Criptovalute: cosa sono e come si utilizzano

Criptovalute cosa sono e come si utilizzano
giugno 1, 2017
|
Comments off
|

Le valute alternative sono argomenti di grande attualità tra gli investitori e tra chi si interessa di economia. Investire in criptovalute è un argomento molto dibattuto. Sovente però non si hanno le idee chiare su cosa realmente sono e come si utilizzano le criptovalute. Nel corso del post faremo chiarezza definendo sia il significato del termine, sia l’impiego redditizio che se ne può fare.

La criptovaluta: cos’è

Un bene digitale impiegato per scambiare mediante la crittografia per garantire sicurezza alle transazioni e avere controllo sulla creazione di nuova valuta. E’ la criptovaluta, un asset digitale che è crittografato e viene usato per gli scambi. La criptovaluta più nota e pioniera del settore è il Bitcoin.

Criptovaluta: il Bitcoin

Per comprendere in modo pratico cosa sono le criptovalute è sufficiente analizzare il Bitcoin, prima criptovaluta non centralizzata, concepita nel 2009 da Satoshi Nakamoto. Da allora sono nate centinaia di altcoins, alternative a Bitcoin. Nel tempo la criptovaluta primaria è rimasta il Bitcoin che ha raggiunto quotazioni di 1000 euro per una singola unità.

A tutti gli effetti il Bitcoin è uno strumento di scambio, una valuta come la sterlina o l’euro. La criptovaluta è stata concepita per lo scambio di informazioni digitali mediante un procedimento avviato con dei principi della crittografia, impiegata per proteggere le transazioni e per il controllo della creazione di nuove monete.

Il sistema del Bitcoin non è assimilabile a quello bancario. Gli istituti bancari rispondono ad un sistema centrale come la Bce in Europa o la Fed negli USA. Nelle criptovalute non vi è il controllo sulle somme “stampate”. Esiste però un limite di Bitcoin che ammonta a 21 milioni. Non è quindi possibile l’alterazione del valore dei Bitcoin.

Gli istituti finanziari possono stampare altro denaro incrementando l’inflazione derivante dall’espansione irrefrenabile dell’offerta di moneta da parte delle banche centrali.

La maggior parte delle criptovalute derivano da uno dei protocolli: proof-of-quota o proof-of-work. Ogni criptovaluta si sostanzia attraverso una comunità di miners di criptovalute. Componenti del network di persone che hanno strutturato i loro computer o macchine ASIC per prendere parte a validare e ad elaborare migliaia di transazioni ogni secondo che effettuano le criptovalute e in particolare il Bitcoin.

Criptovalute: la capitalizzazione di mercato

Per capitalizzazione di mercato Bitcoin è la criptovaluta più consistente, seguita in seconda posizione dal Litecoin. Bitcoin in termini di popolarità, di innovazione, di solidità, rimane indiscutibilmente al vertice delle criptovalute.

Criptovalute: la sicurezza

La criptovaluta è sicura innanzitutto per l’assenza di bachi nel set di hash, lavoro eseguito dai miners. L’unica probabilità di violare il sistema sarebbe derivata da un attacco al 51%. Dovrebbe esserci un miner in grado di estrarre più del 51% della rete, in modo da assumere il controllo della blockchain globale e crearne una sua alternativa. L’hacker ipoteticamente potrebbe effettuare l’inversione delle proprie transazioni o bloccare altre operazioni.

Le forze dell’ordine sono nella quasi impossibilità a sequestrare una criptovaluta. Non bisogna sfruttare intermediari per eseguire transazioni. Discorso diverso da Paypal dove la moneta virtuale necessita di intermediari. Ogni criptovaluta è pseudo anonima. Alcune monete hanno creato funzioni per generare anonimato.

Come funziona e cos’è OneCoin

OneLife o OneCoin si presenta come moneta virtuale, una delle centinaia che hanno emulato il Bitcoin. La proposta di OneCoin sarebbe talmente interessante da generare una notevole ricchezza. Recentemente OneCoin avrebbe mutato nome in OneLife (pare per via anche di vicissitudini giudiziarie). Chi vuole accedere al sistema OneCoin deve prendere parte ad incontri nei quali si prospetta l’opportunità di diventare ricchi in tempi strettissimi. Il motto è: “Prima ci si unisce, e prima si fa soldi”. Il sistema è molto dubbio. All’atto della registrazione bisogna comprare uno Starter Package, come in molti schemi a piramide. Si spendono da un minimo di 100 euro sino a 28 mila euro. L’acquisto di questo pacchetto non da diritto al possesso di OneCoin o altra criptovaluta. Si possono acquistare soltanto gettoni da scambiare o minare per acquistare i OneCoin. Tale Kari Wahlroos favoleggia di una capitalizzazione di mercato non veritiera.

Bitcoin vanta un capitale di mercato di 5.7 miliardi di euro. Il fondatore di OneCoin sostiene di avere una capitalizzazione di 3 miliardi di euro. Nei portali di ambito economico finanziario non solo OneCoin non primeggia per capitalizzazione ma non esiste affatto.

Si sconsiglia vivamente OneCoin o OneLife. Piuttosto chi vuole investire online può affidarsi a broker autorevoli come Plus500 che mettono a disposizione una piattaforma di trading con le criptovalute.

Criptovalute: come guadagnare

E’ possibile conseguire guadagni interessanti negoziando Bitcoin o altra valuta virtuale di pari valore. Lo si può fare con criterio sapendo scegliere i giusti strumenti. Comprare Bitcoin non è così difficile compre potrebbe sembrare. Sino a poco tempo addietro solo persone esperte erano nelle condizioni di speculare su questa criptovaluta. Il Bitcoin è a tutti gli effetti una valuta negoziabile anche attraverso software come quello messo a disposizione dal broker Plus500 che garantiscono la serenità di un investimento sicuro e redditizio non solo chiaramente su Bitcoin o su altra criptovaluta, ma anche su materie prime, Forex, titoli, azioni e ogni altro strumento di investimento finanziario profittevole e garantito.

Fare compravendita di Bitcoin non è complesso.Plus500 è una compagnia regolamentata e autorizzata da CySEC. Le somme depositate sono totalmente garantite. Anche i trader alle prime armi possono negoziare in Bitcoin utilizzando Plus500, grazie anche a materiale formativo messo a disposizione gratuitamente a tutti gli utenti. L'apertura gratuita del conto di trading con Plus500 può essere fatta anche seguendo questo link.

La piattaforma di Plus500 è molto gradita anche ai trader professionisti. Con Plus500 si può fare trading di Bitcoin, Litecoin e molte altre criptovalute. Plus500 rappresenta il top broker grazie anche ad una piattaforma proprietaria stabile ed efficiente. Si ha accesso ad un servizio di supporto fatto di personale qualificato e sempre disponibile. Con Plus500 si può fare trading finanziario a zero commissioni. Il trader non ha costi di gestione e nessun costo di commissioni sull’eseguito. Si può anche aprire un conto demo per simulare nuove strategie o testare quanto appreso attraverso il corso di trading di Plus500 (anche questo gratuito). Scegliere il broker Plus500 è la soluzione ottimale per investitori che mirano a guadagnare attraverso il mercato finanziario.

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice