti anche molto alti.

Gli stessi possono essere portati a casa anche con informazioni ottenute in modo del tutto legale, senza bisogno di fare ricorso alle pratiche di Insider Trading. Un esempio molto utile al proposito è quello delle informazioni strategiche reperibili su eToro (clicca qui per accedere al sito ufficiale). Questo broker, online dal 2007 e disponibile in Italia dal 2010, si basa su un sistema di bacheche in tutto e per tutto simili a quelle di social network come Facebook (Social Trading).
Gli iscritti, tramite esse, possono condividere le proprie strategie con il resto della community. I migliori investitori, conosciuti anche come guru, possono essere copiati automaticamente da altri iscritti che, in questo modo, hanno la possibilità di investire con profitto partendo da informazioni di valore acquisite in maniera assolutamente legale.

Perché sì, eToro è un broker legale – è in possesso di licenza CySEC e autorizzato a operare dalla Consob – che remunera i trader che vengono seguiti. Per questo motivo, hanno tutto l’interesse a condividere strategie efficaci con i loro copiatori. Questo meccanismo, conosciuto come Copy Trading e marchio di fabbrica di eToro (si tratta di un sistema brevettato a cui il broker deve la sua fama internazionale), può quindi essere considerato una forma legale di Insider Trading. Tutto si basa infatti su informazioni di qualità, alle quali gli investitori hanno avuto accesso senza bisogno di trafugare nulla di riservato.

insider trading

Trovare gli investitori migliori da seguire su eToro è semplicissimo. Il broker dispone infatti di un motore di ricerca interno, che permette di selezionare i guru sulla base dell’asset di interesse – si può scegliere tra criptovalute, azioni e molte altre alternative – ma anche su quella del Paese di provenienza, del profilo di rischio e del numero di copiatori. Ogni guru è dotato di una scheda personale che può essere visionata anche con il conto demo eToro, grazie al quale è possibile operare con denaro virtuale esercitandosi senza bisogno di rischiare il capitale.

Quando ci si sente pronti, si può aprire il conto con denaro reale con un deposito di soli 200 euro. Attenzione: questa cifra di base accessibile non è da considerare un pagamento. Si tratta di una somma di proprietà del trader, che può gestirla a suo piacere sui mercati.

Clicca qui per versarla e per cominciare subito a investire basandoti sulle informazioni di valore condivise dai guru

Insider Trading esempio: un’altra alternativa legale

Come è chiaro da queste righe, esistono investitori particolarmente abili che riescono a effettuare previsioni estremamente accurate dell’andamento del mercato senza bisogno di trafugare informazioni riservate. Le informazioni frutto del loro lavoro vengono distribuite sotto forma di report, ovviamente a pagamento, e messe a disposizione attraverso mail ed SMS. Questi servizi possono avere un costo anche molto alto (siamo nell’ordine delle migliaia di euro al mese). Esiste però un’eccezione alla regola, che riguarda i segnali di trading di 24Option. Questo servizio di notifiche, messo a disposizione dalla società Trading Central, è infatti gratuito per gli iscritti al broker.

insider trading

Si tratta di un’opportunità da non perdere! Parliamo infatti di notifiche di trading di qualità altissima! Per richiederle, ribadiamo, è necessario iscriversi a 24Option. Questo broker richiede un deposito molto basso, pari a minimo 250 euro, somma versabile tranquillamente con la propria carta di credito.

Clicca qui per iscriverti e per accedere ai segnali di trading

Ricordiamo che i segnali di trading di 24Option – prima di iniziare a utilizzarli è possibile aprire un conto demo per familiarizzare con questo broker – sono basati su informazioni ottenute in maniera legale. Ok, a volte sono così precise da far pensare che siano il frutto del lavoro dietro le quinte di qualche gola profonda. A tal proposito è bene specificare che, in casi del genere, a commettere il reato è chi ruba le informazioni, non chi le utilizza, a meno che non sia al corrente della provenienza illecita delle stesse.
Questo, ribadiamo, non è il caso di 24Option. Le notifiche di trading di questo broker sono al 100% legali e possono essere utilizzate senza problemi per investire su diversi mercati, da quello delle criptovalute, a quello azionario, fino al Forex (mercato delle coppie di valute). Per cominciare ad apprezzarne la qualità, devi iniziare la procedura di apertura del conto (dura pochi minuti) cliccando qui.

Quando l’Insider Trading è un reato

Secondo l’ordinamento italiano, sono diverse le fattispecie di reato che possono essere associate alla pratica dell’Insider Trading. La prima voce da ricordare in merito è l‘aggiotaggio, ricordato nell’articolo 501 del Codice di Procedura Penale. Questa parte del testo normativo ricorda la punibilità di chi, con lo scopo di turbare il “mercato interno dei valori e delle merci“, pubblica notizie false o particolarmente esagerate. Questo compattamento è punito con la reclusione fino ai tre anni e con una multa che può andare dai 516 ai 25.822 euro. La pena può aumentare nei casi in cui, a seguito della divulgazione delle sopra citate notizie, si verifica un aumento o una diminuzione del prezzo delle merci.

In caso di aggiotaggio, è considerata più grave la situazione se a commettere il fatto è un cittadino italiano intenzionato a favorire interessi stranieri. Lo stesso vale se, a seguito della divulgazione delle notizie, si verifica un deprezzamento della valuta o dei titoli di Stato. In questi frangenti, la pena risulta raddoppiata. Inoltre, la pena risulta applicabile pure se il fatto viene commesso all’estero.

