Hotbit: guida completa all'Exchange [e alle sue alternative]

hotbit
Novembre 5, 2019
|
Comments off
|

Quando si cercano informazioni su come investire online, è impossibile non prendere in considerazione tutto quello che riguarda le criptovalute. Questi asset, popolarissimi da diversi anni a questa parte, sono oggetto d’interesse sia da parte degli investitori professionisti, sia da parte dei principianti.

Chi è alle prime armi, si informa spesso sulle caratteristiche di Exchange come Hotbit. Dal momento che ci stanno arrivando numerose richieste di informazioni, abbiamo deciso di scrivere la guida che puoi vedere qui sotto. Leggendola, avrai la possibilità di scoprire tutta la verità su Hotbit.

Come avrai modo di vedere tra poco, la nostra guida contiene anche altre informazioni. Nello specifico, abbiamo approfondito le informazioni su Iq Option, 24Option ed eToro, piattaforme legali, sicure e perfette per investire in criptovalute anche se si parte da zero.

Prima della guida, abbiamo inserito un indice. Grazie ad esso, avrai la possibilità di scegliere e di approfondire tutti gli argomenti che, a tuo avviso, sono più interessanti.

hotbit

Cos’è Hotbit?

Hotbit è un Exchange di criptovalute lanciato nel mese di gennaio 2018. La società principale ha sede in Cina. Il sito è disponibile in 5 lingue, tra le quali è possibile ricordare l’inglese. Quando si nomina questo Exchange, è importante ricordare che, almeno per ora, non è regolamentato. Torneremo tra poco su questo aspetto, che non è per nulla positivo. Adesso consideriamo anche altri punti. In primis, va citata la presenza di commissioni corrispondenti allo 0,25%.

Per quanto riguarda quest’ultima cosa, Hotbit va nella medesima direzione di altri Exchange (FatBTC, MXC e LATOKEN giusto per citarne alcuni). Attenzione: la presenza di commissioni è assolutamente legale. La buona notizia è che lo è altrettanto non pagarle. Se vuoi scoprire come farlo, nelle prossime righe puoi trovare alcuni consigli utili.

Alternative gratuite a Hotbit

Chi è alla ricerca di alternative gratuite all’Exchange Hotbit, può considerare broker come Iq Option (clicca qui per accedere al sito). Questo broker permette di operare senza commissioni e partendo da un deposito minimo molto basso, pari a soli 10 euro.

Un altro aspetto degno di nota riguarda il fatto che si tratta di un broker regolamentato. In possesso di licenza CySEC e di autorizzazione a operare da parte della CONSOB, è autorizzato a livello internazionale. Questo è molto importante: quando un broker è autorizzato, offre infatti il massimo delle garanzie di tutela agli utenti.

hotbit

Tra le altre caratteristiche è possibile ricordare la possibilità di investire su diverse critpovalute, tra le quali è possibile ricordare Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e Ripple, giusto per fare alcuni esempi.  Abbiamo utilizzato il termine “investire” e non quello “acquistare”. Per quale motivo? Perché l’acquisto, oggi come oggi, non è l’opzione più vantaggiosa.

Per rendersi conto del motivo, è sufficiente chiamare in causa il percorso di Bitcoin tra il 2017 e il 2018. Dopo un anno all’insegna della crescita record, la più celebre criptovaluta del mondo ha perso quota. Questo cambiamento ha portato molte persone a parlare della fine della possibilità di investire in criptovalute. La cosa non è vera. Chi vuole guadagnare da questi asset ha la possibilità di farlo tramite i CFD (Contracts for Difference).

Questi strumenti derivati consentono di speculare sulle variazioni di prezzo delle valute digitali. La scelta è tra:

  1. Apertura della posizione long o di acquisto: questa alternativa è da considerare quando si prevede un aumento del valore della valuta digitale.
  2. Apertura della posizione short o di vendita allo scoperto, strada da prendere in caso contrario.

Come è chiaro da queste poche righe, grazie ai CFD è possibile guadagnare anche quando le criptovalute perdono quota. La gestione di questi strumenti è molto semplice e accessibile anche da parte dei principianti. Essenziale è però non farsi ingannare. Investire in criptovalute è infatti rischioso.

Mettere da parte questo aspetto è pericoloso. Quello che si può fare, è imparare a controllarlo. Molto utile a tal proposito è la scelta di formarsi. Validissima a tal proposito è la guida gratuita di 24Option. Questo ebook interattivo si contraddistingue per una semplicità fondamentale quando si comincia da zero. La guida è infatti ricca di trucchi pratici. La teoria è importante, su questo nessuno può dire niente. Senza la pratica, però, non si va da nessuna parte.

Come già ricordato, si tratta di una risorsa gratuita. Questo è molto interessante se si considera che, in molti casi, i corsi di trading online richiedono migliaia di euro per non insegnare nulla di utile. Le buone notizie non finiscono qui! La guida può infatti essere scaricata anche da parte di chi non è utente del broker.

Se vuoi leggere l'ebook gratuito di 24Option, clicca qui e inserisci la mail che utilizzi di più

Parlare di 24Option, ottima alternativa gratuita a Hotbit, significa considerare anche i segnali di trading. Quando li si nomina, si inquadrano dei consigli, forniti da investitori di fama internazionale, su come muoversi sui mercati. Si tratta oggettivamente di un servizio di grande valore, proposto a pagamento da parte di molti broker. Anche in questo caso 24Option si differenzia rispetto alla concorrenza. Questo broker, infatti, consente di provare gratis i segnali di trading.

Per farlo, è necessario aprire un conto con denaro reale ed effettuare un deposito minimo di 250 euro. Ricordiamo che la cifra in questione non è un pagamento. Si tratta infatti di una somma di proprietà dell’utente, che ha la possibilità di scegliere le modalità migliore per utilizzarla sui mercati.

Clicca qui per iniziare a provare gratis i segnali di trading di 24Option

eToro, perché è un’ottima alternativa a Hotbit

Un’ulteriore alternativa gratuita a Hotbit è il broker eToro (clicca qui per accedere al sito). Online dal 2007 e disponibile in Italia dal 2009, questo broker gratuito e regolamentato a livello internazionale ha reso famoso nel mondo il Copy Trading. Di cosa si tratta di preciso? Di un meccanismo che consente di copiare in maniera automatica e gratuita quanto già fatto da altri investitori di successo, i cosiddetti guru.

Come informarsi sulla loro strategia? Tramite bacheche gratuite molto simili a quelle di Facebook dal punto di vista del funzionamento. Alla luce di questo aspetto, quando si parla di eToro è frequente definirlo il social network del trading online.

Questo broker offre numerosi strumenti utili agli utenti. Tra questi, è possibile ricordare il motore di ricerca interno. Grazie ad esso, è possibile selezionare i guru sulla base di diversi criteri. In questo novero è possibile ricordare innanzitutto l’asset di interesse, così come il Paese di provenienza, il profilo di rischio e il periodo di attività. Un criterio ancora più importante da considerare è il numero di copiatori, fondamentale per capire se si ha davanti un guru di vero successo.

Tutte le informazioni in merito sono accesibili anche da parte di chi ha solo il conto demo. Quando ci si sente sufficientemente pronti, è possibile passare al conto con denaro reale. Per attivarlo, è necessario effettuare un deposito di almeno 200 euro.

Clicca qui per iscriverti e per cominciare subito a copiare gli investitori migliori del mondo

Il broker eToro è oggettivamente un’alternativa molto semplice per investire nelle criptovalute. Questo non deve far pensare che si tratti di una macchina da soldi. Chi vuole avere successo investendo su eToro deve infatti muoversi con metodo. Il primo passo da considerare è la differenziazione del rischio.

Questo, in concreto, implica il fastto di seguire almeno 6 o 7 guru. Aggrapparsi alla strategia di un singolo investitore è allettante, ma può rivelarsi altrettanto pericoloso. I guru, seppur bravi, sono infatti degli esseri umani fallibili.Per questo motivo, è opportuno spalmare il rischio su più investitori. Inoltre, è bene non smettere mai di monitorare le loro performance e farsi trovare pronti a eliminare dall’elenco quelli che non risultano più profittevoli.

Hotbit Exchange login: altre informazioni

Dopo questa parentesi sulle alternative gratuite all’Exchange Hotbit, torniamo un attimo a parlare di questo portale. Tra gli aspetti positivi, è possibile citare la presenza di numerose altcoin, ossia criptovalute differenti da Bitcoin. Per quanto riguarda l’efficienza e l’usabilità del sito, chi ha provato l’Exchange ha espresso sono solo positivi.

Ricordiamo inoltre che Hotbit permette ai suoi utenti di acquistare criptovalute operando tramite app mobile scaricabile gratuitamente sul proprio smarpthone e tablet.

Sicurezza

Come ben sa chi è abituato a leggere le nostre guide, teniamo tantissimo a fornire a chi ci segue dei consigli per investire online in sicurezza. Cosa si può dire da questo punto di vista? Che è fortemente criticabile la mancanza di informazioni chiare sulla società che c’è dietro all’Exchange. Guardando la home del sito, è addirittura impossibile ricavare il nome. Lo stesso vale per la sede. Si ipotizza che possa essere in Cina. Altrettanto nebulosa è la questione relativa alle misure di sicurezza.

Nella maggior parte dei casi – giusto per citarne uno, ricordiamo l’Exchange Binance – non si parla di violazioni o di siti che chiudono da un giorno all’altro. Ci piacerebbe molto poter dire che situazioni del genere non si siano mai verificate. Purtroppo, per un Exchange sicuro, ce ne sono tanti altri che non lo sono affatto. Per evitare di trovarsi nella situazione di tante persone che, dopo anni, sono ancora in attesa di ricevere un risarcimento, la soluzione giusta è fare riferimento a broker regolamentati.

Noi abbiamo fornito qualche dettaglio su Iq Option, 24Option ed eToro, ma ci sono molte altre alternative. In tutti i casi, alla base sono presenti regole molto chiare, stabilite dal legistlatore europeo e altrettanto severe.

Se i broker che abbiamo elenco non le seguissero, non potrebbero essere online. Essenziale è sottolineare il fatto che la sicurezza non vuol dire guadagnare nel 100% dei casi. Investire in criptovalute significa infatti andare incontro a un rischio ineliminabile. Tra le altre strategie per affrontarlo, ricordiamo la strategia di Money Management. Per metterla in atto, basta dividere il capitale in tante piccole parti. Ciascuna di esse va destinata a una singola operazione, cercando di non puntare più del 5% ogni volta.

Depositi

Un altro aspetto oggetto di critica quando si parla di Hotbit è l’impossibilità di depositare utilizzando valute legali. L’unica alternativa è il ricorso alle criptovalute. Questo è un problema non indifferente e per molti motivi. Prima di tutto, acquistare criptovalute implica una spesa notevole. Inoltre, come ricordato nei paragrafi precedenti, la volatità dell’asset è forte e il rischio di perdere soldi altrettanto.

Per ovviare a questo ostacolo, è possibile fare riferimento a broker che, come quelli citati poco fa, permettono di depositare in valuta legale in maniera rapida e in diverse modalità, dalla carta di credito ai portafogli elettronici come Paypal e Skrill.

Conclusioni

Hotbit è un Exchange di criptovalute contraddistinto da diverse criticità. Nonostante la buona usabilità del sito, è importante ricordare che si tratta di un Exchange non regolamentato. Anche se fino ad ora non si è verificato nessun problema, la mancanza di regolamentazione è un aspetto senza dubbio preoccupante.

I contro da citare non finiscono qui. Da rammentare è anche la presenza di commissioni, cosa comune a tutti gli altri Exchange. Inoltre, chi utilizza Hotbit non ha la possibilità di puntare al ribasso e di guadagnare anche quando le criptovalute perdono quota.

Considerando questo quadro, per fornire ai nostri lettori una visione complessiva efficace, ci teniamo a ricordare la possibilità di utilizzare broker come Iq Option, 24Option ed eToro.

Queste tre piattaforme non sono solo regolamentate, ma permettono anche di puntare, senza dover pagare commissioni, anche al ribasso. Chi le utilizza ha infatti la possibilità di guadagnare pure quando le criptovalute perdono quota. Come poco fa ricordato, chi le sceglie deve effettuare un deposito di poche centinaia di euro – nel caso di Iq Option la cifra è molto più bassa e pari a 10 euro – tramite modalità che vanno dalla carta di credito al portafoglio elettronico Skrill.

Ora che hai completato la lettura, speriamo che tu abbiamo le idee più chiare sia su Hotbit, sia sulle alternative gratuite a questo Exchange. Se vuoi, puoi condividere la guida con i tuoi contatti Facebook e con quelli di altri social. Con questo gesto, che ti porterà via un secondo, aiuterai tanti altri utenti come te non solo a scoprire tutte le informazioni utili sull’Exchange Hotbit, ma anche a documentarsi sulle principali alternative gratuite e regolamentate.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento