Bitcoin: come investire e fare trading

Bitcoin
luglio 3, 2017
|
Comments off
|

Anche nel settore finanziario vi sono delle tendenze come quella di investire in Bitcoin. Talvolta questi trend diventano vere e proprie mode. Moltissimi trader commerciano in Bitcoin sia in modo diretto che attraverso il trading Cfd e le opzioni binarie. La moneta virtuale ha preso il sopravvento al punto che i Bitcoin sono di diritto diventati uno strumento finanziario su cui fare trading con possibilità di trarre profitti. Il Bitcoin è diventato qualcosa in più di una moda.

Cosa sono i bitcoin e come funzionano?

I Bitcoin possono essere usati come metodo di pagamento o come titolo di investimento. Si tratta di una moneta elettronica utilizzabile per fare acquisti se vi è un accordo in tal senso tra acquirente e venditore. I Bitcoin non hanno proprietà, una peculiarità che fa di questo strumento la prima moneta che non ha una Banca centrale. I Bitcoin non esistono. Non sono cartacei. Siamo in presenza di una moneta che esiste in relazione allo sviluppo informatico. Senza di esso il Bitcoin non sarebbe esistito. Il Bitcoin può essere considerato un prodotto informatico frutto di elaborati algoritmi. Il valore della moneta, incluso il suo andamento, è regolato da calcoli non facilmente accessibili.

Sul fronte monetario sono le Banche centrali che fissano il costo del denaro. Il mining per il Bitcoin è free. Chiunque può “estrarre l’oro” cioè creare bitcoin. Il numero di Bitcoin presenti al mondo potrebbe incrementarsi senza limite. Si tratta però di un principio solo teorico in quanto i Bitcoin hanno una modalità di funzionamento specifica. Solo chi dispone di un particolare hardware può creare Bitcoin. Tutti gli altri possono fungere solo da utilizzatori dal momento che la complessità di calcolo impedisce loro di essere parte attiva nella realizzazione della moneta virtuale.

Con il mining si esegue la decriptazione degli algoritmi alla base dei bitcoin. Così viene generata nuova valuta che viene messa nella disponibilità degli agenti di calcolo. La distribuzione è regolata da un criterio proporzionale. Rete di produzione della valuta e rete di gestione dei pagamenti coincidono. Si tratta della prima criptovaluta al mondo.

Bitcoin: unità di misura

Il Bitcoin non è assoggettata al controllo di alcuna autorità ma ha una sua unità di misura. L’unità base della moneta è rappresentata dai millibitcoin, poi dai microbitcoin e infine i satoshi. I millibitcoin sono pari a 0,001 Bitcoin, i microbitcoin corrispondono a 0,000001 Bitcoin e i satoshi sono pari a e 0,000000001 Bitcoin.

Bitcoin: creazione

Altri numeri quantificano la dimensione della criptomoneta. Sono quelli legati alla diffusione. I Bitcoin in circolazione ammontano a oltre 11 milioni. Il massimo fissato è 21 milioni di Bitcoin in circolazione. Per giungere a questa quota serviranno 100 anni.

Attualmente vengono creati 25 bitcoin per ogni blocco di calcolo. La quantità andrà a diminuire nel tempo. Più ci si allontana dalla nascita del Bitcoin, maggiore sarà l’apporto di calcolo necessario. A regolare il meccanismo c’è un algoritmo complesso. Con il trascorrere del tempo il mining diventa più oneroso. In questo modo si verifica un assorbimento dell’inflazione. Nei Bitcoin l’inflazione è ammortizzata.

Bitcoin: quotazione

Rimanere aggiornati sulla quotazione del Bitcoin offre l’opportunità di trarre guadagni da questa moneta virtuale. La quotazione del Bitcoin è collocabile sui 700 dollari. Per stabilire il valore della criptomoneta si fa un confronto con la valuta statunitense. Il Bitcoin può essere cambiato con all’incirca 90 divise. E’ pertanto collocabile nel sistema valutario mondiale come una qualsiasi moneta. Oltre al cambio Bitcoin/Dollaro, l’altra coppia più scambiata è quella Bitcoin/Euro. Il simbolo della quotazione del bitcoin è BTC.

Bitcoin: grafico in tempo reale

La quotazione in tempo reale di un asset ha un suo significato se collocata in un confronto storico. Per comprendere se è vantaggioso al momento investire in Bitcoin bisogna incrementare l’orizzonte dei grafici nel tempo effettuando un’analisi tecnica. Il valore del Bitcoin è parecchio distante da quello degli anni precedenti. Sul mercato Forex scopriamo un picco nel novembre 2013. Il cambio BTC/USD all’epoca era a 1,051. La criptovaluta rimase su quei valori per breve tempo tornando in area 700. All’epoca si verificò un boom speculativo. La criptovaluta ha perso consistenza ma è un fenomeno destinato a durare nel tempo.

Bitcoin: come comprare

Per comprare Bitcoin è necessario aprire un indirizzo Bitcoin. Equivale ad attivare un Iban sul quale poggiare per la propria azione di compravendita. Sono diversi i wallet compatibili con Windows, Osx, Linux, Android e iPhone. Tra i programmi più comuni per scambiare Bitcoin annoveriamo: Electrum, Mycelium e Hive. Sono tutti opensource. E sono garantiti sul fronte di sicurezza e velocità.

Una volta attivato un proprio wallet si possono comprare dei Bitcoin. In Italia è possibile acquistare su: Coinbase, The Rock Trading e Bitboat. Sono portali affidabili sui quali acquistare e vendere la moneta in totale sicurezza. Una volta completata la fase di registrazione o si collega il proprio account al sito o si fanno versamenti singoli anche con postepay. Così si alimenta il conto Bitcoin. Il collegamento del conto personale a quello Bitcoin comporta determinate verifiche. L’acquisto e la vendita di moneta non avviene ad un cambio fisso ma in base alle oscillazioni di mercato.

Bitcoin: metodi per guadagnare

Per guadagnare con i Bitcoin bisogna anticipare il mercato, stabilire il momento adatto per vendere o comprare. Sulle quotazioni incidono i market mover. Alcuni fattori influenzano l’andamento dei Bitcoin. Per guadagnare con i bitcoin si può avere un approccio speculativo ma anche sostenendo i Bitcoin.

Guadagnare bitcoin minando

Si può guadagnare Bitcoin mimando. Si tratta di attaccare mediante dei brute force una batteria di dati che sono protetti mediante una crittografia basata sull’algoritmo SHA–256. Minare Bitcon non è semplice. Guadagnare Bitcoin mimando può equivalere a distruggere il proprio computer o spendere troppa energia da fare evaporare il guadagno di Bitcoin. In tanti quindi sono orientati a guadagnare senza minare.

Bitcoin: guadagnare senza minare

Non esiste un metodo univoco per guadagnare Bitcoin gratis. Vi sono diversi trucchi e stratagemmi: Pay Per Action (PPA) (si viene pagati in Bitcoin per eseguire un’azione come una registrazione o un download); Pay Per Play (PPP) (essere pagati in Bitcoin per giocare online); Paid To Click (PTC) (pagati in moneta elettronica per visualizzare banner pubblicitari); Faucet o rubinetti (si ricevono millesimi di BTC per trovare la soluzione a semplici captcha). A scegliere i pagamenti in criptomoneta sono perlopiù società attive nel web.

Puntare in Bitcoin può comportare il rischio di perdere il proprio capitale, stessa rischiosità che vale per ogni tipologia di investimento. L’unica via di investimento è quella dei siti che si occupano della compravendita della moneta virtuale. I Bitcoin comprati (caricati sul proprio account) vanno protetti anche dagli hacker o da un possibile guasto che può fare evaporare tutto il portafoglio. E’ preferibile spostare l’account su un hardware esterno.

Per rivenderli serve riaprire il portafoglio. I broker hanno compreso le potenzialità del mercato dei Bitcoin. Le piattaforme di trading presentano affinità con il sistema Bitcoin. Fare trading con i Bitcoin è un’operazione uguale a quella di ogni altra coppia di valute. Il Bitcoin è una delle divise su cui puntano gli investitori attivi nel Forex Trading.

Fare trading sui Bitcoin

Per operare bisogna usare piattaforme di Forex & Cfd Trading. Tutti i migliori broker consentono di investire su coppie di valute in cui si può utilizzare il Bitcoin. Per comprendere il funzionamento del trading su questa valuta si possono effettuare dei test con un conto demo.

In diversi optano per i CFD Plus500. In effetti Plus500 è la piattaforma più usata in assoluto da coloro che vogliono guadagnare con i bitcoin. Il grande vantaggio di Plus500 è che si tratta di una piattaforma di trading registrata CONSOB, quindi una piattaforma che offre un livello impressionante di sicurezza e affidabilità.

Plus500 funziona veramente bene ed è il broker preferito in Europa. E’ possibile provare in maniera gratuita una piattaforma demo che si può utilizzare senza limiti. Grazie a questa piattaforma demo è possibile sperimentare il trading di bitcoin senza rischi.

La piattaforma di trading di Plus500 è completamente gratuita e priva di commissioni
. Oltre che sui bitcoin, è possibile fare trading di azioni, indici, materie prime, coppie valutare forex.

Puoi aprire il tuo conto gratis su Plus500 cliccando qui.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento