Indicatori analisi tecnica

*Il tuo capitale potrebbe essere a rischio. Questo sito non fornisce consigli di investimento.

indicatori analisi tecnica

Se stai cercando un modo per migliore le tue operazioni nel campo del trading online, l’hai già trovato, ma forse ancora non te ne sei reso conto; stiamo parlando ovviamente degli indicatori di trading, una risorsa determinante per ogni trader che prenda la sua attività seriamente e si ponga l’obiettivo di arrivare ad ottenere risultati concreti.

Un indicatore tecnico è il risultato visivo di calcoli matematici che vengono effettuati sul prezzo di un certo bene. Che si tratti di materie prime, di indici, di azioni oppure di coppie di valute del mercato Forex non conta, gli indicatori di trading svolgeranno il loro compito sempre allo stesso modo, perchè sono degli imparziali osservatori, dei puri e semplici misuratori dell’andamento dei prezzi nel passato sui vari mercati finanziari.

La cosa interessante è che chi fa trading per professione, allo scopo di rendere ottimizzati ed efficienti i propri investimenti, utilizza gli indicatori di trading come uno dei pochi mezzi a disposizione per razionalizzare ciò che scrutano con i loro occhi sui grafici che rappresentano il prezzo. Con gli indicatori di trading si può infine arrivare a decidere quali siano i momenti migliori per entrare o uscire da un mercato, oppure, cosa fondamentale per ogni operatore finanziario: capire quale rischio comporti un certo trade.

Attenzione però: gli indicatori di analisi tecnica sono importanti, ma ci sono elementi ancora più importanti, ad esempio la piattaforma che si utilizza per fare trading online. Se scegli una piattaforma di trading che non sia autorizzata e legale rischi ad esempio di subire dolorose truffe e raggiri. Il nostro consiglio è di scegliere sempre piattaforme di trading degne di fiducia e oneste. Piattaforme come Plus500 o 24option ti garantiscono sempre onestà e affidabilità perchè sono autorizzate e regolamentate.

Per completezza, pubblichiamo qui sotto una tabella che riassume le caratteristiche salienti di quelle che sono considerate le migliori piattaforme di trading

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
IQ option
  • Piattaforma intuitiva
  • Conto demo gratis
10€ Inizia
*Terms and Conditions apply
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
*Your capital is at risk
24option
  • Tutti gli strumenti di trading
  • Segnali di trading affidabili gratis
250€ Inizia
trade.com
  • Spread più bassi
  • Piattaforma molto intuitiva
250€ Inizia
bdswiss
  • Rendimento medio Opzioni: 85 %
  • Facilità d'uso
100€ Inizia
avatrade
  • Bonus gratis fino a 10000€
  • Leva fino a 400
250€ Inizia

Indicatori di trading: come utilizzarli

Gli indicatori di trading sono l’anima del settore dell’analisi tecnica di cui hai già sicuramente sentito parlare se hai già frequentato questo ambiente in passato. L’abilità basilare di ogni trader deve essere quella di sapere leggere ed interpretare i grafici di prezzo, si tratta di una abilità non semplice da ottenere e che inizialmente potrebbe sembrare proibitiva da raggiungere, ma non è così e a dimostrarlo ci sono milioni di persone che sono partite da una base, pressoché nulla, di conoscenze in questo campo per poi arrivare a padroneggiare l’analisi tecnica e quindi avere un controllo quasi totale sui propri eseguiti.

I grafici rappresentano, sulla base di un diagramma cartesiano, le variazioni che subiscono i prezzi in fase di contrattazione. A seconda delle scelte del trader i grafici possono rappresentare l’andamento dei prezzo con diversi archi temporali. I trader variano il cosiddetto Time Frame del grafico per fare valutazioni sull’andamento a lungo termine ed a breve termine del prezzo e quindi decidere come agire sempre tenendo conto del proprio stile di investimento, della propensione al rischio e dell’ammontare di capitale a disposizione, non da ultimo, anche delle indicazioni fornite dagli indicatori di trading.