Molto importante in merito al tema di cui stiamo parlando è anche il decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, che parla in maniera specifica di abuso di informazioni privilegiate. In questo caso il legislatore si rivolge in particolar modo ai membri di organi di amministrazione o a soggetti che detengono partecipazioni a capitali e, di conseguenza, sono in possesso di informazioni non accessibili a tutti. Se questi contenuti vengono comunicati ad atri al di fuori dell’esercizio della propria professione, si va incontro a illeciti penali.

Insomma, molto meglio avvantaggiarsi di segnali di trading legali piuttosto che fare trading finanziario usando illecitamente informazioni privilegiate…

L’Insider Trading nel cinema

Forse non tutti sanno che… la pratica dell’Insider Trading è stata raccontata anche dal cinema! La pellicola in questione è un grandissimo classico del periodo delle feste – per alcuni una vera e propria istituzione – come Una Poltrona Per Due. Il film in questione, nel quale recitano Eddie Murhpy, Dan Aykroyd e Jamie Lee Curtis, vede i protagonisti utilizzare informazioni ottenute in modo illecito relative alla produzione delle arance. Grazie alla soffiata di un agente governativo, riescono infatti a trarre un enorme profitto investendo sul succo d’arancia congelato (che è una materia prima, in inglese commodity).

I protagonisti del film, che arrivano alla fine della storia felicemente milionari, vengono ripresi nella scena finale mentre si godono le proprie ricchezze sorseggiando un cocktail in riva al mare in una meravigliosa spiaggia caraibica. Prendendo come esempio il caso del succo di arancia congelato, ricordiamo che, al di là della finzione cinematografica, molti investitori sono riusciti a diventare ricchi speculando su questa materia prima. In questo frangente, le informazioni sono state ottenute in maniera assolutamente legale. Gli investitori si sono infatti basati sulle catastrofiche previsioni metereologiche relative all’uragano Irma, che ha causao una distruzione senza pari dei raccolti di arance in diverse zone della Florida.

Nel caso degli investimenti in materie prime, accedere a informazioni di questo tipo è cruciale. Per ottenerle in maniera legale ci sono diversi modi. Si può fare riferimento alla sezione “News di Mercato”, ma anche prendere in considerazione alternative più semplici e performanti, come per esempio il Copy Trading di eToro e i segnali di trading di 24Option.

Tornando un attimo al Copy Trading si ricorda che, quando si decide di iniziare a utilizzare eToro, è bene evitare di soffermarsi su un investitore in particolare, “innamorandosi” della sua strategia e pensando di poter svoltare da un giorno all’altro solo seguendolo. Si tratta infatti di una grandissima e pericolosissima ingenuità. Qualora le scelte strategiche del guru del proprio cuore dovessero rivelarsi fallimentari, il rischio è quello di dover affrontare situazioni economiche anche molto serie. Per evitarle, il consiglio migliore da seguire è quello di concentrarsi su almeno una decina di investitori. In questo modo,  è possibile minimizzare il rischio e farsi trovare pronti ad aggiustare le cose quando è necessario.

La medesima prudenza va adottata quando si parla dei segnali di trading di 24Option. Innanzitutto, è necessario ricordare che, pur essendo efficaci, non sono il Vangelo. L’ultima parola spetta infatti all’investitore che, in un determinato momento, sta operando sul mercato.
Per acquisire questo livello di fiducia in se stessi è opportuno affinare l’atteggiamento psicologico e trovare il giusto equilibrio tra la voglia di guadagnare – naturalissima, altrimenti non si comincerebbe neppure a investire online – e la paura di perdere (un altro sentimento normale, ma che non deve dominare). Il conto demo è utile fino a un certo punto per questo scopo. Non dimentichiamo infatti che si tratta di un grande gioco in cui non si vince e non si perde. Operando con denaro virtuale è infatti impossibile provare emozioni, sia negative sia positive. Per questo motivo, dopo qualche ora, è opportuno aprire quello con denaro reale.

Come già detto, per attivarlo 24Option richiede un deposito di soli 250 euro, che puoi versare in pochi click iniziando da qui.

Conclusioni

L’Insider Trading è una pratica che, se ci si ferma alla lettera della definizione, è illegale: se conosco un’informazione riservata su Facebook e la utilizzo per comprare azioni Facebook posso andare anche in galera! Raccontata anche dal cinema, ha diverse alternative che non hanno nulla di problematico. Tra queste è possibile ricordare il Copy Trading di eToro e i segnali di trading di 24Option. Questi servizi, esattamente come l’Insider Trading, si basano su informazioni di valore, rese però disponibili in maniera legale.

I broker che li propongono sono piattaforme legali e riconosciute a livello internazionale. Attenzione: ciò non vuol dire che utilizzarle non sia rischioso. Per evitare problemi e minimizzare il rischio è per esempio consigliabile adottare la strategia del Money Management, che prevede la divisione del capitale in tante piccole parti e l’assegnazione di ciascuna di esse a una singola operazione, evitando di puntare più del 5% ogni volta.

Cosa pensi di questi consigli? Ti hanno aiutato a capire qualcosa di più in merito alla pratica dell‘Insider Trading? Se sì, ti chiediamo di condividere questa guida con i tuoi contatti, così da permettere anche a loro di scoprire qualcosa di più in merito e, soprattutto, di conoscere le alternative legali.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento