Comprare Azioni Twitter: Guida con Strumenti, Broker, Strategie

comprare azioni twitter
febbraio 20, 2019
|
Comments off
|

Il mondo dei social ha cambiato radicalmente le nostre vite e, da diversi anni a questa parte, è entrato pure in Borsa. Sono infatti tanti gli investitori che scelgono di comprare azioni Twitter. Se sei qui, significa che stai pensando di fare questa scelta anche tu. La guida che puoi leggere nelle prossime righe è dedicata proprio a questo tema ed è stata redatta con lo scopo di permetterti di scoprire trucchi pratici per investire in sicurezza.
Leggendola, troverai informazioni sui trucchi migliori per investire, ma anche specifiche su broker come 24Option, piattaforma perfetta per operare con sicurezza.

comprare azioni twitter

Come puoi vedere, prima della guida abbiamo inserito un indice, con l’intenzione di permetterti di scegliere e approfondire gli argomenti che ti interessano maggiormente. Ora non ci rimane che augurarti buona lettura, con la speranza che i consigli che abbiamo selezionato, anche sulla scia delle numerose domande che ci sono arrivate, possano aiutarti a iniziare a investire con sicurezza nelle azioni Twitter.

Grafico in tempo reale azioni Twitter

Cosa sapere sulla società

Iniziamo parlando della storia della società. Il social network Twitter è nato nel 2006, proponendo all’utenza un servizio di microblogging con messaggi di massimo 140 caratteri (i tweet, in italiano cinguettii) che potevano essere condivisi con gli altri utenti di internet.

Nel 2007, Twitter ha raggiunto fama mondiale. Particolarmente decisiva al proposito è stata la conferenza South by Southwest Interactive, durante la quale il social è passato da 20.000 a 60.ooo utenti. In questo specifico caso, si è rivelata vincente l’idea di posizionare dei maxi schermi che proiettavano i tweet scritti dai partecipanti nel corso della conferenza.

Da quell’evento è cominciata la crescita del social che, nel 2013, ha raggiunto i 500 milioni di utenti. A quell’anno risale anche la quotazione in Borsa. Nel 2015, invece, hanno iniziato a profilarsi all’orizzonte diversi problemi. Dopo un 2014 all’insegna della crescita, l’anno successivo è stato infatti caratterizzato dal 10% in meno di utenti attivi. In quel periodo si palesò una forte criticità della piattaforma, ossia a mancanza di un modello di business basato sulla pubblicià, cosa che ha invece fatto la fortuna di un altro nome importantissimo del mondo social, ossia Facebook.

Da allora, il team ha messo in atto diversi accorgimenti per arrivare a risolvere i problemi causati dalle deficienze nel modello di business. Uno dei più interessanti è indubbiamente l’allargamento numerico dei caratteri. Al di là delle problematiche di business, quando si parla della storia di Twitter è il caso di sottolineare la sua importanza a livello culturale e politico dal 2010 in poi. Giusto per ricordare qualche episodio fondamentale, citiamo lo spoglio dei risultati delle votazioni presidenziali USA nel 2012, seguito da millioni di persone grazie allo stream dei contenuti su Twitter.

Questo social ha anche introdotto il concetto di second screen, decretando definitivamente la centralità dei commenti sui social nel corso di eventi televisivi di grande rilevanza, dal Super Bowl a XFactor. Rappresenta, in poche parole, una delle concretizzazioni dell’impatto del social nelle nostre vite. Come già detto, però, non sono mancati i problemi. Dopo il palesarsi delle cricità relative al modello di business, si sono succedute per diveso tempo voci di vendita, con la chiamata in causa di colossi come Disney e Google.

Man mano, però, tutti i grandi nomi si sono defilati, lasciando Twitter, e soprattutto i mercati, in una spasmodica attesa. In seguito alla conclusione del periodo in cui si parlava di vendita del social, si è aperta una nuova fase, caratterizzata dall’introduzione dei video in streaming girabili a 360°. Questa mossa è stata messa in atto con lo scopo di trasformare Twitter in una vera e propria media company sull scia di Facebook.

Quotazione azioni Twitter

Twitter, a causa della gratuità dei servizi e della mancanza di un modello di business pubblicitario, non ha ottenuto ricavi. Nonostante questo, fin dal 2009, il social fondato da Jack Dorsey è riuscito a fare ottimi numeri nelle raccolte fondi. Nel 2013, come già detto, è stata concretizzata la quotazione in Borsa con una delle maggiori offerte pubbliche mai viste su una piazza finanziaria.

Dati sulla capitalizzazione borsistica

Prima di entrare nel vivo dei consigli per comprare azioni Twitter, vediamo qualcosa sulla sua capitalizzazione borsistica. Ricordiamo innanzitutto che, nel 2017, questo valore ha raggiunto e superato i 10.000 di dollari. Con azioni quotate sul Main Market del Nyse, Twitter contribuisce anche al calcolo dell’indice borsistico Nasdaq 100. L’azionariato della società è caratterizzato dalla presenza di investitori sia istituzionali, sia privati.

Pro e contro delle azioni Twitter

Apriamo un attimo la parentesi dei pro e dei contro da conoscere se si ha intenzione di comprare azioni Twitter. Il primo punto forte riguarda il posizionamento solido nel mondo non certo liquido dei social. Lontano dal poter competere con Facebook, Twitter ha comunque delle caratteristiche che lo rendono unico. Degna di nota è anche la risonanza che il social ha in occasione di eventi internazionali di spicco, come per esempio le elezioni presidenziali.

comprare azioni twitter

Quali sono invece i puti deboli? In questo caso si apre il capitolo della forza dei concorrenti, uno su tutti Facebook, che non è un social ma un vero e proprio sistema. Da ricordare è anche il sensibile calo degli utenti attivi che Twitter ha visto negli ultimi anni.

Con queste informazioni in mano, è possibile iniziare a fare trading sulle azioni Twitter. Seguici nelle prossime righe per scoprire quali accorgimenti tecnici adottare.

Cosa fare per comprare azioni Twitter

Cosa ti viene in mente quando pensi alla frase “comprare azioni Twitter”? Senza dubbio la possibilità di acquistare un pacchetto di titoli. Questa scelta è praticabile, ma non rappresenta la soluzione più vantaggiosa. I motivi sono due. Innanzitutto, comprare azioni è oneroso dal punto di vista economico. Inoltre, facendo questa scelta si è in balia della volatilità dei titoli. In caso di loro perdita di quota, si fa presto a trovarsi con molti meno soldi a disposizione. Come ovviare a questa problematica? Ricorrendo al trading CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati permettono di operare in un modo totalmente diverso rispetto all’acquisto concreto. Danno infatti modo di replicare l’andamento dell’asset sfruttando le sue variazioni di prezzo in tutti i sensi.

Grazie ai CFD, quindi, è possibile guadagnare anche quando le azioni di Twitter – o asset come le criptovalute o le valute Forex – perdono quota. Per farlo, basta azzeccare l’andamento dell’asset. Se si pensa che possa crescere, è necessario aprire la posizione long (acquisto). Se invece si presuppone un calo, è necessario aprire una posizione short (vendita allo scoperto).

La gestione dei CFD è semplicissima. Questo è uno dei motivi alla base del loro successo. Tale semplicità, unita alla gratuità, non deve far pensare che il trading CFD sia esente da rischi. Quando si opera, infatti, bisogna tenere in conto il pericolo della leva finanziaria, un moltiplicatore che consente di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella del deposito iniziale.

La leva ha il potere di amplificare i guadagni, ma fa lo stesso anche con le perdite. Come evitare questo problema? Metterlo totalmente da parte non è possibile. Quello che si può fare è affrontarlo con strategie come il Money Management, che si basa sulla divisione del capitale in più parti, ciascuna delle quali va destinata a un singolo asset o a una specifica operazione. In linea di massima, non si dovrebbe puntare più del 5% ogni volta. In questo modo, è possibile diversificare al meglio il rischio.

Molto importante è anche familiarizzare con lo Stop Loss, ossia il segnale che indica al broker il momento esatto per arrestare le operazioni in perdita. I broker che abbiamo appena nominato altro non sono che le piattaforme di intermediazione tra gli utenti e i mercati. Nella tabella qui sotto, puoi trovare alcuni tra i più famosi.