Sono moltissime le nozioni che si possono apprendere partendo dalla semplice osservazione di un grafico, anche spoglio di strumenti di analisi, ma se in un secondo momento questi fanno la loro comparsa allora il quadro si farà ancora più chiaro, preciso e pregnante. Con gli indicatori di trading per esempio è possibile capire quale sia l’andamento prevalente del mercato, se esso sia o meno in un trend e quali sono le scelte che la maggior parte degli investitori (compratori / venditori) sta compiendo in questo momento.

Questo tipo di analisi va poi ampliata approfondita e corredata da altri tipi di dati che si possono trovare ancora sul grafico stesso oppure anche al di fuori di esso, cercando di capire quale sia il “sentiment” che circonda l’andamento di un titolo e come questo possa influenzare emotivamente coloro che vi investono; in base a queste valutazioni gli investitori possono prendere a loro volta decisioni, che se sono state prese nel rispetto di tutti i parametri e si considerazioni razionali, porteranno quasi certamente l’operatore al successo oppure quantomeno alla limitazione massima di una eventuale perdita.

Indicatori di trading: la loro efficacia

migliori indicatori di tradingCome avrai già compreso gli indicatori di trading vengono utilizzati per un solo specifico scopo: quello di cercare di comprendere in quale direzione potrebbe muoversi l’asset che stai attentamente analizzando. Attenzione, non stiamo certo dicendo che con gli indicatori tecnici si diventa una sorta di “medium” in grado di prevedere il futuro, al contrario, nulla nel campo del trading può dare questa facoltà altrimenti gli investitori sarebbero tutti da tempo, ricchi.

Il vantaggio offerta dall’utilizzo di indicatori di trading però non va in nessun caso sottovalutato e si tratta essenzialmente di un vantaggio statistico. Come abbiamo detto gli indicatori tecnici si basano su calcoli matematici per fornire indicazioni a chi investe o analizza; bene queste valutazioni che vengono compiute in maniera automatica dai software che dispongono degli indicatori, ti garantiscono che nella maggior parte dei casi il prezzo si comporta in un certo modo, come ad esempio 6 o 7 volte su 10.

I bravi traders quindi devono imparare a leggere gli indicatori, ma non a fidarsi sempre ciecamente di essi. Quello che gli indicatori di trading suggeriscono va sempre attentamente valutato, va sempre letto in base alle altre indicazioni che si hanno in mano ed anche e soprattutto in base al contesto in cui certi eventi si verificano sul mercato: tutti questi aspetti vengono definiti dagli esperti del settore come STRATEGIA.

Nel prosieguo di questo elaborato hai l’occasione di vedere raggruppati in un unico posto tutti i principali indicatori di trading, i migliori che siano mai stati utilizzati dai traders professionisti. Il nostro scopo è quello di presentarli brevemente per  andare ad approfondire ulteriormente ognuno degli indicatori di trading che elencheremo; ciò sarà fatto in articoli specifici dove puoi raccogliere molte altre utili informazioni, ma soprattutto si tratterà di approfondimenti nei quali puoi scoprire come utilizzare gli indicatori tecnici a tuo vantaggio, di volta in volta, sui mercati finanziari illustrandone:

  • La storia
  • Il funzionamento
  • Le strategie
  • L’efficacia
  • I falsi segnali

Indicatore ADX

Nel successivo approfondimento parleremo ad esempio di ADX, un indicatore molto famoso ed utilizzato da tempo immemore nel campo del trading, questo grazie al fatto che è in grado di mostrare e misurare le forza di un trend.

L’indicatore fu inventato come molti altri da Welles Wilder, un ingegnere divenuto analista tecnico in seguito alla sua scoperta passione per la materia. Egli è stato in grado di inventare alcuni strumenti di analisi formidabili, tra di essi va segnalato proprio l’ADX che è capace di misurare l’andamento di un trend di mercato indifferentemente che si tratti un titolo di un crosso oppure di un indice di mercato.

L’ADX è in grado di misurare senza difficoltà la forza intrinseca di un trend, sia esso rialzista o ribassista, offrendo importanti indicazioni riguardanti le possibilità che esso abbia di continuare oppure di giungere al termine, oppure anche quanti sono gli investitori che stanno partecipando al mercato (in un certa direzione) in quel dato momento.

>>> Per approfondimenti clicca su: ADX

Indicatore MACD

In un successivo approfondimento parleremo anche del MACD, a sua volta si tratta di uno strumento ampiamente utilizzato da traders di qualsiasi livello immaginabile. MACD è un acronimo che sta per “Moving Average convergence – divergence”, per quanto questo nome in inglese risulti piuttosto astruso, con il MACD è possibile generare validissimi segnali di acquisto o di vendita di una posizione.

La convergenza o la divergenza delle sue medie mobili e della signal line è semplice da leggere eppure mostra “segreti” del mercato che permettono di orientare nel modo giusto le proprie valutazione e gli investimenti a loro volta. Questo indicatore va ad inserirsi direttamente al di sotto del grafico di prezzo della piattaforma che si utilizza. Il MACD comprende anche un istogramma composto di barre verticali, ecco quindi che è facile intuire quale grande numero di informazioni è possibile ottenere anche da un singolo indicatore di trading se ben strutturato, come questo.

>>> Per approfondimenti clicca su: MACD

Indicatore media mobile semplice

Se anche non sei nel campo del trading da molto tempo è praticamente impossibile che tu non abbia mai sentito parlare della famosa media mobile semplice. La misurazione della media mobile semplice viene effettuata per valutare quale sia il prezzo medio di un asset in un certo arco temporale, ma questo “complicato” processo si riduce alla visualizzazione di una semplicissima linea che va ad apporsi direttamente sopra il tuo grafico di prezzo.

Una linea certo, una semplice linea, che però si è dimostrata un indicatore di trading talmente efficace e facile da leggere da essere diventato quindi praticamente subito uno degli indicatori più apprezzati ed amati dai traders intorno al globo. I segnali di trading provenienti dalla media mobile sono numerosi, anche se non sono affidabili in tutti i casi, l’importante è saperli interpretare nel contesto in cui si trovano e che il mercato si trovi in trend, rialzista o ribassista non conta.

>>> Per approfondimenti clicca su: Media mobile 

Oscillatore RSI

Tra gli indicatori di trading riveste una grande importanza anche il famoso RSI, anche conosciuto in lingua italiana come l’indice di forza relativa, si tratta di uno degli indicatori di analisi tecnica che più spesso viene utilizzato per lo studio dei grafici.

Questo indicatore, in maniera simile ad un altro oscillatore chiamato stocastico, misura i cambiamenti di un prezzo per stabilire se esso si trova in particolari fasi di mercato in cui un asset è stato venduto o comprato eccessivamente rispetto a quanto accaduto in passato. Anche questo indicatore non va a comparire direttamente sopra l’andamento del prezzo, ma si posiziona al di sotto del grafico seguendone l’andamento in maniera apparentemente simile.

L’RSI, come puoi scoprire andando a leggere l’approfondimento, è un indicatore che va sempre preso in considerazione e si trova molto bene quando combinato con altri indicatori per ottenere ulteriori delucidazioni su come orientare i tuoi trades.

>>> Per approfondimenti clicca su: RSI

Indicatore  bande di Bollinger

Anche questo indicatore sembra avere un nome molto strano, ma semplicemente perchè, come spesso accade esso rispecchia il nome del suo scopritore o inventore John Bollinger. Questo indicatore particolare è utilizzato per misurare la volatilità sui mercati finanziari, il concetto di volatilità è molto importante nel trading e potrai trovarlo approfondito in seguito andando a leggere l’articolo di approfondimento sulle bande di Bollinger.

Le bande di Bollinger non solo sono in grado di misurare la volatilità nei mercati ma anche di permetterti di valutare la direzione dei movimenti sui mercati. Anche le bande sono in grado di fornire segnali operativi di acquisti o di vendite sugli asset e possono farlo davvero molto spesso. Le bande si presentano semplicemente come delle linee simili a medie mobile e sul grafico puoi vederne proprio 3, che circoscrivono l’andamento del prezzo con una banda centrale generalmente di colore differente.

>>> Per approfondimenti clicca su: Bande di Bollinger

Trend line

Questo indicatore può anche essere definito “grafico” grazie alla sua peculiarità di andare a posizionarsi direttamente sul grafico e per il fatto di potere essere disegnato direttamente dal trader senza effettuare alcun calcolo matematico speciale, ma semplicemente osservando delle linee guida che andremo a specificare nell’articolo di approfondimento.

Le trend line sono conosciute in italiano anche come linee di tendenza, esse prendono questo nome per la peculiarità di essere delle semplici rette che però vanno ad esplicitare con molta evidenza quale sia il trend in atto, ovvero se si tratti di un trend ribassista o rialzista. Le rotture di trend line sono segnali molto apprezzati dai traders che se riescono a cogliere in tempo i momenti critici di rottura da parte del prezzo possono investire in maniera molto sicura e decisa.

>>> Per approfondimenti clicca su: Trend line 

Pivot Point

Anche i Pivot point sono meritevoli di un approfondimento perchè risultano essere molto utili per gli investitori. I punti pivot sono dei segnali grafici  utilizzati in analisi tecnica per determinare i livelli critici di supporto o resistenza e cercare di comprendere i movimenti che potrebbero verificarsi sui mercati.

Nonostante siano meno conosciuti di altri indicatori, i punti pivot sono discretamente utilizzati da chi studia l’andamento dei mercati attraverso l’analisi tecnica e possono essere di notevole aiuto anche per chi fa trading con il forex. Essi determinano graficamente i punti di ingresso o di break out, in modo da aiutare nelle decisioni di acquisto o vendita di una coppia di valute oppure di altri asset potenzialmente lucrativi.

>>> Per approfondimenti clicca su: Pivot Point

Supporti e resistenze

Infine nella nostra proposta di indicatori di trading puoi trovare l’approfondimento riguardante i supporti e le resistenze. Anche le pareti sanno di cosa si tratta! Al di la degli scherzi, stiamo parlando veramente di uno dei capisaldi del trading, supporti e resistenze sono anch’essi caratterizzati da semplici linee, le quali però sono di fondamentale importanza per chiunque intenda investire sui mercati finanziari, da non perdere assolutamente l’approfondimento dedicato alla strategia ed alle tecniche di utilizzo di questo strumento.

>>> Per approfondimenti clicca su: Supporti e resistenze 

Migliori piattaforme trading online

Chiudiamo questo nostro paragrafo con la lista delle migliori piattaforme di trading online. Abbiamo già detto che la scelta della piattaoforma è davvero importante per evitare brutte sorprese. Ecco le piattaforme che si possono adoperare con fiducia:

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
IQ option
  • Piattaforma intuitiva
  • Conto demo gratis
10€ Inizia
*Terms and Conditions apply
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
*Your capital is at risk
24option
  • Tutti gli strumenti di trading
  • Segnali di trading affidabili gratis
250€ Inizia
trade.com
  • Spread più bassi
  • Piattaforma molto intuitiva
250€ Inizia
bdswiss
  • Rendimento medio Opzioni: 85 %
  • Facilità d'uso
100€ Inizia
avatrade
  • Bonus gratis fino a 10000€
  • Leva fino a 400
250€ Inizia

*Il tuo capitale potrebbe essere a rischio. Questo sito non fornisce consigli di investimento.

Summary
Review Date
Reviewed Item
Indicatori Analisi Tecnica
Author Rating
51star1star1star1star1star
*Your capital may be at risk. This is not an investment advice