Correlazione tra valute

January 16, 2017
|
Comments off
|

Un aspetto molto importante da considerare nel trading sul Forex è la correlazione tra valute. Il termine correlazione sta a significare che tra due valute vi è un rapporto di relazione reciproco, per cui il valore di una influenza anche l’altra. Poiché nel Forex si negoziano coppie valutarie, ovvero coppie di valute, non si può considerare una valuta a sé stante. Infatti, mentre si vende una valuta se ne compra un’altra.

Per chi non è ancora molto pratico, consigliamo di non studiare le correlazioni tra più di tre coppie valutarie per uno stesso fine. Infatti, studiare le correlazioni prodotte da 4 valute è molto più difficile rispetto allo studio delle correlazioni prodotte da 3 valute. Ad esempio, si potrebbe iniziare studiando le correlazioni tra Euro, Dollaro e Yen, quindi i cross EUR/USD (euro contro dollaro), USD/JPY (dollaro contro yen) e EUR/JPY (euro contro yen).

Tabelle di correlazione

Molto utili per tenere conto della correlazione tra valute sono le tabelle di correlazione. Queste possono riguardare diversi archi temporali, tra cui anche l’arco giornaliero. In tal caso parleremo di correlazione giornaliera. Sulla tabella di correlazione vengono visualizzati i cross valutari disposti sia a capo di una colonna, sia a capo di una riga. L’incrocio tra i due punti sarà uguale a 100, ciò vuol dire che sulla linea EUR/USD troverò 1,00 in corrispondenza dell’incrocio con la tabella EUR/USD. Il numero 1,00 significa parità.

Si tengano ora presente le tipologie di correlazione:

  • Alta e positiva:  l’alta correlazione (punteggio superiore a 80) significa che tra i due cross valutari c’è uno stretto rapporto e che quindi le quotazioni di uno varieranno con alta probabilità anche il secondo. Una correlazione si dice positiva quando i cross valutari si muovono nella stessa direzione.
  • Alta e negativa: qui vale lo stesso discorso precedente riguardo l’alta correlazione, tuttavia vi è una correlazione di tipo negativo. Una correlazione si dice negativa quando i cross valutari si muovono in direzioni opposte.
  • Bassa e positiva: la bassa correlazione (punteggio inferiore a 60) denota che tra i due cross valutari vi è un interdipendenza più flebile e che quindi le quotazioni di uno varieranno con una bassa probabilità anche il secondo. Una correlazione si dice positiva quando i cross valutari si muovono nella stessa direzione.
  • Bassa e negativa: qui vale lo stesso discorso precedente riguardo la bassa correlazione, tuttavia vi è una correlazione di tipo negativo. Una correlazione si dice negativa quando i cross valutari si muovono in direzioni opposte.

Nell’esempio qui sotto potete vedere ad esempio in verde le correlazioni positive, in rosa quelle negative. Più alta è la correlazione, più scura sarà la casella. Perciò verde scuro è la correlazione più alta positiva (senza considerare i 100), mentre rosa scuro è la correlazione più alta negativa. Perciò, nelle caselle verdi più scure troverete quelle che con più alta interdipendenza e che variano nella stessa direzione, mentre nelle caselle rosa più scure troverete quelle con più alta interdipendenza ma che variano in direzione opposta.

Si tenga ben presente che questa tabella è solo un esempio. Andranno perciò considerate valide ed efficaci le tabelle più aggiornate.

correlazione tra valute

 

*Your capital may be at risk. This is not an investment advice