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
etoro
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
200 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
  • Demo Gratuita
  • Gruppo Whatsapp
N/A Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
24option
  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis
250 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
10 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)
plus500
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
100 Inizia
*Terms and Conditions apply
**Your capital is at risk (CFD service)

A questo punto, ti starai chiedendo quale piattaforma scegliere. La prima cosa che ti diciamo è che tutti questi broker sono diversi tra loro. Alcuni sono più adatti a chi è alle prime armi, altri hanno un livello maggiormente professionale. Per trovare un giusto mezzo, abbiamo deciso di approfondire le caratteristiche di 24Option, piattaforma di cui stai per leggere i principali pro.

Perché scegliere 24Option per comprare azioni Twitter

24Option è ideale per comprare azioni Twitter prima di tutto perché legale. Autorizzato dalla Consob e in possesso di licenza CySEC, è controllato a livello internazionale e, per questo motivo, assolutamente sicuro. Attenzione! Non stiamo dicendo che utilizzarlo voglia dire chiudere tutte le operazioni con un guadagno. Quello che si fa scegliendolo è invece affidare i propri soldi a una piattaforma che li tutela e che fa lo stesso con i dati personali.

Se mancano le specifiche in merito alla licenza CySEC e all’autorizzazione Consob, è il caso di chiudere tutto e di cambiare strada. Tutto questo è importante, ma è solo la base dei vantaggi di 24Option. Questo broker, infatti, permette anche di formarsi in maniera estremamente efficace.
In che modo? Grazie a un ebook di ottima qualità e soprattutto gratuito. Il corso di trading online di 24Option è anche estremamente pratico. Per questo motivo si differenzia dalle proposte formative che, molto probabilmente, avrai già visto più volte online. Si tratta di corsi che chiedono migliaia e migliaia di euro, senza spiegare niente.

Il corso di 24Option è radicalmente diverso e, non a caso, è apprezzato da tantissimi trader di fama internazionale. Per provarlo, devi cliccare qui. I vantaggi del broker, però, non si limitano a questo aspetto comunque molto importante.
Come non citare, infatti, la possibilità di usufruire di consulenze telefoniche gratuite e personalizzate? 24Option in ogni caso è famoso per i segnali di trading. Cosa sono? Consigli di investimento che permettono di gestire meglio la scelta delle posizioni. Messi  a disposizione dalla società Trading Central, a differenza di quello che accade con molti altri portali sono gratuiti. Per provarli, devi semplicemente iniziare da qui.

Per sperimentare in prima persona i vantaggi di 24Option, è opportuno aprire il conto con denaro reale. Se non ci si sente sicuri, però, è bene iniziare con il conto demo. In questo modo, è possibile esercitarsi senza bisogno di rischiare subito il capitale.
Si opera infatti con denaro virtuale, in un contesto in cui l’unica differenza è appunto questo aspetto. Quando ci si sente sufficientemente pronti, come già detto, si può aprire il conto con denaro reale. Non c’è assolutamente fretta, dal momento che il conto demo è illimitato. Utilizzarlo come opzione perenne non è però il caso. Solo con il conto con denaro reale è infatti possibile toccare con mano la vera essenza del trading e imparare a gestire psicologicamente il rischio.

Per attivarne il conto con denaro reale, 24Option chiede un deposito minimo di 100 euro, cifra versabile attraverso carta di credito o portafogli elettronici come Paypal e Skrill. Come puoi vedere si tratta di una cifra accessibile, testimonianza di come per comprare azioni Twitter e guadagnare non servano chissà quali patrimoni.

Clicca qui per registrarti ora in meno di 5 minuti sul sito ufficiale

Conclusioni

Comprare azioni Twitter con i CFD è questione di pochi minuti. Prima di iniziare, però, è il caso di valutare diversi aspetti. Prima di tutto, è necessario scegliere il broker giusto. Non sono è opportuno orientarsi verso piattaforme legali, ma è anche il caso di controllare che sia tutto chiaro per quanto riguarda il rischio. Le piattaforme serie, infatti, non raccontano favole, ma mettono in primo piano il fatto che il trading online è rischioso.

Quando si hanno chiari questi aspetti e si è riusciti a raggiungere un buon equilibrio tra voglia di guadagnare e paura di perdere, si può iniziare a comprare azioni Twitter con 24Option. Se questo articolo ti è risultato utile, ti invitiamo a condividerlo con i tuoi contatti. Permetterai a molte più persone di scoprire i trucchi per comprare azioni Twitter.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento