Broker Forex: i consigli utili

Broker Forex i consigli utili
giugno 6, 2017
|
Comments off
|

Il mercato valutario Forex rappresenta uno dei più interessanti luoghi per i trader alla ricerca di soluzioni per incrementare i propri guadagni. Non sempre però i profitti arrivano e non tutti i broker garantiscono le medesime performance. Ecco perché è bene seguire alcuni consigli utili quando si fa trading finanziario, partendo dalla scelta del broker Forex.

Gli investitori italiani hanno compreso (a volte a proprie spese) che non tutte le compagnie finanziarie sono uguali. Per quanto prospettino il medesimo servizio, non hanno lo stesso livello di affidabilità, la qualità non è affatto la stessa. La scelta del broker con cui operare sul mercato Forex non va fatta a cuor leggero.

Le compagnie possono essere suddivise in due grandi categorie: affidabili e nocive. Le società affidabili sono regolamentate, autorizzate ad operare sui mercati finanziari, sono trasparenti, al servizio del trader, hanno a cuore la qualità della propria piattaforma, puntano ad incrementare i margini di profitto dei propri utenti.

La compagnie nocive non sono legalmente autorizzate, ma svolgono comunque attività finanziaria senza averne titolo. Chi apre un conto con broker non autorizzato non ha tutele di alcun tipo. In caso di anomalie, rischia di perdere i soldi investiti. Si trova di fronte a soggetti che molte volte cambiano nome, scompaiono, fanno promesse irrealizzabili. Danneggiano il singolo trader e tutto il sistema finanziario.

Broker Forex: i promossi

Il miglior broker si distingue facilmente da quello nocivo. E’ presente nelle liste delle autorità di vigilanza finanziarie come la CySEC in europa. Non figura in nessuna black list. Non chiede commissioni sull’eseguito o spese. Vanta un servizio di supporto clienti in lingua italiana fatto di personale qualificato, sempre presente. Di lui si parla sempre bene e non sui forum finanziari, ma sulle riviste di settore.

Forex broker operanti in Italia di primo livello sono Plus500, 24option, Markets.com, Iq Option, eToro e 24fx. Si tratta di broker positivi, performanti, i cui utenti hanno un’esperienza di trading positiva. Sono tutti autorizzati e regolamentati.

Broker Forex: gli italiani

E’ consigliato registrarsi solo su broker italiani o che comunque abbiano una piattaforma o una sede in Italia. Il trading finanziario è una materia non difficile ma neanche da sottovalutare. Non si può assolutamente pensare di operare su una piattaforma che non sia in lingua italiana o non abbia un servizio di supporto nella nostra lingua. Se poi si ha una conoscenza di primo livello di una lingua inglese, a quel punto è possibile prendere in considerazione anche una piattaforma non italiana. Immaginatevi una conversazione con un operatore di cui non comprendiamo una parola! Quando ci sono in gioco dei soldi, non si può trascurare nulla a partire dalla linguistica. Ci sono anche portali che hanno versioni in italiano, tradotti malissimo, al limite della comprensione. Anche in questi casi, il consiglio è di evitare di investire soldi e tempo.

Broker Forex: i più affidabili

La sicurezza e l’affidabilità di un broker non si misura soltanto dall’essere regolamentato o meno, ma anche dall’efficienza del software messo a disposizione. Ci sono piattaforme di trading personalizzate, gratuite, performanti, responsive su tutti i dispositivi ed i sistemi operativi. Software che non si bloccano e che consentono di tradare con praticità ed efficacia, grazie anche ad un layout essenziale e funzionale ed uno staff tecnico sempre al lavoro per migliorare la piattaforma ed intervenire in caso di anomalie.

Ci sono anche piattaforme pessime, la cui grafica lascia a desiderare, in cui si immettono ordini che poi vengono elaborati con ritardo. Ci sono software che fanno le bizze quando si va a fare qualche operazione in sequenza. E’ da queste che si consiglia di stare lontani. Mai depositare soldi su broker che si presentano con una piattaforma di trading brutta a vedersi e difficile da utilizzare.

Il miglior broker Forex si distingue anche da questo. La tecnologia non è un fattore che si può mettere in secondo piano. L’efficienza, la velocità e rapidità di azione, sono molte volte decisive. Quando si negozia ad esempio con le opzioni binarie le scadenze sono nell’ordine di 30, 60 secondi. Immaginate di operare con una piattaforma lenta e farraginosa dove i secondi scorrono inesorabili così come le opportunità di guadagnare, che si pianta mentre si sta finalizzando il trade e fa perdere tutto il lavoro fatto! Per evitare questi problemi basta registrarsi a piattaforme come Plus500 e 24option, giusto per citare le due che sono al top, che garantiscono un’efficienza “svizzera”.

Broker Forex: gli autorizzati in Italia

Il consiglio è di operare solo con compagnie che hanno ottenuto una licenza nel nostro Paese. Anche per essere garantiti dal punto di vista fiscale. Alcuni broker sono sostituti di imposta ma la stragrande parte dei migliori non lo è. Consultando tutte le classifiche stilate per individuare i Forex Broker migliori, nessuno degli intermediari finanziari in questione è sostituto di imposta. Ciò si spiega con la natura societaria delle compagnie che sono titolari dei marchi. I broker hanno una sede legale italiana ma presentano una sede operativa altrove. In questo caso il commercialista redige senza difficoltà il quadro della dichiarazione dei redditi e si esegue il relativo pagamento a fine anno.

Sono diversi gli investitori che sfruttano la condizione che i top broker non sono sostituti di imposta e che sia quasi non possibile per l’Agenzia delle Entrate accertare l’evasione, con la finalità di evadere il pagamento delle tasse dovute su quanto guadagnato con il trading Forex. Non sta a chi scrive valutare questo modo di operare. Il consiglio è di rispettare sempre la legge e le normative del Paese dove si opera. La legalità aiuta non solo se stessi (a fare sonni tranquilli) ma anche il sistema economico finanziario che ha bisogno di avere maggiore trasparenza e rispetto delle leggi. Le tasse possono anche essere esose, ma vanno pagate. Altrimenti è legittimo fare una valigia, metterci dentro il pc e andare fisicamente a vivere e a tradare un Paese fiscalmente più vantaggioso. Un buon trader non usa scorciatoie per guadagnare, ma fa funzionare il sistema essendo in prima persona ligio alle regole vigenti.

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice