Biki: recensione dell'Exchange [e informazioni sulle sue alternative]

Ottobre 22, 2019
|
Comments off
|

In questo articolo, parleremo nel dettaglio dell‘Exchange di criptovalute Biki. Il motivo è legato al fatto che, nelle ultime settimane, ci stanno arrivando numerose mail da parte di utenti che ci seguono. La cosa non ci sorprende. Il nostro sito, online da anni, è un punto di riferimento molto apprezzato da chi vuole imparare a investire in maniera semplice e sicura.

Dal momento che ci teniamo molto a rispondere in maniera chiara a chi ci chiede informazioni, abbiamo deciso di scrivere una guida completa sull’Exchange Biki. Leggendo l’articolo, avrai quindi modo di scoprire informazioni preziose in merito. Abbiamo deciso di arricchire ulteriormente il contenuto inserendo informazioni su Iq Option, 24Option ed eToro, broker che bisogno conoscere se si ha intenzione di imparare a fare trading in maniera efficace.

Subito prima della guida, abbiamo inserito un indice. Grazie ad esso, se vuoi, avrai la possibilità di scegliere e di approfondire gli argomenti che ritieni più interessanti per le tue esigenze.

biki

Cos’è Biki

Biki.com è un Exchange di criptovalute avente il suo quartier generale sull’isola di Singapore. Annoverato tra i primi 20 Exchange al mondo per la classifica di CoinMarketCap, permette ai suoi utenti di acquistare quasi 300 criptovalute. Questo Exchange è relativamente”giovane”. Il suo lancio online risale infatti all’agosto del 2018.

Annoverato tra gli Exchange di criptovalute con la crescita più veloce, a settembre 2019 Biki aveva 1,5 milioni di utenti. Per quanto riguarda quelli attivi quotidianamente, siamo attorno a circa 130.000. Quando si parla di questo portale è necessario chiamare in causa gli investimenti da parte di realtà come FBG Capital e ChainUp. Se si somma l’impegno degli investitori che hanno deciso di puntare su questo Exchange, si superano i 10 milioni di dollari.

Cosa dire in merito alla sicurezza? Che Biki offre tantissimo ai propri utenti. Dietro al portale c’è infatti un team di esperti internazionali di grande abilità. Proseguendo con le caratteristiche di questo Exchange è il caso di ricordare la possibilità di utilizzarlo anche da mobile grazie al download di app compatibili sia con Google Play, sia con i device del sistema iOS.

Commissioni

Anche in questo caso – come in quello di Exchange di criptovalute come FatBTC, Coinbene, LATOKEN ed MXC – si ha a che fare con l’applicazione di commissioni. Nello specifico, si parla di una commissione di negoziazione pari allo 0,15% (si tratta di una percentuale in linea con quella di altri portali).

Attenzione: la presenza di commissioni è legittima. Lo è altrettanto scegliere di non pagarle. Questa opzione può rivelarsi molto conveniente soprattutto perché esistono anche degli oneri fiscali che non possono essere evitati. Se vuoi scoprire come investire gratis con le criptovalute, seguici nelle prossime righe.

biki

Come investire gratis sulle criptovalute

L’Exchange Biki prevede il pagamento di commissioni. Chi vuole evitare – in maniera legale – questo onere, può fare riferimento ad altre piattaforma. Tra queste, spicca il broker Iq Option (clicca qui per accedere al sito). Quando lo si nomina, non si inquadra solo un broker privo di commissioni. Chi vuole utilizzarlo ha infatti la possibilità di iniziare a investire partendo da un deposito molto basso, pari a soli 10 euro. Attenzione: non si tratta di un pagamento. Il deposito è infatti una somma di proprietà dell’utente, che ha la possibilità di scegliere come utilizzarla suim ercati.

Clicca qui per iscriverti gratis a Iq Option

Come vedi, abbiamo utilizzato il termine “investire” e non “comprare”. Non si tratta di un caso. Gli Exchange permettono di acquistare criptovalute nel vero senso del termine. Questa opzione, assolutamente legale, ha diversi contro. Il primo riguarda il prezzo notevole a cui l’investitore va incontro. Da non dimenticare è poi l’estrema volatilità. Come è chiaro dal caso di Bitcoin, il prezzo delle valute digitali può variare tantissimo nel giro di poco tempo. Dopo un 2017 da record, Bitcoin ha infatti perso quota all’inizio del 2018.

Chi aveva acquistato questa valuta digitale in maniera concreta, si è trovato con in mano molti meno soldi rispetto a quelli con cui era partito. Questo ha portato tantissime persone a gridare alla fine delle criptovalute. Bene: non c’è nulla di vero in questa affermazione.
Broker come Iq Option mettono infatti a disposizione i CFD (Contracts for Difference). Cosa sono di preciso? Strumenti derivati grazie ai quali è possibile replicare l’andamento dell’asset senza bisogno di acquistarlo. Quello che bisogna fare è capire che direzione prenderà il suo valore. Le alternative possibili sono le seguenti:

  1. Apertura di una posizione long o di acquisto nei casi in cui si prospetta un aumento di valore della criptovaluta.
  2. Apertura di una posizione short o di vendita alo scoperto, alternativa da prendere in considerazione nell’eventualità contraria.

Come puoi vedere, è tutto estremamente semplice. Nonostante ciò, non bisogna lasciarsi ingannare. Il rischio c’è e non può essere eliminato. Quello che si può fare è affrontarlo. In che modo? Imparando le caratteristiche fondamentali di broker come Iq Option grazie al conto demo (quando ci si sente pronti, è possibile sostituirlo con quello con denaro reale). Esistono tante altre alternative degne di nota.

Tra queste è possibile considerare la guida del broker 24Option. Si tratta di un ebook interattivo estremamente semplice. Chi lo legge non trova termini complicati e concetti teorici astrusi, ma solo tanti trucchi pratici. Intendiamoci, la teoria è importante per chi investe online, ma non basta. Senza la pratica non si va infatti da nessuna parte.

Come già detto, la guida di 24Option è gratuita. Anche in questo caso c’è una grossa differenza rispetto a molti dei corsi di trading disponibili online, che chiedono migliaia di euro per non insegnare assolutamente nulla di utile. Le buone notizie non finiscono qui! La guida di 24Option può infatti essere scaricata anche se non si è utenti del broker. Se vuoi leggerla, devi solo cliccare qui e inserire la mail che utilizzi di più.

Un altro motivo per cui è famoso 24Option, broker gratuito considerato un’ottima alternativa a Biki per investire nelle criptovalute, riguarda la possibilità di utilizzare i segnali di trading. Quando li si nomina, si inquadrano dei consigli su come muoversi sul mercato forniti da investitori di fama internazionale. I segnali di trading sono un servizio di grandissimo valore. Frutto dell’analisi del mercato sia in tempo reale, sia in prospettiva storica, sono messi a disposizione da molti broker solo a fronte di un pagamento.

Anche da questo punto di vista 24Option si differenzia rispetto ai competitors. Questo broker permette infatti di utilizzarli gratis. Per provarli, è necessario aprire un conto con denaro reale effettuando un deposito minio di 250 euro.

Clicca qui per iscriverti e per provare gratis i segnali di trading

Come nel caso di Iq Option, se non ci si sente subito pronti è possibile esercitarsi con il conto demo. Quando ci si sente idonei ad affrontare i mercati, si può passare al conto con denaro reale. Fondamentale è ricordare che aprirlo non vuol dire essere lasciati a se stessi. Un’altra caratteristica di 24Option (clicca qui per ottenere un conto gratis) è infatti la possibilità di usufruire di consulenze telefoniche gratuite e personalizzate fornite da esperti del broker.

Proseguendo con le alternative utili a Biki è impossibile non citare eToro (clicca qui per accedere al sito). In questo caso, si ha a che fare con un’alternativa ancora più semplice rispetto a quelle appena ricordate. eToro, infatti, non è solo un broker di ottimo livello privo di commissioni. il principale motivo per cui è famoso è il Copy Trading. Con questo termine, si inqaudra un meccanismo brevettato e unico nel suo genere, grazie al quale è possibile replicare quanto già stato fatto da altri investitori di successo, il tutto in maniera automatica e gratuita.

Le informazioni su questi investitori, conosciuti come guru, sono disponibili su bacheche gratuite molto simili a quelle di Facebook. Non è affatto un caso che, quando si parla di eToro, si tende a definirlo il social network del trading online. Tutti dettagli appena ricordati sono disponibili anche a chi ha solo il conto demo. Gratuito e illimitato, quando ci si sente pronti è possibile sostituirlo con il conto con denaro reale. Per attivarlo, è necessario effettuare un deposito minio di 200 euro.

Clicca qui per iscriverti e per iniziare subito a copiare i migliori trader del mondo

Il broker eToro è oggettivamente molto semplice da utilizzare. Nonostante questo, è bene non lasciarsi ingannare e pensare che sia una macchina da soldi. Chi vuole avere successo con questo broker deve operare con attenzione e procedere con metodo. La prima cosa da fare è diversificare il rischio. Anche se è oggettivamente alleattante fare riferimento alla strategia di un singolo guru, non bisogna cadere in tentazione. Gli investitori di eToro sono pur sempre esseri umani e non certo macchine infallibili.

Un altro consiglio per investire in maniera efficace con eToro (clicca qui per ottenere un conto) riguarda il fatto di monitorare le performance dei guru seguiti, facendosi trovare pronti a eliminare dall’elenco quelli che non risultano profittevoli.

Non c’è che dire: con il giusto metodo, gestire gli investimenti con eToro è davvero alla portata di tutti. Questo broker, online dal 2007 e disponibile in Italia dal 2009, ha la trasparenza tra le sue caratteristiche principali. Per rendersene conto, basta ricordare che i guru vengono remunerati economicamente sulla base del numero di persone che li seguono. Per questo motivo, hanno tutto l’interesse nel condividere con il resto della community informazioni utili.

Metodi di deposito su Biki

Torniamo un attimo a parlare di Biki, entrando nel dettaglio dei metodi di deposito. Quando si parla di questo Exchange, è necessario ricordare che l’unica alternativa per depositare sono le criptovalute. Questo, di fatto, taglia fuori tantissime persone. Come già detto, possedere criptovalute significa affrontare costi notevoli per il loro acquisto ed esporsi a un rischio notevole.

Per questo motivo, chi ha intenzione di investire risparmiando deve fare riferimento a broker come Iq Option, 24Option ed eToro. Soprattutto il primo, permette di cominciare a investire con una somma a dir poco bassa.

L’Exchange Biki è davvero sicuro?

Abbiamo fatto cenno in precedenza al livello di sicurezza dell’Exchange Biki, facendo presente che questo aspetto viene gestito da professionisti di ottimo livello. Ricordiamo anche il punteggio dell’Osservatorio di Mozzilla, che corrisponde a F (siamo nella media di altri Exchange). Purtroppo tutto quello che abbiamo appena ricordato non vale per tutti gli Exchange di criptovalute. Sono infatti numerosi i casi di portali di questo tipo che sono stati hackerati o che hanno chiuso da un giorno all’altro sparendo con i soldi degli utenti.

Per evitare di trovarsi in situazioni del genere, fare riferimento ai broker sopra citati è la scelta giusta. Piattaforme come Iq Option, 24Option ed eToro devono infatti rispondere a regole molto severe. Se non le seguissero, non potrebbero essere online. Si tratta di normative molto stringenti. Se i broker sopra ricordati non li seguissero, non potrebbero essere online. La presenza delle regole sopra ricordate è però garanzia di sicurezza per i soldi degli utenti.

Attenzione, però: non stiamo dicendo che utilizzare i broker sopra citati voglia dire guadagnare nel 100% dei casi. Il rischio è sempre presente ed è necessario imparare ad affrontarlo. Tra le strategie più utili al proposito, oltre a quelle sopra ricordate, è possibile citare il Money Management. Questa semplice tattica prevede la divisione del capitale in più parti, ciascuna delle quali va assegnata a una singola operazione, cercando di non puntare più del 5% di volta in volta.

Conclusioni

Biki è un Exchange di criptovalute che, in pochi mesi, ha macinato numeri di tutto rispetto. Nonostante questo, è caratterizzato da diversi contro. Tra questi è possibile citare le commissioni, ma anche la possibilità di depositare solo tramite criptovalute. Questo non è certo funzionale alle esigenze di chi vuole investire partendo da cifre basse.

Riuscirci è possibile facendo riferimento a broker come Iq Option (clicca qui per iscriverti), che permette appunto di iniziare con un deposito minimo di 10 euro senza pagare commissioni. Tra le altre alternative da prendere in considerazione c’è 24Option (clicca qui per ottenere un conto gratis), ma anche il Copy Trading di eToro (clicca qui per iscriverti), meccanismo che consente di investire anche se a chi è totalmente principianti.

Ora che sei arrivato alla fine, speriamo di averti chiarito i principali aspetti dell’Exchange Biki e delle sue alternative gratuite. Se vuoi, puoi condividere l’articolo con i tuoi contatti Facebook e con quelli degli altri social a cui sei iscritto. In questo modo, permetterai ad altri utenti come te di capire qualcosa di più sugli Exchange di criptovalute e, in generale, su come guadagnare con Bitcoin e le altre valute digitali.

*Il vostro capitale potrebbe essere a rischio. Questo non è un consiglio di investimento